Barbecue a gas

Barbecue a gas

Accaparrarsi uno dei migliori barbecue a gas attualmente in commercio può voler dire solo due cose: assaporare delle ottime grigliate e vivere dei piacevolissimi momenti di aggregazione con amici e parenti. In entrambi i casi si tratta di esperienze senza dubbio piacevoli e per questo motivo è bene non farsi trovare impreparati anche quest’anno; ogni estate infatti si finisce per rimandare l’acquisto di un nuovo barbecue o per prendere qualche cantonata, oppure ancora per accettare il compromesso di utilizzare quel vecchio macinino che ci si ostina a tenere in casa.

Ecco allora qualche piccolo suggerimento utile a riconoscere un buon prodotto al volo e finalizzato a concedersi finalmente quella bella grigliata tra amici che ormai si rimanda da tempo immemore…

opinioni classifica e prezzo migliori modelli in vendita online

Perché comprare un barbecue a gas?

Della valenza sociale di questo oggetto si è già accennato: che un bbq possa avere una funzione aggregativa è poco ma è sicuro. Quello che non si è detto è che un barbecue, lo sanno bene i buongustai, regala al palato un’esplosione di sapori, un piacere sfizioso che nessun altro tipo di cottura riesce ad eguagliare. Le pietanze vengono infatti disposte su una griglia al di sotto della quale agisce il fuoco: il risultato, soprattutto se si decide di cucinare a fiamma moderata, è la cottura perfetta della carne (né troppo al sangue né carbonizzata), del pesce (sempre fresco e sfizioso) e delle verdure (leggere e gustose come mai prima d’ora).

Tra l’altro una simile modalità di cottura permette di cucinare non utilizzando grassi aggiunti (ovviamente quello contenuto negli alimenti finisce per sciogliersi sulla graticola) ed adoperando al massimo un filino di olio a crudo per esaltare il sapore delle pietanze appena grigliate. Inoltre i vapori ed i fumi restano all’esterno di casa (con somma gioia di chi si occupa di tenerla fresca e pulita) ed i succhi persi dalle pietanze vengono tutti convogliati nella parte del barbecue studiata per produrre la fiamma non sporcando praticamente quasi niente. Che volere di più?

Altro piccolo particolare a cui forse sono in pochi a pensare: acquistare uno dei migliori barbecue a gas sul mercato significa anche scegliere, all’occorrenza, di impacchettarlo e portarselo dietro quando si va in campeggio (esistono infatti dei modelli già di per sé abbastanza compatti o facili da smontare per renderli tali pur non se dotati di ogni funzionalità richiesta).

Potrebbe non essere un impiego saggio dell’oggetto in esame? Sì, se non si fa attenzione ad utilizzare sempre un ripiano stabile su cui poggiare il barbecue e ad evitare ogni possibile contatto con l’erba secca delle aree di sosta, ma in questo caso la responsabilità di eventuali incidenti non sarebbe certo dell’oggetto in sé: spetta infatti all’utente farne un uso adatto alle circostanze e sicuro.

Tipologie

I barbecue a gas possono essenzialmente essere alimentati a GPL o a metano. Entrambe le tipologie sono adatte all’incasso e all’utilizzo per esterni, ma tra loro differiscono per alcuni piccoli particolari che probabilmente possono convincere chi legge a propendere per l’uno o per l’altro tipo pur precisando a priori che il risultato, in termini di resa, è tutto sommato paragonabile. Ecco quindi nel dettaglio le differenze che contraddistinguono questi due oggetti:

  • Costo: in questo caso il punto va a favore del barbecue a metano. Nella norma infatti quest’ultimo ha un prezzo decisamente inferiore rispetto ai modelli alimentati a GPL.
  • Alimentazione: sapere che in un caso si utilizzerà metano e nell’altro GPL non basta per definire nel dettaglio le caratteristiche legate all’alimentazione di questi due dispositivi. Completa infatti l’informazione l’ovvia conseguenza di tutto ciò: i modelli a GPL sono più trasportabili perché il gas in questione viene venduto in bombole di ogni forma e dimensione. La variante a metano invece è da considerare a priori destinata ad una vita domestica dato che questo gas viene erogato soltanto tramite allaccio a dispositivi casalinghi.
  • Bombole: stavolta il punto va al barbecue a metano che non presenta il fastidioso problema dello smaltimento della bombola finita. Il GPL invece obbliga i proprietari del barbecue a provvedere al riciclo o all’eliminazione della stessa.
  • Durata: chiaramente un bbq a metano, a meno che non si paghi la bolletta del gas o che non smetta di funzionare, potrà essere utilizzato in qualsiasi momento dato che il gas allacciato alla rete domestica praticamente è sempre disponibile. I modelli a GPL invece sono soggetti a bruschi e fastidiosi esaurimenti scorta…
  • Modifiche: e con questo si torna ad una situazione di parità tra i modelli tenuti in considerazione. Se il metano infatti potrebbe necessitare di un adattamento del barbecue e quindi di un esborso extra all’atto dell’acquisto, il modello a GPL è in questo senso sempre pronto all’uso.
  • Costo di mantenimento: il GPL è senza dubbio più costoso rispetto al metano, ma la bolletta del gas data la presenza di un barbecue a metano, potrebbe aumentare esponenzialmente, soprattutto se si considera che ad un minimo utilizzo dello stesso corrisponde anche una percentuale di tassazione che è facilmente riscontrabile sulla fattura puntualmente inviata a casa dalla società erogatrice del servizio. Insomma in questo caso non vince nessuno: spetta un po’ all’utente valutare le sue esigenze e scegliere tra l’uno e l’altro modello…

Barbecue a gas pietra lavica: cosa c’è da sapere?

Un’ulteriore variante che merita un discorso a sé stante è iI barbecue a gas pietra lavica. Su questo prodotto, perfetta sintesi tra i modelli tradizionali alimentati dalla carbonella ed i dispositivi a gas privi di pietra lavica, non mancano dei fornelli oppure ancora dei fuochi che però non agiscono direttamente sugli alimenti bensì su una lastra realizzata in resistente pietra ignifuga al di sopra della quale vanno posizionate tutte le pietanze che si intende cuocere.

A differenza di quanto avviene utilizzando dispositivi similari, tutte le sostanze sprigionate dai cibi in piena fase di cottura evaporano prima ancora di poter toccare e sporcare il barbecue e conferendo agli alimenti dei sapori ancora più definiti. Perché tutto funzioni a dovere però è necessario che la potenza dei fuochi sia adeguata e che l’utente non abbia fretta di posizionare il tutto su una piastra ancora non sufficientemente riscaldata (per quanto potenti possano essere i morsi della fame attendere 10 minuti non è poi un’impresa sovrumana): diversamente sembrerebbe di mangiare un cibo cotto al vapore. Per carità, sarebbe comunque buonissimo, ma non è quello che cerca un ultrà della griglia.

Si consideri poi che rispetto alle varianti a carbone questo modello offre la possibilità di cuocere i propri piatti in modo salutare: i vapori del carbone, è risaputo, sono tutto fuorché salutari. Stesso identico discorso vale poi per le fiamme dirette. Ultima chicca: non è raro che i migliori barbecue a gas pietra lavica siano anche dotati di girarrosto: non male come idea!

I barbecue da giardino: peculiarità

I barbecue alimentati a metano vanno sempre utilizzati in giardino: in casa infatti potrebbero risultare un tantino pericolosi: una bella svapata in direzione delle maioliche o del soffitto, e l’incendio è servito. Questa evenienza non è poi così remota quanto si potrebbe credere: tutte le pietanze che qui è possibile cuocere, e soprattutto la carne, perdono infatti in questa fase dei liquidi in maniera del tutto incontrollata.

Questi ultimi, una volta finiti sulla fiamma, possono alimentare a dismisura il fuoco. Tra l’altro pensare di cuocere tali alimenti con un barbecue a metano posizionato dentro casa significa rendere l’appartamento simile ad una bisca clandestina da film, di quelle insomma dove il fumo dei sigari inalati ininterrottamente dai giocatori non consente di vedere ad un palmo dal naso.

I barbecue da giardino infine sono dotati di gambe, in genere 4, ruote (non sempre, ma nella maggior parte dei casi) e griglie in numero variabile che possono essere posizionate a distanze diverse dal fuoco rispettando quindi i differenti tempi di cottura delle pietanze, consentendo all’utente di servire più piatti in una volta e, posizionato il coperchio, persino di realizzare una cottura simile, se non migliore, a quella che si otterrebbe in forno.

