Home » Tempo libero » Bici pieghevole

Bici pieghevole

La bici pieghevole, detta anche folding bike, rappresenta la soluzione perfetta per chi di immettersi nel caos cittadino non ha la benché minima intenzione. Del resto sappiamo tutti che arrivare in orario a scuola o al lavoro, soprattutto nelle grandi città, significa alzarsi la mattina all’alba, uscire di casa prestissimo nella speranza di non trovare già una calca di persone assiepate per le vie principali ed imbattersi puntualmente invece una gran ressa.

E chi non vorrebbe evitare questa tortura quotidiana? Ma la bici pieghevole può essere la risposta ideale anche per chi non riesce mai a trovare durante la giornata un po’ di tempo da dedicare all’attività fisica.

Insomma: puoi andare al lavoro svicolando tra una macchina e l’altra o, meglio ancora, sfruttando le piste ciclabili. Eviterai così di rimanere imbottigliato nel traffico, magari potrai uscire da casa un po’ più tardi e quindi dormire un po’ di più o riuscire finalmente a fare colazione.

Troverai facilmente un parcheggio e, anche se i tuoi orari sono praticamente impossibili da conciliare con quelli della palestra, avrai comunque modo di mantenerti in forma. Niente male per una bici pieghevole, no? Ma non è ancora tutto.

Un prodotto di questo tipo è progettato per occupare poco spazio. Una volta tornato a casa perciò non avrai problemi a riporlo in garage, nel vano portabagagli dell’auto o persino nello sgabuzzino. Giunto al lavoro invece, potrai tranquillamente piazzarlo dietro la porta dell’ufficio o addirittura sotto la scrivania. Insomma: la bici pieghevole potrebbe essere la soluzione ai problemi che tutti noi affrontiamo quotidianamente. Se sei fermamente deciso a risolverli dai un’occhiata alla nostra guida: ti sveleremo tutti i segreti delle folding bike.

opinioni classifica completa dei 10 migliori prodotti

Definizione di bici pieghevole

Abbiamo parlato sin qui di un prodotto che non tutti possono dire di conoscere a menadito. Insomma: com’è fatta una bici pieghevole? Per evitare perplessità di ogni ordine e grado abbiamo deciso di spendere qualche parola per descrivere questo originale mezzo di trasporto. Iniziamo col dire allora che una bici pieghevole è innanzitutto una bicicletta a tutti gli effetti. Il suo telaio però è idealmente diviso in due parti, parti che all’occorrenza sarà possibile smontare e riassemblare oppure ancora richiudere su sé stesse.

Ad unire le due metà interviene spesso una sicura, un gancio, il quale permette, tra le altre cose, anche di ridurre considerevolmente lo spazio occupato dall’oggetto. Proprio la particolarità del telaio concorre a definire il prezzo di vendita del prodotto: per poterlo tenere insieme saldamente e smontarlo secondo le proprie esigenze è infatti necessario ricorrere a pezzi e congegni realizzati ad hoc e quindi più costosi rispetto agli standard.

Vecchie bici pieghevoli vs bici pieghevole dei giorni nostri

In passato ti era già balenata per la testa l’idea di acquistare una bici pieghevole. Qualcuno però, probabilmente un po’ più in là negli anni, ti ha dissuaso. Ciò perché il ricordo che molte persone non più giovanissime hanno delle folding bike non è del tutto positivo. In effetti qualche anno fa, parliamo più o meno di due decenni addietro, le bici pieghevoli erano dei trabiccoli malsicuri, pesanti, difficili da guidare, indicibilmente scomodi e per giunta talmente strani a vedersi che non mancavano di attirare l’attenzione altrui gettando il possessore del velocipede in una sorta di grande imbarazzo.

Al giorno d’oggi però le cose  sono molto cambiate. Le linee del prodotto sono decisamente più belle ed eleganti, si è intervenuti sulla sicurezza e la maneggevolezza del velocipede e, neanche a dirlo, le folding bike hanno guadagnato in comodità ed agilità. Del resto ci sarà pure un motivo se ultimamente si è registrata un’impennata delle vendite! Tutto questo per dirti che, e potrai verificarlo di persona recandoti in un qualsiasi negozio specializzato, l’idea di acquistare una bici pieghevole (di ultima generazione) è davvero ottima.

