Autoradio

L’autoradio è la principale fonte di compagnia in auto per chi è spesso costretto a viaggiare da solo e per lunghi tragitti: in tali casi questo piccolo oggetto diventa un accessorio praticamente irrinunciabile.  Ma se una volta le autoradio non avevano chissà quali funzioni supplementari, era al massimo possibile collegarsi alle varie emittenti radiofoniche o tuttalpiù inserire un’audiocassetta, al giorno d’oggi questi dispositivi sono diventati un po’ più complicati da gestire e, per forza di cosa, da scegliere. Ecco perché abbiamo pensato di stilare una piccola lista delle qualità che un’autoradio, a prescindere dal modello e dalla marca, dovrebbe sempre possedere.

Come scegliere l’autoradio?

Scegliere un’autoradio, lo accennavamo già qualche riga prima, non è esattamente un’operazione semplicissima o almeno non lo è più come una volta. Optare per un prodotto anziché per un altro lasciandosi guidare soltanto da criteri selettivi poco validi (il prezzo, l’aspetto e così via) può rivelarsi una scelta azzardata e spesso foriera di problemi ed insoddisfazioni. Ecco allora a quali caratteristiche non bisogna mai rinunciare per essere sicuri di prendere la decisione giusta:

opinioni classifica e prezzo migliori modelli in vendita online

DIN

In pochi sanno esattamente a cosa ci si riferisce parlando del DIN, ma in molti hanno quanto meno la consapevolezza che questa sigla ha in qualche modo a che vedere con il mondo delle autoradio: è già un passo avanti… Bene, fughiamo subito ogni dubbio dicendo che dietro a queste tre lettere non si nascondono ragionamenti complessi o spiegazioni elaborate bensì una semplicissima informazione che però ha un grosso peso nell’acquisto di un’autoradio adatta alla propria vettura.

La dicitura “DIN” può essere accompagnata dai numeri 1 e 2. Nel primo caso si fa riferimento ad una autoradio dal formato molto diffuso, il 180mm x 50mm, particolarmente in uso nelle vetture di più moderna concezione. Nel secondo si indica invece un prodotto dalle dimensioni pari a 180mm x 100mm, quindi notevolmente più alto rispetto al precedente modello.

Sapendo ciò è ovvio che si opterà per una DIN 1 o per una DIN 2 anche in relazione alle caratteristiche della propria autovettura. Inoltre è d’obbligo precisare che, data la sua maggiore diffusione, da ora in poi il resto delle informazioni reperibili su questa guida faranno riferimento al modello DIN 1.

Ingressi

Sono parecchi i canali, e quindi gli ingressi, utilizzabili da un’autoradio. Il primo di essi è quello riferito principalmente alla sintonizzazione radio. Questo consente di catturare tanto le onde FM quanto le AM e quindi di ascoltare indisturbati tutte le trasmissioni radiofoniche che più ci interessano. Ma non finisce ancora qui. Ascoltare in santa pace delle frequenze radio può voler dire infatti dover beneficiare anche di altre funzioni quali ad esempio la visualizzazione dei dati RDS.

Grazie a quest’ultima opzione sarà possibile infatti ricevere i segnali digitali emessi dalle varie stazioni e quindi trovare agevolmente la propria trasmissione preferita nel caso in cui le frequenze abituali dovessero per qualche ragione variare. Questo significa che, contrariamente a quanto accadeva tempo addietro, cambiare città o regione non vorrà dire più perdere del tempo a ritrovare l’emittente radio normalmente ascoltata che inevitabilmente occupa ad altre latitudini delle frequenze diverse.

A tutto questo, per nostra fortuna, penserà adesso la radio in maniera semplice ed automatica. Gli ingressi dedicati alla sintonizzazione radio, almeno nei prodotti migliori, dovrebbero godere anche di tecnologia DAB o DAB+, pensata proprio per poter ricevere al meglio tutti i segnali digitali emessi dalle varie stazioni radio. Per dovere di cronaca è comunque giusto precisare che il DAB è una frequenza particolarmente qualitativa che permette di apprezzare i suoni molto di più di quanto non ci sia consentito da AM ed FM.

Purtroppo però allo stato attuale delle cose in Italia l’unica emittente radiofonica a trasmettere su frequenze DAB è la RAI: se quindi non si è interessati a questo genere di emittente si può soprassedere sulla presenza di tale funzione. Tutto qui quello che bisogna sapere a proposito degli ingressi dell’autoradio? Ovviamente no. Bisognerebbe infatti tenere conto all’atto dell’acquisto anche della presenza di ulteriori canali. Sebbene non siano ormai in molti ad avvalersene uno di questi è il canale dedicato ai lettori CD.

