Home - 1 - Migliori griglie e bistecchiere elettriche: recensioni

Migliori griglie e bistecchiere elettriche: recensioni

Una bistecchiera elettrica è il sogno nemmeno tanto nascosto di chi ama le grigliate di carne ma non ha a disposizione né il tempo né gli spazi adatti per poter montare un bel barbecue. Grazie a questo marchingegno sarà possibile per tutti, pigri compresi (buonissima la carne alla brace!

Peccato però che solo all’idea di dover accendere la carbonella gli individui di cui sopra tornino mestamente al tavolo, preparino un panino e vadano via con il desiderio di addentare prima o poi una succulenta bistecca alla griglia), cucinare senza odori, velocemente, in maniera piuttosto pratica, con gusto e senza sporcare quasi niente.

Già, ma come individuare la bistecchiera più adatta alle proprie esigenze? Come essere sicuri che quel piccolo elettrodomestico che sembra quasi rappresentare una vera e propria manna dal cielo, l’ultima rimasta ancora sugli scaffali del negozio, sia effettivamente un prodotto che valga la pena di acquistare? Qui di seguito si proverà a tracciare l’identikit della perfetta bistecchiera elettrica.

Modello
SI RISCALDA IN POCHI SECONDI
Ariete 00C198000AR0 Toast & Grill Easy Sandwich Maker
RESISTENTE E FACILISSIMO DA PULIRE
Russell Hobbs Griglia elettrica 3 in 1 (Bistecchiera Elettrica, Toast farciti, Waffle), Piastre Antiaderenti,...
OTTIMO PRODOTTO DI QUALIA' FACILE DA USARE
Tefal - Optigrill + Black edition GC712812, Piastra da cucina 2000 W, 6 modalità di cottura, indicatore del...
Immagine
Ariete 00C198000AR0 Toast & Grill Easy Sandwich Maker
Russell Hobbs Griglia elettrica 3 in 1 (Bistecchiera Elettrica, Toast farciti, Waffle), Piastre Antiaderenti,...
Tefal - Optigrill + Black edition GC712812, Piastra da cucina 2000 W, 6 modalità di cottura, indicatore del...
SI RISCALDA IN POCHI SECONDI
Modello
Ariete 00C198000AR0 Toast & Grill Easy Sandwich Maker
Immagine
Ariete 00C198000AR0 Toast & Grill Easy Sandwich Maker
RESISTENTE E FACILISSIMO DA PULIRE
Modello
Russell Hobbs Griglia elettrica 3 in 1 (Bistecchiera Elettrica, Toast farciti, Waffle), Piastre Antiaderenti,...
Immagine
Russell Hobbs Griglia elettrica 3 in 1 (Bistecchiera Elettrica, Toast farciti, Waffle), Piastre Antiaderenti,...
OTTIMO PRODOTTO DI QUALIA' FACILE DA USARE
Modello
Tefal - Optigrill + Black edition GC712812, Piastra da cucina 2000 W, 6 modalità di cottura, indicatore del...
Immagine
Tefal - Optigrill + Black edition GC712812, Piastra da cucina 2000 W, 6 modalità di cottura, indicatore del...

Griglia e bistecchiera elettrica: cosa c’è da sapere?

La bistecchiera elettrica altro non è che una sorta di padella deluxe: i cibi cuociono perché poggiati su una bella griglia al di sotto della quale è di solito presente un piccolo contenitore pieno di acqua che viene riscaldata ad hoc non appena l’oggetto entra in funzione. Tale procedura ha ovviamente una sua utilità; serve infatti a rendere sempre più calda la piastra su cui poggiano gli alimenti e quindi ad avviarne la cottura vera e propria.

Alcuni modelli di questo utilissimo elettrodomestico sono dotati anche di un fondo in cui, all’atto dell’accensione, cominciano a convergere i grassi contenuti nella carne. La presenza della vaschetta contenente dell’acqua a cui si accennava poco sopra e di un centro di raccolta dei succhi rilasciati dalle pietanze, serve ad evitare che, come in genere accade quando si cucina su gas, si formino coltri di fumo che danneggiano i mobili e sovraccaricano l’ambiente (per non parlare dei vestiti e dei capelli di chi sta ai fornelli) di odori non proprio gradevoli.