Come scegliere una bici pieghevole?

Per essere certo di non incappare in una bici pieghevole old style però devi comprare con una certa cognizione di causa. Qualche commerciante non proprio cristallino potrebbe tentare infatti di rifilarti delle giacenze di magazzino, dei prodotti di qualità discutibile o semplicemente una bici costosa ma che non fa al caso tuo.

Lo stesso tipo di problema potrebbe verificarsi anche comprando online: non sai quant’è facile sbagliarsi quando non si è degli esperti conoscitori di un determinato articolo! Per evitare problemi ed inghippi di ogni genere e tipo abbiamo stilato perciò una lista delle caratteristiche che una buona bici pieghevole deve necessariamente possedere. Utilizza questo nostro elenco all’atto dell’acquisto e, stanne certo, troverai la bici pieghevole perfetta, almeno per te.

Il materiale

Una delle caratteristiche che la bici pieghevole ideale deve possedere è la resistenza. Segue a ruota (è proprio il caso di dirlo), la maneggevolezza. Entrambe queste qualità dipendono in larga parte dalle caratteristiche tecniche del telaio ed in particolare dalla scelta di realizzare lo scheletro della bici partendo dalla lavorazione di un materiale anziché un altro. Ora: le case produttrici sono solite utilizzare per la fabbricazione dell’oggetto in esame l’alluminio, l’acciaio, la fibra di carbonio oppure ancora il titanio.

Ciascuno di questi materiali è in grado di assicurarti un buon livello di leggerezza e robustezza. Bisogna però considerare che i suddetti materiali hanno anche delle caratteristiche proprie che magari rendono il prodotto più adatto ad un contesto piuttosto che ad un altro. Per esempio: il telaio in alluminio è molto leggero. Di contro però non è in grado di assorbire del tutto le vibrazioni generate dall’impatto con il terreno.

Questo significa che pedalare per lunghi tratti e possibilmente su porzioni di strada non perfettamente asfaltate, potrebbe diventare fastidioso se non addirittura doloroso. Meglio sarebbe in questi casi perciò scegliere l’acciaio, sicuramente un pelino più pesante, ma comunque capace di assorbire meglio le vibrazioni.

Titanio e fibra di carbonio invece coniugano alla perfezione l’idea di leggerezza e quella di stabilità, la capacità di assorbire le vibrazioni e la facile guidabilità. Si tratta senza dubbio quindi di ottime soluzioni, soprattutto se hai la possibilità di investire qualche euro in più nell’acquisto della tua nuova bici pieghevole.

La tua stazza

In commercio esistono ormai davvero molti modelli di bici pieghevole. Potrai imbatterti perciò in varianti più o meno adatte ad assecondare le tue esigenze fisiche. Prima di acquistare il prodotto però ti consigliamo vivamente di provare la seduta, di verificare l’ergonomia del manubrio e la distanza da terra oppure ancora la comodità dei pedali.

Purtroppo infatti molte bici pieghevoli, in virtù della particolare conformazione del loro telaio, non consentono di regolare in altezza le loro parti né di personalizzare il velocipede secondo le proprie esigenze. Sia chiaro: i modelli di livello offrono in tal senso qualche possibilità in più. Tuttavia il grado di adattabilità del prodotto è decisamente basso, bassissimo se confrontato con le opzioni garantite da una bici normale.

Il sistema di chiusura

Come abbiamo detto, la principale differenza tra una bicicletta tradizionale ed una bici pieghevole è da ricercarsi nel sistema di chiusura tipico di quest’ultima. Dovrai prestare particolare attenzione a questo aspetto del problema anche perché sarai chiamato a scegliere in tal senso tra quattro diverse soluzioni.

Il sistema più gettonato dagli utenti sembrerebbe essere oggi quello a tecnologia orizzontale. Questa soluzione, per quanto valida, ha il grande svantaggio di sottoporre il telaio ad un numero eccessivo di sollecitazioni meccaniche. Ciò è vero soprattutto in caso di utilizzi frequenti o quando si è leggermente in sovrappeso.