Dato che in parecchi casi questo ingresso si accompagna ad altri tecnologicamente più avanzati non ha senso rinunciarci a priori. Insomma: chi ci può garantire che un giorno o l’altro non ci venga la voglia di ascoltare quel vecchio CD regalatoci dal fidanzato dell’epoca o sapientemente composto con le nostre mani? Soprattutto se chi acquista l’autoradio ama creare da sé delle raccolte di MP3 questo tipo di ingresso è spesso irrinunciabile!

Se si sceglie di includere questo tra i vari canali ricercati nel proprio dispositivo si verifichi anche l’esistenza di un congegno anti-shock come l’electronic skip protection che evita a priori tutte quelle fastidiose interruzioni nella riproduzione del CD causate da movimenti bruschi dell’auto. Imprescindibile è poi la presenza di un ingresso AUX-in il quale consente di ascoltare musica dal proprio cellulare, dal tablet, dai vari lettori e così via.

A questo canale, perché possa compiere il suo lavoro, andrà sempre collegato un cavo jack audio che trasformerà il dispositivo in esame in un vero e proprio amplificatore. In ultimo è praticamente impossibile per chi acquista oggi la sua autoradio nuova di zecca non preoccuparsi della presenza di ingressi USB e Slot SD. Chi non ha l’abitudine di mettere sulla sua chiavetta grossi archivi di tracce audio?

Il successo delle penne USB in questi casi è facilmente spiegabile: l’utente avrà sempre a sua disposizione un enorme quantitativo di musica mentre il tanto spazio necessario per portare con sé i CD, o peggio ancora le musicassette, al giorno d’oggi non è più richiesto: un pennino può essere lasciato un po’ ovunque o eventualmente portato con sé una volta posteggiata la macchina. Stesso identico discorso vale per le schede SD.

Compatibilità dei formati

Un altro aspetto che chiaramente bisogna tenere in grande considerazione quando si acquista un’autoradio è la compatibilità che essa vanta con i vari formati audio ad oggi conosciuti. Se un tempo, ripetiamo ancora una volta, la musica proveniva soltanto dalle stazioni radio e dalle musicassette, ormai possiamo dire di riuscire a ricavare suoni da introdurre in specifici supporti praticamente da qualsiasi tipo di dispositivo elettronico.

Ognuno di questi marchingegni, ovviamente, “comunica” in un formato piuttosto che in un altro e noi dovremmo scegliere un’autoradio “multilingue”. Al di là delle metafore quindi diremo che un buon dispositivo accetterà come minimo tanto i file Mp3 quanto gli immancabili WMA, tanto i WAV, quanto gli AAC ed i FLAC. Ma spieghiamoci un po’ meglio.

Per quanto riguarda gli MP3, ormai siamo tutti abbastanza ferrati sull’argomento, si tratta di formati normalmente sfruttati dai CD o dai pennini USB. Essi, per quanto discretamente performanti, hanno una pesantezza in byte tutto sommato minima. Questo significa che su un unico supporto potranno essere caricate moltissime tracce audio pur sacrificando un po’ la qualità del sonoro. Tutti gli altri formati audio sono in genere meno utilizzati, ma comunque molto presenti nel mondo della riproduzione della musica.

Il WMA, ad esempio, è nato proprio in diretta competizione con l’MP3 e rispetto a questo garantisce una resa audio sicuramente migliore. Anch’esso, non a caso, può essere tranquillamente supportato da pennini USB e CD. Il WAV o WAVE (come alcuni amano chiamarlo) offre standard qualitativi indubbiamente migliori rispetto a quelli proposti da un comune file MP3, il problema però è che lo spazio da esso occupato all’atto del trasferimento su CD o chiavetta è decisamente eccessivo e comunque notevolmente superiore rispetto a quello richiesto dal formato concorrente.

L’AAC è invece un formato audio ancora non molto utilizzato, ma pensato proprio per poter poco alla volta rimpiazzare il caro vecchio MP3. Anche in questo caso ci troviamo davanti ad un prodotto che se confrontato con il suo diretto concorrente garantisce una qualità del sonoro decisamente superiore. La cosa interessante però è che a differenza di WMA e WAVE l’AAC consente anche di compattare, e di parecchio, il file occupando meno spazio sui vari supporti su cui può essere archiviato.