La griglia facente parte del sistema è solitamente realizzata in ghisa, materiale particolarmente adatto alla cottura delle carni e, d’altro canto, abbastanza economico. Esso infatti non soltanto riesce a raggiungere alte temperature in tempi davvero molto brevi, ma per giunta conserva il tepore per parecchio tempo consentendo all’utente di lasciare per qualche minuto le sue pietanze preferite appoggiate sulla piastra e di poterle consumare dopo qualche minuto a temperature ancora accettabili.

In genere poi si preferisce realizzare le bistecchiere utilizzando della ghisa perché questo materiale è molto resistente ai processi di ossidazione (e quindi alla ruggine) e, caratteristica ancora più importante, antiaderente e longevo. L’unico handicap, se così vogliamo chiamarlo, potrebbe essere il peso di tale materiale: una griglia in ghisa dal diametro pari ad una trentina di centimetri potrebbe pesare infatti anche un paio di chili o poco più. Niente di proibitivo, ovviamente, ma non proprio il massimo della maneggevolezza.

Un altro elemento che contraddistingue spesso tale genere di elettrodomestici è la presenza di una doppia piastra (una in alto ed una in basso) che consente di cuocere i cibi quanto più uniformemente sia possibile. In sostanza quindi una buona bistecchiera elettrica realizzata in ghisa e dotata dei dispositivi sopra descritti è un prodotto caratterizzato da un rapporto qualità/prezzo/durata sicuramente apprezzabile che si traduce anche in un’ottima cucina, gustosa e forse addirittura più salutare rispetto ad altre varianti.

Le 10 bistecchiere e griglie elettriche più vendute

Perché acquistare una bistecchiera elettrica?

Dell’aspetto strettamente legato alla praticità d’utilizzo di questo prodotto si è già parlato: si evitano odori, si cuoce tutto velocemente e si utilizza un materiale duraturo e capace di offrire agli utenti molte garanzie. Ma i vantaggi in qualche modo connessi all’acquisto di una bistecchiera elettrica non finiscono di certo qui. Possederne una significa assaporare tranci di carne che abbiano lo stesso identico sapore che avrebbero avuto se cotte sul BBQ ed in più è possibile anche vagliare l’ipotesi di non aggiungere grassi di cottura alla proprie pietanze migliorando quindi notevolmente lo stile alimentare perseguito.

Se poi si decidesse di non cuocere gli alimenti a temperature eccessivamente elevate, questi risulterebbero meno poveri di sostanze nutritive e quindi ancor più salutari. Tale elettrodomestico poi è in genere facilmente trasportabile, pratico da azionare e pulire, veloce e, almeno nelle sue varianti migliori, si presta a cuocere anche cibi parecchio diversi dalla carne (da qui la necessità di regolarne la temperatura).

Molti dispositivi, soprattutto se di nuova concezione, sono corredati da meccanismi mangia fumo o pensati per eliminare dall’ambiente la presenza di odori. Alcune bistecchiere infine possono essere utilizzate cambiando il senso di apertura o di grigliatura, cosa che contribuisce a migliorare la cottura dei cibi. Insomma: più che chiedersi perché acquistare una bistecchiera elettrica, bisognerebbe domandarsi perché non si è ancora provveduto in tal senso! Unico neo? Solitamente questi elettrodomestici sono un po’ ingombranti e non proprio leggerissimi da manovrare ma, a ben vedere, non si tratta di problemi insormontabili.

Più fastidiosa è semmai la complicazione legata agli odori incamerati dalla ghisa che non possono essere rimossi utilizzando detersivi particolarmente aggressivi in quanto finirebbero per danneggiare l’elettrodomestico in esame, ma niente paura: i rimedi della nonna in questi casi funzionano sempre. Nello specifico basterà intingere una spugnetta in un po’ di aceto e strofinarla sulle parti sensibili dell’oggetto. Si raccomanda di ripetere l’operazione sin quando non si otterrà il risultato sperato.