L’opzione verticale consta invece di una cerniera triangolare e sembra destinata a soppiantare la soluzione precedentemente descritta. Questo perché grazie a tale dispositivo il telaio della tua bici pieghevole potrebbe guadagnare in aspettativa di vita. Abbiamo poi il sistema a chiusura girevole o quello che prevede lo smontaggio del prodotto dopo ogni utilizzo. Si tratta in entrambi i casi di soluzioni poco pratiche e decisamente non apprezzate dai consumatori. Ti consigliamo quindi di optare a priori per un sistema di chiusura verticale.

Il rivenditore comunque potrebbe prospettarti anche un secondo criterio di classificazione dei sistemi di chiusura. Avresti così da scegliere tra piega centrale e piega laterale. Nel primo caso il cardine sarà collocato proprio al centro del telaio e la bici potrà essere ripiegata su sé stessa chiudendosi a portafogli.

Il meccanismo darà modo di roteare anche pedali e manubrio. Il risultato finale in questi casi è decisamente buono: potrai richiudere la tua bici in tempi ultrarapidi e senza grossi problemi tecnici. Tuttavia, per quanto compattata, la tua due ruote non sarà molto slim. Questo meccanismo di chiusura è tipico dei prodotti di fascia medio – bassa.

La piega posteriore invece consente di inglobare le camere d’aria sotto al telaio e di piegare tanto il manubrio quanto i pedali. Si tratta di un sistema di chiusura un po’ più farraginoso ma capace di garantire il massimo in fatto di compattezza. Tale sistema di chiusura è in genere reperibile nei prodotti di fascia medio – alta.

Il peso

Tieni sempre sotto controllo anche il peso del prodotto. Se hai qualche problema di mobilità, non sei esattamente un individuo agile ed allenato o la tua schiena è preda di perenni acciacchi, orientati su una variante un po’ più leggera. Scegli tenendo comunque in considerazione il fatto che, per definizione, una bici pieghevole peserà sempre di più rispetto ad una bicicletta tradizionale.

Per essere più pratici e darti dei punti di riferimento, aggiungiamo che prodotto come quello in esame ha in media un peso pari a 12/13 chili. Una bicicletta richiudibile ultraleggera invece avrà un peso uguale o inferiore ai 10 chili. Sappi però che questo tipo di soluzione è in genere più costoso rispetto ad altre opzioni. Se quindi non hai problemi particolari o sei un po’ in sovrappeso orientati su una bici il cui telaio rientri negli standard o sia leggermente più pesante e quindi più robusto e resistente. Sappi che in quest’ultimo caso la tua bici potrebbe raggiungere e superare i 16 chili.

La trasportabilità

Come abbiamo visto la bici pieghevole è pensata per poter essere compattata e portata con sé in auto, sul posto di lavoro o persino in casa. Questo procedimento viene agevolato indubbiamente dalla presenza di custodie in cui riporre il prodotto ripiegato su sé stesso. Certo, scarrozzarsi in giro per la città una bici pieghevole insacchettata nella sua custodia non è comunque il massimo. Per questo motivo farai bene a scegliere dei prodotti il cui involucro sia dotato di rotelle esterne che agevolino tutti i tuoi movimenti.

Le ruote

Le dimensioni delle ruote di una bici pieghevole possono essere molto diverse e, come tali, adatte ad affrontare situazioni e contesti differenti. Scegliere bene il modello che più si adatti alle tue esigenze diventa perciò molto importante. Sappi, tanto per dirne una, che pneumatici da 16″ rappresentano una soluzione davvero molto compatta.

Se è vero però che non avrai problemi a riporre la bici nella sua custodia e che la camera d’aria ti garantirà una certa sicurezza in sella, è anche vero che la pedalata in questo modo sarà decisamente faticosa e che montando questo tipo di ruote sentirai, dosso per dosso ed avvallamento per avvallamento, tutte le irregolarità presenti sul tragitto.