L’AAC, in genere utilizzatissimo in combo con la funzione DAB+, si adatta benissimo a tutti i vari dispositivi oggi utilizzabili per riprodurre musica smartphone e canali Youtube compresi. Il FLAC infine è ancora un formato molto prestazionale, capace di garantire a chi ascolta una certa purezza di suono. Tuttavia il peso in byte di questo prodotto è davvero parecchio elevato, tanto da permettere di archiviare sui pennini USB e sui CD un numero di tracce abbastanza esiguo rispetto al diretto concorrente (sia chiaro però che di certo l’utente avrà la possibilità di spaziare comunque parecchio e di portare con sé in macchina molti brani musicali).

Il suggerimento quindi per quanto riguarda la compatibilità dell’autoradio con i diversi formati elencati è quello di cercare un prodotto capace di farci scegliere di volta in volta come ascoltare la nostra musica. Qualora ciò non fosse possibile, ovviamente, meglio propendere per qualcosa che si adatti perfettamente alle nostre abitudini: se abbiamo un ricchissimo archivio MP3 e vogliamo risparmiare qualche euro è inutile cercare un prodotto che ci consenta di ascoltare anche i FLAC…

Prezzi e recensioni migliori autoradio 2021

ORA IN OFFERTA1
Aigoss Autoradio Bluetooth Stereo Auto Car Radio per Auto FM Ricevitore 60W x 4,...
  • 【1 Din Universal FM Stereo Auto】 This Aigoss autoradio bluetooth con...
  • 【Bluetooth Integrato】 Dopo aver collegato il telefono a questa...
  • 【Formati Audio】 Supporta i formati MP3, WMA, WAV, FLAC. Questo lettore...
  • 【Supporta USB / AUX / TF Card】 Questa autoradio bluetooth supporta AUX...
  • 【Miglior Servizio Clienti】 Forniamo supporto tecnico entro 24 ore prima...
ORA IN OFFERTA2
Autoradio Bluetooth vivavoce, Lifelf Radio stereo 4 x 65W 1 ricevitore radio per auto...
  • Microfono incorporato: la radio Bluetooth viene fornita con un microfono...
  • Sintonizzatore FM (Non ha RDS): 260 watt (4x65W), il sintonizzatore FM...
  • Connettività: l'autoradio è in grado di collegare i tuoi dispositivi...
  • Formati audio: supporta i formati MP3, WMA, WAV, FLAC. Questo lettore MP3...
  • Interfaccia ISO: questa autoradio 1 Din è adatta a molti veicoli....
3
RDS Autoradio Bluetooth vivavoce, Lifelf Radio stereo 4 x 65W 1 ricevitore radio per...
  • [5.0 Bluetooth radio] Dotato di trasmissione e ricezione Bluetooth,...
  • [Funzione RDS compatibile] Supporta la ricerca radio a tre bande FM / AM /...
  • [Funzione stazione di memoria] Per salvare la memoria della radio, la linea...
  • [Supporto USB / TF e AUX] L'autoradio è possibile collegare i tuoi...
  • [Installazione facile e ottimo altoparlante] Fornito con il manuale in...
ORA IN OFFERTA4
Sony DSX-A410BT Autoradio senza Lettore CD, Dual Bluetooth, NFC, Siri Eyes Free, AUX...
4.038 Recensioni
Sony DSX-A410BT Autoradio senza Lettore CD, Dual Bluetooth, NFC, Siri Eyes Free, AUX...
  • Ricevitore multimediale Bluetooth con la possibilità di connettere due...
  • Controllo vocale con Siri Eyes Free5 e Android
  • Illuminazione sincronizzata con l'audio
  • L'ingresso USB ti consente di riprodurre la musica dal tuo iPhone o iPod
  • 4 x 55 W
5
Autoradio Bluetooth Vivavoce RDS 1DIN, ieGeek Radio Stereo 4X60W Supporto FM/AM/Extra...
244 Recensioni
Autoradio Bluetooth Vivavoce RDS 1DIN, ieGeek Radio Stereo 4X60W Supporto FM/AM/Extra...
  • FM/AM/RDS: Supporta la ricezione radio FM/AM stereo e può memorizzare fino...
  • Bluetooth 5.0: Avrà il doppio della velocità, una migliore affidabilità...
  • Extra Bass: Supera il rumore del motore e riproduce un suono chiaro e...
  • WAV=Senza perdita di qualità: Supporta il formato di brani MP3/WMA/WAV....
  • Orologio e tecnologia di visualizzazione avanzata: Abbiamo progettato uno...
6
RDS Autoradio Bluetooth, CENXINY Autoradio con Vivavoce Bluetooth Chiamate in...
1.538 Recensioni
RDS Autoradio Bluetooth, CENXINY Autoradio con Vivavoce Bluetooth Chiamate in...
  • 【Funzione autoradio RDS】 Modalità RDS efficace nella ricezione della...
  • 【Vivavoce Bleutooth 5.0】 La radio è dotata di un microfono per la...
  • 【Supporto per schede USB / TF e AUX】 L'autoradio è possibile collegare...
  • 【Display LCD Chiaro】 Lo schermo LCD è prodotto da uno schermo VA di...
  • 【Stazione radio】 Sintonizzatore FM: 4x65W, il sintonizzatore FM riceve...
ORA IN OFFERTA7
ANKEWAY Nuovo 7 Pollici Android RDS Autoradio 2 DIN con Bluetooth/WiFi/GPS...
3.085 Recensioni
ANKEWAY Nuovo 7 Pollici Android RDS Autoradio 2 DIN con Bluetooth/WiFi/GPS...
  • 【Hardware e Sistema】: Android 9.1 + Navigazione GPS + Radio FM +...
  • 【Touchscreen Capacitivo HD da 7,0 Pollici】: Touchscreen capacitivo HD...
  • 【Connessione e Controllo】: Supporta Bluetooth / WiFi / Mirror Link(Easy...
  • 【Impostazioni di Input / Output / Multimedia】: Ingresso: USB (doppio) /...
  • 【Servizio e Supporto Tecnico】: Scegli prodotti genuini e rifiuta le...
8
[ Nuova Versione ] Andven Autoradio Bluetooth Vivavoce, Auto Stereo con FM / AUX /...
86 Recensioni
[ Nuova Versione ] Andven Autoradio Bluetooth Vivavoce, Auto Stereo con FM / AUX /...
  • [🚘 Funzione Radio] Radio FM stereo digitale di alta qualità, che può...
  • [🚘 Chiamate Intelligenti Bluetooth] Supporta le chiamate in vivavoce...
  • [🚘 Doppia Porta USB e uno Slot TF] Con due porte USB su questa radio....
  • [🚘 Ingresso Audio AUX] Progettato con un'interfaccia AUX esterna (jack...
  • [🚘 Supporta la Regolazione di Più Modelli di Effetti Sonori] L'effetto...
ORA IN OFFERTA9
Majestic DAB-442 BT - Autoradio RDS FM stereo/ DAB+ PLL, Bluetooth, Doppio USB,...
178 Recensioni
Majestic DAB-442 BT - Autoradio RDS FM stereo/ DAB+ PLL, Bluetooth, Doppio USB,...
  • Autoradio FM/DAB+ Stereo PLL elettronica
  • Riproduzione musica MP3 e WMA da ingresso USB1 e SD/MMC
  • Ingresso Ausiliare Frontale (AUX IN)
  • Ingresso USB2 per ricarica dispositivi mobili
ORA IN OFFERTA10
JVC KD-X172DB, autoradio digitale con tuner Dab integrato
  • Autoradio con dab+ integrato
  • Colorazione tasti rossa
  • Usb e aux in frontali