Scegliere una buona griglia elettrica

Attualmente il mercato offre agli utenti in cerca di una nuova bistecchiera elettrica una vasta scelta di modelli e tipologie: ci sono quelle adatte alle carni, quelle che possono cuocere un po’ di tutto, quelle grandi, piccole, a temperatura regolabile… Insomma, per non perdersi in questo mare di proposte è forse meglio orientarsi su un prodotto che possa innanzitutto garantire a chi lo compra versatilità, longevità e buone prestazioni.

In quest’ottica si consiglia vivamente di optare sempre per modelli dotati di funzioni atte a controllare la temperatura di cottura (elemento questo che offre la possibilità di spaziare tra gli alimenti trattabili, per così dire, di conservare le sostanze nutritive in essi contenute e di ridurre l’emissione di vapori ed odori).

Un’altra caratteristica che si consiglia di ricercare nella propria bistecchiera elettrica è quella delle piastre scorrevoli e, all’occorrenza, sfilabili dal telaio. In questa maniera sarà senza dubbio più facile pulire il marchingegno ed eliminare a monte il problema a cui si accennava in precedenza (la ghisa che trattiene determinati odori e che non può essere pulita utilizzando detersivi aggressivi). Tra l’altro queste piastre, per essere ritenute davvero di buona qualità, dovrebbero essere lisce da una parte e scanalate dall’altra, opzione che dà modo agli utenti di adeguare ulteriormente la bistecchiera al tipo di cottura richiesto dai diversi cibi che qui è possibile preparare.

Si considerino poi a priori la dimensione dell’oggetto in esame ed il suo relativo peso: difficilmente un single incallito avrà necessità di comprare una bistecchiera molto grande e, di contro, una famiglia media composta magari da 4 persone non potrà ritenersi soddisfatta di un prodotto sottodimensionato (a meno che non si accetti l’idea di non mangiare tutti contemporaneamente). Chiaramente maggiore è la dimensione della bistecchiera e più essa sarà pesante.

Importantissimo è poi il discorso legato alla sicurezza: è fondamentale infatti che la bistecchiera abbia manici ergonomici e rivestiti da materiali isolanti che possano ridurre notevolmente il rischio di pericolosi contrattempi domestici o di danneggiare l’apparecchio.

La manutenzione

Le bistecchiere elettriche sono degli oggetti che, potenzialmente, potrebbero durare in eterno. Perché ciò accada, ci si accontenterebbe alla fin fine anche di periodi di tempo appena più ridotti, è necessario utilizzare alcuni accorgimenti.

In primo luogo è fondamentale che l’apparecchio sia sempre ben pulito e che venga trattato con panni umidi e non abrasivi. Per lo sporco più ostinato invece si raccomanda di non utilizzare detersivi aggressivi: si preferisca invece intiepidire appena la piastra e trattarla con mezzo limone (il limone ovviamente andrà poi buttato) o al limite versando sul panno del bicarbonato oppure ancora dell’aceto (che evidentemente non serve soltanto per eliminare dalla griglia odori sgradevoli).

Per essere sicuri che la piastra di ghisa non arrugginisca, è meglio pulirla con sale grosso e pezze morbide e, dopo questo passaggio, con un panno appena inumidito nell’olio. La piastra tiepida, ma ovviamente non più in funzione, andrà quindi nuovamente trattata con una spugna et voilà: eccola tornata come nuova!

Piccolo suggerimento: la temperatura della piastra quando si spera di pulirla sciogliendo il grasso in eccesso (quindi esattamente come descritto appena qualche riga più sopra) dovrà essere sempre più alta in relazione al quantitativo di sporco presente. Inoltre durante la cottura, per evitare che si verifichino tutti i problemi sopra esposti, è consigliabile isolare gli alimenti dalla griglia frapponendo un foglio di carta forno.

Quanto costa una bistecchiera elettrica?

Il costo di una bistecchiera elettrica può oscillare tra cifre tutto sommato abbastanza basse e prezzi un po’ più proibitivi. Ciò dipende da differenze facilmente intuibili, quali ad esempio la marca, il modello, la scelta di acquistare in un negozio fisico o virtuale, l’innovatività del prodotto e quant’altro. A determinare il valore di un simile elettrodomestico però concorrono anche caratteristiche che riguardano la resa vera e propria dell’oggetto.