Le ruote da 20″ sono decisamente più facili da gestire e renderanno la tua sgambettata meno impegnativa. Di contro però non sarà proprio facilissimo riporre la bici pieghevole nella sua custodia. Considera inoltre che le ruote piccole garantiscono un certo sprint, sprint che comunque non riuscirai a mantenere su alti livelli per tutta la durata del tragitto. Le ruote grandi invece si prestano meglio a coprire distanze un po’ più lunghe dato che tengono bene il passo.

Scegli perciò solo quando avrai ben chiare le tue esigenze. Non dimenticare però che per valutare la dimensione delle ruote dovrai tenere in considerazione anche la natura della strada da affrontare quotidianamente, nonché il tuo peso. Attenzione infine ad un piccolo particolare: la dimensione degli pneumatici può essere misurata anche in ISO (scala americana) o secondo i dettami della marcatura francese. Occhio quindi a non confondere le unità di misura!

I freni

Per quanto riguarda i freni non abbiamo molto da dire. In generale sappi che potrai disporre della variante a tamburo, degli amatissimi V-brake o dei tradizionali freni a disco. I prodotti migliori ti daranno la possibilità di sfruttare due diversi sistemi frenanti combinati e capaci di agire rispettivamente sulla ruota posteriore e su quella anteriore.

Il cambio

La bici pieghevole è una bici pensata per la città. Questo significa che, contrariamente a quanto accade per le biciclette tradizionali, può essere guidata senza ricorrere al cambio. Non è un caso che la stragrande maggioranza dei modelli attualmente in commercio non preveda nemmeno la presenza di questo dispositivo. Esistono comunque dei prodotti dotati di cambio Shimano. Questi articoli ti consentiranno di affrontare meglio strade in salita o tragitti particolarmente lunghi.

La reperibilità dei ricambi

Come già sai la bici pieghevole è un oggetto un po’ sui generis. Molte parti del suo telaio, così come le ruote utilizzate, sono spesso prodotte per rendere funzionante un unico tipo di bicicletta, sono adattabili insomma ad un marchio e spesso ad un modello ben preciso.

Dato che, al pari di tutte le altre biciclette, anche quella pieghevole è soggetta ad usura, farai bene a verificare a monte la disponibilità di ricambi per la stessa nonché il costo medio dei pezzi che più spesso capiterà di sostituire. Inutile insomma comprare un prodotto da accantonare nel ripostiglio alla prima foratura delle ruote ed inutile comprare una bici pieghevole i cui ricambi, magari ritirati all’estero, costino più del prodotto nuovo e fiammante.

Gli accessori

Quali accessori possono far parte del corredo di una bici pieghevole? Beh, innanzitutto una sacca per il trasporto. Abbiamo visto quanto questa sia utile ed importante: mai insomma lasciarsela scappare. In secondo luogo potresti trovare dei fanalini anteriori e posteriori. Anche questi, non è difficile immaginarlo, sono degli accessori che è sempre meglio avere con sé. Stesso identico discorso vale per il caschetto e le protezioni in genere.

Potrai poi contare anche sulla presenza di cestini, portapacchi o seggiolini per bambini. Un consiglio: se hai necessità di dotare la tua bici pieghevole di questi ultimi tre oggetti cerca di non acquistarli mai in separata sede. Prediligi invece i modelli in cui tali accessori siano già omologati. Come sai infatti la bici pieghevole è un prodotto particolare e, per certi versi almeno, un po’ di nicchia. Non sarebbe sicuro perciò adattarle degli accessori pensati per una bici tradizionale.

Prezzi

Una bici pieghevole, mettiti l’anima in pace, non costerà mai meno di una bici da strada a meno che tu non scelga di acquistare un prodotto di dubbia provenienza o di scarsa qualità. In alcuni casi anzi la tua folding bike sarà decisamente più costosa rispetto ad un qualsiasi articolo tradizionale. Si tratta però di una spesa più che giustificata.