Funzioni accessorie

Come abbiamo già detto in precedenza una volta l’autoradio serviva semplicemente a trasmettere ed a riprodurre audiocassette. Al giorno d’oggi la differenza tra il valore di un dispositivo e la qualità di un altro prodotto concorrente, oltre che dalla qualità del suono e dai parametri su esposti, è data anche dal numero di funzioni accessorie che il marchingegno può vantare.

Abbiamo così delle radio capaci di sfruttare per esempio la connessione bluetooth cosa che, diciamoci la verità, un tempo non era minimamente contemplata nelle nostre più remote fantasie. Ma a cosa può servire integrare una simile funzione in un’autoradio? Beh, le applicazioni ci sono e sono anche parecchie.

Si potrebbe ad esempio sfruttare questa funzione per ottenere una riproduzione audio di file contenuti in altri supporti (cellulari, tablet e quant’altro)senza dover fare i conti con cavi penzolanti per l’abitacolo: questa soluzione, oltre che indubbiamente pratica, in certi contesti può rivelarsi anche più sicura di altre. Inoltre un’autoradio con funzione bluetooth consente anche di rispondere al cellulare mentre si guida senza per questo sacrificare la propria (e l’altrui) sicurezza, rischiare di prendere multe e quant’altro.

Certo, c’è da dire che in questa maniera si rinuncia giocoforza alla privacy, ma per chi viaggia in solitaria o non ha problemi a rendere pubbliche le sue conversazioni si tratta di una bella comodità: sembra quasi di non parlare al telefono ma con qualcuno che occupa il sedile a fianco! Un’altra feature molto utile è la presenza di un frontalino scollegabile attivabile mediante l’inserimento di appositi codici di sicurezza.