I barbecue da balcone

Chi non ha un giardino privato a sua disposizione, ma ha un balcone sufficientemente ampio, può comunque concedersi di tanto in tanto il piacere di una bella grigliata: esistono infatti dei barbecue da balcone pensati proprio per soddisfare anche questa fascia di utenza. Ovviamente, oltre che il buon senso lo stabilisce anche la legge, essi devono essere utilizzati in maniera tale da non infastidire gli altri condomini: sì al buon odore di carne arrostita, no ai fumi eccessivi o all’utilizzo in orari poco consoni.

Tuttavia, dato che in molti condomini viggono regole a sé stanti, prima di acquistare ed utilizzare l’oggetto in questione è sempre meglio verificare che nessuno all’interno del proprio stabile possa aver nulla da contestare (al limite si proverà a conquistare il cuore ed il palato dei detrattori invitandoli ad una grigliata di prova).

I barbecue da balcone possono essere piccoli e dotati di gambe. L’intero apparecchio, almeno se si vuole utilizzarlo in tutta sicurezza, va sempre collocato ad una certa distanza dalla parete e dalla ringhiera: basta un soffio di vento nell’esatto momento in cui i grassi di cottura bruciano alimentando la fiammata per rischiare infatti di incendiare la casa.

Esiste poi un secondo modello di barbecue da balcone. Esso consta di staffe studiate proprio per poter essere agganciate alla ringhiera e sulle quali verrà collocata la griglia. Si tratta di un modello che presenta standard di sicurezza molto più elevati rispetto alla precedente soluzione per il semplice motivo che verrà utilizzato a priori lontano dalle pareti e che la sua collocazione sulla ringhiera è stata studiata per non essere pericolosa.

Unico neo? Questo modello di bbq da balcone consente di preparare in un’unica tornata soltanto piccoli quantitativi di alimenti. Insomma: se si è in tanti in famiglia o si mangia ciascuno per conto proprio in modo da consumare i pasti ben caldi o ci si decide un discreto numero di dispositivi.

Barbecue tradizionale o a gas vs barbecue elettrico

Il barbecue tradizionale è ancora oggi una soluzione parecchio diffusa ed utilizzata. Un discorso simile vale anche per i bbq a gas che, articoli già parecchio innovativi rispetto ai precedenti, sembrano prendere piede ogni giorno di più. Tuttavia, per varie ragioni che non staremo qui a sindacare, alcuni utenti non possono acquistare né l’uno né l’altro modello e, per non rinunciare al piacere di una sana grigliata, si orientano a priori su un barbecue elettrico.

Ma cosa differenzia quest’ultimo da un oggetto tradizionale o dai migliori barbecue a gas attualmente in commercio? Beh, senza dubbio il costo: si tratta infatti di una delle varianti più economiche in assoluto, cosa che avvicina a questo prodotto anche chi non può o non vuole spendere chissà quali cifre per gustare una fetta di carne grigliata. Tra l’altro non bisogna dimenticarsi che non tutti vivono in una bella casa singola dotata di giardino e né tanto meno si può contare sul fatto che il condominio autorizzi il poveretto di turno ad utilizzare un barbecue da balcone.

Si consideri infine un insieme di questioni pratiche: i barbecue elettrici non producono fumi ed odori, possono essere trasportati facilmente da un luogo all’altro e, soprattutto, possono essere utilizzati in tutta tranquillità proprio dentro casa (alla faccia dei condomini che non consentono al poveretto di cui sopra di addentare una bella bistecca alla griglia).

C’è però anche il consueto rovescio della medaglia: anche in questo caso per poter soddisfare contemporaneamente più persone l’unica soluzione è quella di comprare un discreto numero di dispositivi, ma tanto varrebbe acquistare direttamente un unico bbq a gas di grandi dimensioni. Tra l’altro quest’ultima il dispositivo in questione inciderebbe parecchio sui costi di gestione della casa dato che la corrente elettrica è sicuramente più costosa di gas, legna e carbonella.

Infine gli amanti delle grigliate tradizionali si accorgeranno immediatamente che il sapore delle pietanze cotte sul barbecue tradizionale o a gas è nettamente diverso (migliore) rispetto a quello dei piatti preparati su una griglia elettrica (ma in certi casi bisogna accontentarsi…).