Insomma: pensa solo a quanto risparmierai in carburante auto, in parcheggi a pagamento e, perché no, in biglietti per i mezzi pubblici. E dell’abbonamento in palestra che ogni anno finisci per pagare praticamente a vuoto vogliamo parlarne? Tra l’altro compiendo questa scelta aiuterai la natura riducendo un po’ il tasso di inquinamento registrato quotidianamente nelle nostre città. Quando si dice denaro ben speso…

Ma lasciamo perdere considerazioni ed opinioni private e cerchiamo invece di darti delle indicazioni pratiche e mirate circa il costo di una bici pieghevole. Bene: sappi che un prodotto economico ma non troppo scadente ha un prezzo pari a circa 150/250 euro. Un articolo decisamente più prestazionale e destinato a durare nel tempo invece richiede un esborso massimo di 300/500 euro o giù di lì. Come vedi non si tratta mai di cifre da capogiro e per questo motivo ti consigliamo di non andare troppo al risparmio, soprattutto se prevedi per la tua bici pieghevole un utilizzo intensivo…

Consigli pratici per la gestione di una bici pieghevole: come conservarla e come trasportarla in aereo

La bici pieghevole non è un oggetto da comprare ed utilizzare indiscriminatamente. La tua fedele compagna di pedalate necessita infatti di amorevoli cure, di manutenzione e di attenzioni. Soltanto così potrai garantirle una lunga aspettativa di vita e soltanto così potrai essere certo che ti serva fedelmente sino all’ultimo respiro.

Ci pare perciò il caso di darti qualche consiglio sulle modalità di conservazione del prodotto. Iniziamo allora col dire che la bici pieghevole, se non in uso, va sempre riposta nella sua custodia. Se non avessi più a disposizione l’astuccio originale potresti comunque ricorrere ad un lenzuolo, ad una coperta o a qualcosa di simile. Sarà così che trasporterai la tua bici quando sceglierai di portarla con te per un tratto di viaggio in auto.

Se invece volessi trasportare la tua folding bike in aereo dovresti procurarti una custodia rigida. Attenzione a questo proposito anche ai diversi regolamenti imposti dalle compagnie aeree. In alcuni casi infatti il trasporto della bici pieghevole è permesso soltanto dopo aver smontato il velocipede in più parti, in altri casi è possibile invece lasciare intera la bici pieghevole purché non occupi troppo spazio. In relazione agli obblighi imposti dalla compagnia aerea dovrai quindi procurarti una custodia rigida di forma e dimensione differente.

Ed a proposito di custodie: sapevi che ne esistono alcune capaci di camuffare il prodotto e di renderlo in tutto e per tutto somigliante ad una normale valigia? Optando per una soluzione del genere ti sarà più semplice portare con te la tua bici pieghevole in ogni occasione evitando, ad esempio, di legarla ad un palo quando è in disuso e scongiurando a priori così il pericolo di incappare in un furto.

Consigli pratici per la gestione di una bici pieghevole: come far fronte agli imprevisti

Una bici pieghevole, purtroppo, può essere soggetta a guasti improvvisi. La stessa cosa del resto accade anche con le normali biciclette. Per evitare di far tardi a lavoro o di rimanere appiedato in un angolo sperduto e remoto della città, ti consigliamo vivamente di portarti dietro un kit per la riparazione delle ruote ed una pompa da viaggio. Potrai così far fronte a qualsiasi tipo di problema derivante dal cattivo funzionamento delle camere d’aria.

Se sai già che utilizzerai la tua bici pieghevole per percorrere sempre il medesimo tratto di strada, magari dovrai raggiungere la scuola o l’ufficio, cerca online dei centri assistenza e riparazione che incrocino il tuo cammino. Quando insomma il problema non risiede nelle ruote è probabile che non possa ripararlo senza l’aiuto di un tecnico specializzato. Perché mai perdere tempo in questi casi a chiedere informazioni ai passanti nel tentativo di farti indicare l’esperto più vicino al luogo in cui ti trovi?

Sapendo già dove andare, che distanze coprire e quanto tempo ti serve per raggiungere l’officina avrai modo di valutare se continuare il tragitto a piedi recandoti a lavoro con la bici sotto braccio o se, visto il margine di tempo a disposizione, sarà meglio lasciare la bici al tecnico e quindi raggiungere il lavoro senza tardare.