Tale espediente ha ridotto, ed anche di molto, la possibilità di rimanere vittima di furti e scassi: basta estrarre il frontalino e portarlo con sé ed il gioco è fatto. In questo caso è bene sottolineare che i migliori prodotti offrono in allegato nel package anche un’utile custodia per il frontalino. Anche la presenza di codici di sicurezza responsabili dell’avvio del dispositivo vanno in qualche modo inquadrati come utili deterrenti al furto.

C’è da dire però che non tutti i ladri sono tanto ferrati in materia da poter subito intuire quando questi codici di sicurezza siano in uso nell’autoradio che hanno adocchiato ed inoltre l’utente, alla lunga soprattutto, potrebbe trovare il continuo inserimento di queste key di accesso alquanto fastidioso. Interessante è poi la presenza di comandi remoti, ovverosia di telecomandi da affidare di volta in volta ai diversi passeggeri a bordo dell’auto.

Funzioni altrettanto importanti sono quelle strettamente relative all’equalizzazione: è bene infatti, soprattutto per i più attenti alla qualità del suono, poter regolare i bassi, gli acuti, i volumi, sfruttare le bande e quant’altro. Certo, per quanto presenti queste funzioni saranno più o meno utili in relazione all’eventuale installazione di subwoofer, woofer ed altoparlanti ed alla generale qualità dell’impianto stereo.

In ultimo una feature alquanto pratica e che si consiglia vivamente di ricercare nella propria autoradio è quella che consente di memorizzare le proprie frequenze preferite. Questo significa che, sebbene si possano registrare un numero limitato di stazioni radiofoniche, queste saranno sempre facilmente reperibili: l’unica cosa da fare, ammesso anche che si volesse passare da un’emittente all’altra, sarà schiacciare un tastino…

Display

L’ultimo punto da tenere necessariamente in considerazione quando ci si accinge ad acquistare una nuova autoradio è il display. Esso altro non è che un’interfaccia a tutti gli effetti, il supporto che ci serve per meglio utilizzare il dispositivo. Dato che, come già avevamo accennato in precedenza, in questa sede abbiamo deciso di fare essenzialmente riferimento ai modelli DIN 1 le tipologie di display da tenere in considerazione sono in linea di massima soltanto un paio.

La nostra interfaccia potrà essere dotata infatti di cristalli LCD o semplicemente essere stata progettata in maniera tale da essere estraibile e rimovibile ogni qualvolta se ne presenti la necessità. Ma all’atto pratico cosa cambia tra una soluzione e l’altra? Beh, cambia ed anche parecchio.

I display LCD infatti sono di norma i più diffusi tra gli utenti e sono in grado di comunicare di continuo con chi ascolta l’autoradio dando delle informazioni base circa i brani proposti, oppure ricordando per iscritto il nome della stazione radio a cui si è collegati oppure ancora fornendo notizie circa l’attivazione o la disattivazione di determinate funzioni. Perché un display LCD possa fare bene il suo lavoro è necessario che esso goda di un ottimo livello di luminosità nonché di un angolo di visione adatto alle circostanze.

L’idea di fondo infatti è che questo tipo di schermo semplifichi ed acceleri ogni tipo di operazione: per far ciò esso deve quindi essere facilmente leggibile a prescindere dal contesto in cui ci si trova ad operare. Anche i tasti presenti sull’interfaccia, ovviamente per gli stessi identici motivi, devono essere retroilluminati: come si farebbe allora a cambiare al volo l’emittente radio quando si guida di notte o in condizioni tali per cui il buio la faccia da padrone (si pensi ad alcune lunghissime gallerie presenti nel nostro paese)?

Il display con frontalino estraibile o rimovibile è invece un po’ meno diffuso tra i clienti non fosse altro che per il prezzo non sempre abbordabilissimo. Esso comunque è un prodotto altamente performante da non scartare a priori quando si selezionano i modelli di autoradio da prendere in considerazione per un futuro acquisto.

Un prodotto con frontalino estraibile consta in genere di schermi touchpad ed inoltre permette l’uso di DVD contenenti tracce audio e video (in quest’ultimo caso ovviamente a godere della riproduzione del file saranno i passeggeri: esiste un metodo migliore per tenere buoni i bimbi quando la strada da percorre è ancora lunga ed iniziano a fare i capricci?

Come evitare diversamente che litighino, ed ogni spunto è buono, si annoino e quant’altro?). Questa tipologia di schermo infine possiede spesso sistemi di equalizzazione davvero molto più sofisticati rispetto alla media e consente all’utente anche di sfruttare al meglio i vari sistemi GPS spesso integrati (o diversamente scaricabili senza grossi problemi). Insomma: che pretendere più di così?