Il prezzo

Di barbecue a gas è pieno il mercato: non è difficile insomma recarsi in un negozio specializzato e trovarsi davanti tante di quelle opzioni da entrare in confusione. Tutti questi prodotti, altra cosa facilissima da verificare, possono avere prezzi tra loro molto diversi. A cosa è dovuto questo gap? Ad una lunga serie di motivazioni:

  • Materiali: un bbq può essere realizzato in metallo (ferro, acciaio inossidabile e ghisa su tutti) così come le griglie in genere costruite in acciaio inossidabile oppure ancora in ceramica. Anche il braciere è solitamente ottenuto dalla lavorazione di metalli quali la ghisa o di materiali come l’acciaio porcellanato e smaltato. Tutto ciò perché queste sostanze offrono il grande vantaggio di resistere alle alte temperature e di essere refrattari alle fiamme. Chiaramente migliore sarà il materiale utilizzato per costruire le tre componenti e più lieviterà il costo dell’oggetto.
  • Dimensioni: anche le dimensioni del barbecue incidono notevolmente sul prezzo finale del prodotto. E’ ovvio che un dispositivo di grandi dimensioni avrà anche un grande costo…
  • Bruciatori: vale un po’ la stessa regola enunciata a proposito delle dimensioni del bbq. Ad un numero maggiore di bruciatori equivale quindi un costo più elevato.
  • Potenza: è un elemento distintivo per quanto riguarda i barbecue e viene misurato in BTU. Spesso essa può aumentare semplicemente utilizzando un coperchio nei dispositivi che ne sono dotati. In ogni caso vale ancora la regola sopra enunciata: un oggetto potente costerà di più rispetto ad un prodotto con standard inferiori.
  • Accessori: è quasi inutile dilungarsi sull’argomento. Un bbq economico non verrà corredato dalla casa produttrice da alcun tipo di accessori, mentre un buon prodotto avrà una dotazione più o meno ricca.

Si raccomanda quindi di verificare la presenza di tutte le caratteristiche sopra elencate prima di acquistare un nuovo barbecue. Prudente è anche diffidare degli oggetti apparentemente di buona fattura ma venduti a costi eccessivamente abbordabili: potrebbero essere infatti prodotti realizzati con materiali scadenti o esperimenti fallimentari di alcune case produttrici.

In base alla variante prescelta, un barbecue a gas può avere un costo compreso tra le 80/100 euro e le 1000/1200 euro. Per fortuna poi esiste anche un’ottima classe di prodotti il cui costo è un po’ più abbordabile e che tutto sommato presenta buone caratteristiche. Per un bbq a gas di fascia media quindi bisognerà stanziare tra le 500 euro e le 600 euro. La scelta a questo punto è tutta dell’utente…