In ogni caso, prima di metterti in viaggio, controlla sempre che le gomme siano in salute, che le luci funzionino correttamente e che la catena di trasmissione faccia il suo lavoro senza impedimenti di sorta. In questo modo ridurrai sensibilmente il rischio di incappare in spiacevoli disavventure.

Bici pieghevole: fa bene alla salute

Come abbiamo accennato in precedenza, la scelta di utilizzare quotidianamente una bici pieghevole può essere utile a svolgere una vita un po’ meno sedentaria ed a mantenersi in forma. Quello che non abbiamo detto è che tale opzione fa bene a tutto il corpo e non soltanto in termini di bellezza e mantenimento della linea.

I vantaggi connessi all’uso regolare di una bici pieghevole sono infatti parecchi a cominciare dai benefici ricavati dal cuore. Il muscolo cardiaco infatti, alla lunga, finisce per allenarsi e rinforzarsi, cosa che ti metterà al riparo dal rischio di incappare in una patologia cardiovascolare. Tra l’altro pedalare migliora anche la ventilazione polmonare.

Qualcuno ha stimato, non a caso, che l’uso regolare di una bici, pieghevole o meno che sia, aumenta in media l’aspettativa di vita di circa 3 anni per le donne e di 5 per i maschietti. Non è un caso che i ciclisti professionisti vivano in media 8 anni in più rispetto a qualsiasi altro sportivo agonista! Ma non è ancora tutto.

In passato qualcuno ha ventilato l’ipotesi che l’uso prolungato delle biciclette potesse alla lunga sfaldare le articolazioni o, addirittura, far ammalare la prostata. Le cose non stanno così. Gli addetti ai lavori hanno oggi dimostrato infatti che semmai è vero il contrario. Correre insomma distrugge le articolazioni, pedalare no per il semplice motivo che su queste parti del corpo non vengono riscontrate mai particolari pressioni. La zona pelvica invece parrebbe trarre dal ciclismo addirittura dei vantaggi.

Chi va in bici poi sopporta stoicamente la fatica. Alcuni scienziati hanno dimostrato infatti che la sensazione di affaticamento derivante da uno stress fisico per i ciclisti diminuisce di un buon 65%. Questo però a patto di allenarsi o pedalare almeno tre volte a settimana e con un ritmo non eccessivamente svagato.

E poi?

E poi c’è poi da considerare un fattore collettivo, per così dire. A quanto pare, al giorno d’oggi si muore in Europa soprattutto a causa del cancro, delle malattie cardiovascolari e dell’inquinamento. Abbiamo visto che le malattie cardiovascolari possono in qualche modo essere tenute a bada grazie a qualche salutare pedalata. Ovviamente bisognerà in tal senso curare anche l’alimentazione, ma questo lo saprai già.

Il cancro invece in molti casi è strettamente connesso al livello di inquinamento registrabile nelle nostre città. Se tutti pedalassimo quindi, parola di esperti, potremmo in qualche modo proteggerci l’un l’altro. Sicuramente non saremmo comunque in grado di debellare del tutto la malattia, ma ci daremmo una grossa mano…

E che dire dei benefici psichici? Molti psichiatri concordano nell’affermare che qualche sana sgambettata in bici può aiutare a combattere la depressione. Ciò perché il cervello secerne durante l’attività fisica molti ormoni responsabili della regolazione dell’umore.  Arrivare poi al lavoro o a scuola con il sorriso sulle labbra e tendenzialmente sereni e rilassati può servire a socializzare meglio ed a rendere di più. Insomma: la bici pieghevole può rappresentare un vero e proprio toccasana!

Una variante sul tema: la bici pieghevole elettrica

Concludiamo questa nostra guida parlando della bici pieghevole elettrica, una estrosa variazione sul tema. Questo tipo di prodotto ha senza dubbio una sua utilità: i pigri per antonomasia potranno infatti andare a lavoro o a scuola senza sforzarsi più di tanto. Inoltre grazie a tale tecnologia potrai coprire distanze considerevoli, magari alternando qualche sana pedalata ad un defaticante trasporto automatizzato. Quella qui in esame è senza dubbio una tecnologia moderna e destinata in futuro a diffondersi parecchio tra gli utenti.

