Home » Bricolage » Banchi per fresatrici
prezzi migliori banchi per fresatrice

Quando il bricolage diventa qualcosa di più di un semplice hobby, è necessario fornire alla propria fantasia e alla propria manualità tutti i mezzi necessari per potersi esprimere. Come? Acquistando degli attrezzi adeguati e di buona qualità. Procurarsi uno dei migliori banchi per fresatrice diventa così, per gli appassionati dei lavori da realizzare in legno, un vero e proprio must. Sì, ma come riconoscere un buon prodotto? Come essere certi di acquistare un attrezzo di buona fattura? Semplice, basta seguire pochi e semplici accorgimenti.

Acquistare un banco per fresatrice: linee guida

Come già detto altrove, per essere certi di poter realizzare da sé mobili, piccoli oggetti decorativi e manufatti in legno o metallo di una discreta qualità, è necessario possedere dei buoni attrezzi e, tra questi, un banco per fresatrice di ottima fattura. Già al momento dell’acquisto, è bene operare una prima selezione tra un modello orizzontale ed uno verticale.

Questa scelta, già a monte, consente di distinguere tra esigenze e disponibilità di spesa fra loro anche abbastanza diverse. In genere i banchi per fresatrici verticali sono perfetti per eseguire delle scanalature o delle lavorazioni in circolo, mentre gli orizzontali vengono preferiti da chi ha invece necessità di produrre in serie. Dato che in quest’ultimo caso la lavorazione del legno può risultare abbastanza noiosa, ma altrettanto utile, i banchi per fresatrici possono essere collegate a dei computer che organizzino al meglio la lavorazione.

Esistono poi molte altre tipologie di frese adattabili ai banchi da lavoro, ma la loro specificità li rende oggetti estremamente professionali che poco o nulla hanno a che vedere con il fai da te. A prescindere dal modello di banco che si sceglie di acquistare, comunque le caratteristiche del prodotto da tenere sempre in considerazione sono :

  • Struttura e potenza della fresatrice: un banco per fresatrice che non sia solido e stabile non soltanto di sicuro non è un prodotto di qualità, ma è anche un pericolo. La struttura deve essere pensata per poter tranquillamente resistere alle innumerevoli ed intense vibrazioni che il taglio della legna o del metallo trasmette al banco. Molte fresatrici hanno una potenza considerevole. Per questo motivo prima di acquistare questo utensile bisogna assicurarsi che esso possa in qualche modo adattarsi all’attrezzo a disposizione dell’utente.
  • Strumenti di precisione: i migliori banchi per fresatrici ad oggi disponibili sul mercato devono tra l’altro mettere l’acquirente in condizione di realizzare dei tagli precisi al millimetro. Per questo motivo molte macchine sono corredate da righelli, squadre o goniometri. Tali strumenti, in un attrezzo top di gamma, non sono mai incollati o sovrapposti al banco, ma sono progettati per essere parte integrante dello stesso.
  • Spessore del piano: è chiaro che lo spessore del piano deve essere tale da rendere certo l’utente che dopo qualche utilizzo il banco non si pieghi e non si deformi. In genere quindi lo spessore dello stesso non dovrà mai scendere al di sotto dei 2 centimetri.
  • Battuta: la battuta è qualcosa di fondamentale per questo genere di attrezzi in quanto consente di effettuare delle lavorazioni sempre più precise ed accurate. Un buon banco per fresatrice è dotato di battute regolabili che scorrano agevolmente sulle guide e siano il più possibile facili ed immediate da regolare.
  • Sicurezza: pur partendo dal presupposto che modellare il legno o il metallo su un apposito banco da lavoro sia di certo più sicuro rispetto a compiere le stesse operazioni ed avvalersi di supporti un po’ più rudimentali, è pur sempre vero che anche il piano d’appoggio professionale non mette l’utente del tutto a riparo dai rischi del bricolage. Per questo motivo è bene che, oltre ad assicurarsi che la struttura sia stabile e proporzionata alla potenza e al peso della fresatrice, sia anche dotata di dispositivi di sicurezza. Uno di questi è la protezione da installare direttamente sulla macchina atta ad evitare che i trucioli, spesso appuntiti o molto caldi, possano raggiungere l’utente durante le operazioni di taglio. Alcune macchine poi sono anche dotate di tasti di sicurezza per l’accensione o lo spegnimento d’emergenza del banco per fresatrici. Altri macchinari infine sono corredati da freno rapido, anch’esso un buon meccanismo per proteggersi da spiacevoli incidenti.
  • Dimensione del piano d’appoggio: in questo caso, ovviamente, il parametro indicato ha un valore meramente soggettivo. Spetta infatti all’utente, una volta esaminate le proprie necessità ed abitudini, scegliere un banco più o meno largo o lungo. Chiaramente un modello, per così dire, più spazioso ben si presta ad un maggior numero di lavorazioni e, probabilmente, anche a delle abilità destinate a migliorare. Un banco dalle dimensioni più contenute è più adatto a dei principianti che ancora non sono in grado di realizzare grandi oggetti in legno o metallo o, semplicemente, a chi non ha necessità di farlo.