Migliori barbecue a gas 2019

1
sochef G20513 Piùsaporillo Barbecue
286 Recensioni
sochef G20513 Piùsaporillo Barbecue
  • Sistema di cottura a Pietra Lavica (in dotazione)
  • Bruciatori in acciaio inox, potenza 10 Kw
  • Fornello laterale 3 Kw e ripiano pieghevole
  • Griglia smaltata 50.6x35.6 cm e Griglia articolata
  • Indicatore di temperatura, Cestello frontale portaoggetti, Telo copri bombola
2
EGLEMTEK Barbecue Grill BBQ a Gas con Termometro -...
25 Recensioni
EGLEMTEK Barbecue Grill BBQ a Gas con Termometro -...
  • Il Barbecue grill è realizzato in acciaio laccato e ABS
  • Bruciatore laterale progettata per pentole/padelle fino a 16-24 cm di diametro
  • Dispone di un termometro integrato per la misurazione della temperatura
  • Il Barbecue grill si alimenta a gas , butano o propano
  • Le sue dimensioni sono pari a 112 x 52.5 x 96.5 centimetri, mentre la superficie è grill...
3
Campingaz Barbecue Gas 4 Series Classic LS Plus, Grill...
65 Recensioni
Campingaz Barbecue Gas 4 Series Classic LS Plus, Grill...
  • Elevata qualità e potente: 4 bruciatore con tubi in acciaio inox e prestazioni (12.8 kW)...
  • Opzioni cottura infinite: griglia/piastra ampie in acciaio stampato smaltate matte in 2...
  • Pulizia facile: sistema InstaClean per una pulizia rapida e semplice del BBQ; il sistema...
  • Stoccaggio e trasporto: 1 comodo scaffale a lato pieghevole, rotelle bloccabili per...
  • Specifiche: coperchio in acciaio con termometro (ottimo per grigliare in modo indiretto);...
4
sochef G20512 Saporillo Barbecue
147 Recensioni
sochef G20512 Saporillo Barbecue
  • Sistema di Cottura con Pietra Lavica (in dotazione)
  • Bruciatori in acciaio inossidabile, Potenza 7,2 Kw
  • Ripiani laterali pieghevoli
  • Griglia smaltata 50.6x35.6 cm
  • Indicatore di temperatura, Telo copri bombola
5
Campingaz Barbecue Gas Adelaide 3 Woody, Grill Barbecue a...
225 Recensioni
Campingaz Barbecue Gas Adelaide 3 Woody, Grill Barbecue a...
  • Di alta qualità e potente: 3 bruciat. in ghisa ad alte prestazioni (14 kW); grill con...
  • Opzioni cottura infinite: griglia e piastra in ghisa ampie smaltate per BBQ in 2 parti (60...
  • Elegante carrello in legno: in legno di acacia; 2 comodi scaffali a lato in legno perfetti...
  • Stoccaggio e trasporto: ruote bloccabili per riporre la griglia se non in uso
  • Specifiche: superf. cottura da 2.800 cm²; altezza della cottura: 85 cm; consumo di gas...
6
Campingaz Barbecue Gas Texas Revolution, BBQ Gas per Pietre...
189 Recensioni
Campingaz Barbecue Gas Texas Revolution, BBQ Gas per Pietre...
  • Elevata qualità e potente: 2 bruciatori in acciaio alluminato,. prestazioni (8,2 kW) + 1...
  • Opzioni cottura infinite: ampia griglia in ghisa per BBQ (55 x 33 cm), grata riscaldata...
  • Distribuzione uniforme del calore: il BBQ è adatto alle pietre laviche Campingaz che...
  • Stoccaggio e trasporto: 1 comodo scaffale a lato pieghevole, rotelle bloccabili per...
  • Specifiche: coperchio in acciaio con finestra e termometro (ottimo per grigliare in modo...
7
Campingaz Barbecue Gas 4 Series Classic L, Grill Barbecue a...
35 Recensioni
Campingaz Barbecue Gas 4 Series Classic L, Grill Barbecue a...
  • Elevata qualità e potente: 4 bruciatori con tubi di acciaio ad alte prestazioni (12.8...
  • Opzioni cottura infinite: griglia e piastra in acciaio stampato smaltate enormi in 2 parti...
  • Pulizia facile: sistema InstaClean per una pulizia rapida e semplice del BBQ; il sistema...
  • Stoccaggio e trasporto: 2 comodi scaffali a lato pieghevole, ruote bloccabili per riporre...
  • Specifiche: Coperchio in acciaio con termometro (ottimo per grigliare in modo indiretto);...
8
Barbecue grill a gas da esterni | bruciatore griglia a gas...
  • Adatto per butano e propano a 30 mbar.
  • 5 fornelli principali e 1 fornello laterale.
  • Dimensioni piano cottura: 69,5 x 35 cm.
  • Dimensioni (L x L x A): circa139 x 53 x 105 cm.
  • Comandi della temperatura indipendenti.
9
CCLIFE BBQ Barbecue griglia a gas con 3/4/5/6 bruciatori...
4 Recensioni
CCLIFE BBQ Barbecue griglia a gas con 3/4/5/6 bruciatori...
  • 3/4/5/6 Bruciatori principali e un bruciatore laterale
  • Superficie di cottura:62/70*34 cm Dimensioni assemblate:ca.124/128/139*53*97cm
  • Incluso: accensione piezoelettrica, ripiano inferiore e schermo rimovibile, maniglia tubo,...
  • Pesso:ca 16kg Colore: argento / nero (opzionale)
Barbecue a gas
Ti è piaciuto l articolo? Dai un voto per favore 🙂