Tuttavia, almeno per il momento, non siamo propensi a consigliarti di acquistare una bici pieghevole elettrica. Perché? Beh, innanzitutto perché siamo ancora agli albori: non sempre questi modelli, da poco presenti sul mercato, possono garantire prestazioni di buon livello. In secondo luogo perché piegare un telaio è già di per sé un’azione che sottopone la bici a sollecitazioni meccaniche che un domani ne determineranno lo stato di usura. Quando poi nel telaio passano dei cavi elettrici il pericolo di incappare in danni e noie aumenta esponenzialmente.

C’è poi da dire che un prodotto elettrico prevede un poco pratico ciclo di carico e scarico, operazione a cui non sempre si ha il tempo e la voglia di far fronte. Tra l’altro nelle nostre città le colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici non sembrano ancora essere presenti in quantità accettabili né tanto meno essere diffuse in maniera omogenea a tutte le latitudini.

In ultimo considera anche che una bici pieghevole elettrica ha spesso un costo proibitivo. Insomma: non potrai comprare niente che vada al di sotto delle 700 euro. Allo stato attuale delle cose, a ben vedere, non varrebbe proprio la pena di spendere tanto per un simile prodotto. Rimboccati perciò maniche e calzoni e scegli una bella bici pieghevole standard.