Quanto costano i banchi per fresatrici?

I banchi per fresatrici possono avere prezzi abbastanza differenti tra loro. Oltre ai parametri su elencati infatti le discriminanti da tenere in considerazione per poter stimare il costo di questo strumento di lavoro sono parecchie; dalla marca al modello, dal negozio in cui si sceglie di acquistare (molti professionisti decidono di rivolgersi alle botteghe virtuali svendendo i loro attrezzi per passare via via a prodotti più moderni o performanti) alle esigenze e alle competenze dell’acquirente.

In generale, assumendo di voler escludere un prodotto di seconda mano, un banco per fresatrice può avere un costo minimo di circa una cinquantina di euro (si tratta chiaramente di modelli basic più che altro adatti a chi non ha grandi pretese o a chi sta ancora iniziando ad avvicinarsi al mondo del bricolage) o raggiungere i 1000 euro (ovviamente in questo caso si ha a che fare con modelli professionali dotati di tutti gli optional).

Esiste tuttavia anche una discreta gamma di prodotti di fascia media, il cui prezzo non supera le 300/400 euro che sicuramente non rappresenterà il top di gamma per quanto riguarda il mondo dei banchi per fresatrici, ma che per l’hobby del bricolage sono più che adeguati.

I migliori banchi per fresatrici 2018

FERM PRA1011 Banco per Fresatrice
28 Recensioni
FERM PRA1011 Banco per Fresatrice
  • Adatto per tutte le fresatrici FERM
  • Con collegamento per aspirazione polveri e struttura in...
  • Facile e precisa regolazione per lavori di precisione
  • Interruttore stagno sincrono
  • Adatto per fresatrici con diametro della piastra di...

Silverline 460793 Banco fresa con rapportatore 850 x...
13 Recensioni
Silverline 460793 Banco fresa con rapportatore 850 x...
  • Banco fresa facile da montare e da configurare...
  • Consente di plasmare, piallare, ribattere, incidere,...
  • Tavolo in alluminio fuso che garantisce sicurezza con...
  • Scatola interruttori senza blocco 230 V e gancio di...
  • Comprende supporti in plastica, ampliamenti tavolo,...

EBERTH Banco per fresatrice (Dimensioni 870 x 330 mm,...
3 Recensioni
EBERTH Banco per fresatrice (Dimensioni 870 x 330 mm,...
  • Tavolo centrale in alluminio pressofuso.
  • Possibilità di montaggio sul tavolo.
  • Arresto angolare.
  • Interruttore di emergenza.

EBERTH Banco per fresatrice (Dimensioni 1030 x 360 mm,...
  • Tavolo centrale in alluminio pressofuso
  • Possibilità di montaggio sul tavolo
  • Interruttore di emergenza


FRESATRICE VERTICALE DA BANCO CON SQUADRETTE IN...
2 Recensioni
FRESATRICE VERTICALE DA BANCO CON SQUADRETTE IN...
  • Potenza motore: 1500 Watt - Giri al minuto: 11500/24000...
  • Corsa del codolo: 0 - 40 mm - Attacco codolo: 6 - 6,35...
  • Dimensione tavolo: 610 x 360 mm - Dimensione tavolo...
  • Peso: Kg 29

Banchi per fresatrici
Metti il tuo voto