Le migliori bici pieghevoli 2021: classifica, prezzi, recensioni

1
Nilox X0 Unisex Adulto, Nero
  • Bici pieghevole piccola e compatta, perfetta per essere caricata sui mezzi o in macchina e per spostamenti in totale libertà
  • Solido telaio in acciaio di colore nero opaco, il mix perfetto per una bici robusta e con un design sportivo
  • Freni a e a pattino e ruote da 20'' in alluminio
  • Massima comodità e praticità garantita dalla sella ergonomica e dai pedali richiudibili
  • Pratica da trasportare con un peso di soli 12 kg e dimensioni da chiusa pari a: 80x65x30 cm
2
F.lli Schiano Pure, Bici Pieghevole Unisex-Adult, Nero-Verde, 20''
  • Telaio in alluminio pieghevole
  • Gruppo cambio interamente shimano: cambio shimano tourney 6 speed, comandi shimano revoshift
  • Pedali in alluminio pieghevoli, freni v-brake in alluminio
  • Tubo sella 27.2, sella comoda con molle, catarifrangenti anteriori e posteriori
  • Campanello incluso
  • Dimensioni da chiuso: 80 x 60 x 35 cm
3
F.lli Schiano Pure, Bici Pieghevole Unisex Adulto, Bianco-Blu, 20''
  • TELAIO: 20'' pieghevole in alluminio 14''/ 360mm
  • FORCELLA: Rigida 20"
  • FRENI: V-brake in alluminio
  • COMANDI/CAMBIO: Shimano Tourney SL-RS36 revoshift, 6 velocità
  • Luci, parafanghi, portapacchi e campana inclusi
ORA IN OFFERTA4
Folding 20 SP1X20000, Pieghevole 20 Unisex Adulto, Nero
  • Telaio ripiegabile
  • Misure bicicletta: 160 cm (lunghezza), 60 cm (larghezza/manubrio), 69 cm (altezza/telaio).
  • Misure bicicletta piegata: 62 x 38 x 90 cm
5
Ridgeyard Bicicletta pieghevole 20 pollici a 6 marce Bici pieghevole + LED batteria +...
  • 💯Portata massima fino a 70-75 kg. Equipaggiamento per la pioggia anteriore e posteriore per la guida in aree bagnate e bagnate, tenere lontano...
  • 💯Deragliatore e ruota libera regolabili a 7 velocità, dotati di luce batteria a LED e ruota dotata di catarifrangente per aumentare la...
  • 💯Questa bicicletta pieghevole a 7 velocità è dotata di una borsa da sella per oggetti personali caricati, il campanello per bici che ricorda...
  • 💯Bicicletta pieghevole dal design umanizzato, sedili in schiuma nera incorporati per una guida confortevole, manubrio e altezza dei sedili...
  • 💯Questa bicicletta da 20 pollici è pieghevole, facile da montare e montare e molto comoda da guidare, compagna perfetta per città e lavoro o...
6
MoovWay Bicicletta Elettrica Pieghevole con Pedali, Sedile Regolabile, Compatta...
  • con Modalità Crociera, velocità massima fino a 25 km/h, motore 350 W, la bicicletta elettrica rende bene fino ad una pendenza max di 15°
  • Schermo LCD e Campana, luce LED verticale nella parte anteriore del manubrio, spia del freno sulla ruota posteriore, anche con riflettori
  • Doppio sistema frenante e pneumatici in Nylon da 14 pollici, freno a disco nella parte anteriore e ruota posteriore
  • Pieghevole e portatile con un peso di 19 kg, la pedana é ampia e offre la possibilità, al guidatore, di mettere entrambi i piedi in maniera...
  • La capacità della batteria consente di guidare fino a 20km. Batteria 6AH 36V, il tempo di ricarica varia da 2-4 ore
7
Anakon Folding Sport, Bicicletta Unisex Adulto, Grigia
  • Quadro in Alluminio 6061, totalmente pieghevole
  • Gruppo Shimano 6 velocità
  • Forcella anteriore in acciaio
  • Cerchione da 20" in Alluminio
  • Freno v-brake
8
Ridgeyard 20" 6 velocità argento pieghevole pieghevole regolabile City Bike...
  • 💯Sistema di cambio shimano a 7 marce
  • 💯È facile da svolgere con tre semplici passaggi e comodo da eseguire e riporre in qualsiasi auto
  • 💯Manubrio regolabile e altezza del sedile. È adatto per la maggior parte delle persone dai 7 anni in su
  • 💯Cerchioni in alluminio leggero che offrono una migliore frenata e una guida sicura
  • 💯Portapacchi integrato per il trasporto di merci e perfetto per l'uso quotidiano in bici
9
Ridgeyard Bicicletta pieghevole piegabile a 6 rapporti 20 pollici con luce posteriore...
  • 🚲Portata massima fino a 70-75 kg. Sella in pelle nera incorporata in schiuma, comoda per la guida, pedale antiscivolo nero, non teme di...
  • 🚲La bicicletta da 20 pollici è dotata di campana, installa la mano sinistra per avvisare il passante e la staffa posteriore, perfetta per...
  • 🚲Questa bicicletta pieghevole a 7 velocità dotata di luce a batteria a LED e la ruota dotata di striscia riflettente, garantiscono un...
  • 🚲Bicicletta pieghevole dal design umanizzato, manubrio e sella possono essere regolati in base all'altezza, per aiutarti a trovare una...
  • 🚲Questa bicicletta da 20 pollici è pieghevole, facile da montare e montare e molto comoda da guidare, compagna perfetta per città e lavoro o...
10
HITWAY Bicicletta elettrica, Bici elettrica Pieghevole in Alluminio con Pneumatici da...
  • ★ Impostazioni pieghevoli premium: corpo in lega di alluminio, bicicletta elettrica leggera, facile da trasportare, pieghevole. Il carico utile...
  • ★ Motore potente e durata della batteria: dotato di batteria da 7,5 Ah e motore da 250 W, con batteria completamente carica, può viaggiare...
  • ★ Tre modalità di lavoro: la bicicletta elettrica può essere regolata su tre diverse velocità. Il sedile regolabile per persone di diverse...
  • ★ Utilizzo della nota: quando i principianti imparano ad andare in bicicletta elettrica, garantire la sicurezza. È necessario indossare un...
  • ★ Servizio Premium: i negozi Flywheel forniscono un servizio clienti di alta qualità. Organizziamo una garanzia di manutenzione gratuita di un...
Ti è stata utile questa recensione? Metti il tuo voto
[Totale voti]

Lascia un commento