Entrano in questo caso in gioco quindi variabili quali la presenza o meno di accessori, di comandi e funzioni difficilmente reperibili in modelli di scarsa qualità, la dotazione di piastre intercambiabili, rimovibili e regolabili persino in posizioni differenti e quant’altro. Incidono poi sul prezzo ultimo del prodotto anche la potenza, i materiali utilizzati per la realizzazione delle piastre e così via.

Considerando quindi tutti questi elementi tra loro variamente combinati è possibile affermare che un articolo senza grandi pretese abbia normalmente un costo pari a poche decine di euro (20/30 euro sono in media sufficienti a comprarne uno). Una bistecchiera di buona qualità può essere acquistata sborsando qualcosa di più (50/70 euro bastano per acquistare un prodotto che permetterà all’utente di allargare notevolmente i suoi orizzonti culinari).

Per portarsi a casa un vero e proprio top di gamma invece bisognerà sborsare tutt’altro genere di cifra (in media i migliori prodotti in assoluto hanno infatti un costo pari a circa un centinaio di euro, costo che può lievitare ulteriormente sino a sfiorare le 130/140 euro).

Le migliori 6 bistecchiere elettriche 2022

Lista aggiornata delle migliori griglie elettriche in commercio

1) Bistecchiera elettrica N/B

N/B

Magari non sarà commercializzata dal più conosciuto dei brand, ma la bistecchiera N/B è a mio parere un prodotto di livello. Questa macchina è decisamente molto versatile: pensa che acquistandola potresti addirittura spaziare tra 8 diversi programmi di cottura presenti di default nella memoria del sistema. Ciò ti permetterà di cuocere egregiamente ogni tipo di carne, salumi e persino surgelati. Ho apprezzato molto poi la possibilità di settare manualmente l’apparecchio, cosa che ti darà modo di personalizzare l’uso dell’elettrodomestico.

In caso di acquisto controllerai la tua N/B mediante un pratico pannello led digitale. A cottura ultimata, potrai facilmente smontare le piastre antiaderenti e la vaschetta preposta alla raccolta del grasso in modo da lavare tutto comodamente sia a mano che in lavastoviglie. Capace di riscaldarsi e raffreddarsi velocemente nonché di cuocere contemporaneamente il pasto di 6/8 persone, questo prodotto ha un unico difetto: è settabile soltanto chiudendo bene entrambe le porte della bistecchiera.

Pro: versatilità, personalizzazione della cottura, facilità di gestione, reattività

Contro: attivazione possibile soltanto a porte chiuse

2) Bistecchiera elettrica Rowenta GR722D Optigrill

Rowenta GR722D Optigrill

Non credo di sbagliarmi affermando che la Rowenta GR722D Optigrill è attualmente la migliore bistecchiera elettrica in circolazione. I programmi selezionabili sono addirittura 9 e permettono di cuocere praticamente la qualsiasi. Per quanto riguarda la personalizzazione del settaggio potrai sfruttare invece 4 diversi livelli di regolazione della temperatura. Com’è giusto che sia, tanto le piastre quanto la vaschetta per la raccolta dei liquidi possono essere rimosse in modo da rendere più facili le operazioni di pulizia. Ottimi sono poi i materiali di realizzo del prodotto (alluminio pressofuso antiaderente).

La bistecchiera Rowenta GR722D Optigrill è dotata di sensori intelligenti capaci di tarare l’erogazione del calore in rapporto allo spessore ed alla quantità degli alimenti posti sulla griglia, griglia che tra l’altro permette di cuocere in simultanea il pasto di un cospicuo gruppo di commensali. Un difetto dell’apparecchio? Probabilmente il prezzo, un pelino più alto rispetto a quello proposto da molti competitors.

Pro: 9 programmi selezionabili, 4 livelli di regolazione della temperatura, facilità di gestione, buona fattura, sensori intelligenti, capienza notevole

Contro: ingombro, prezzo

3) Bistecchiera elettrica De Longhi CGH1012D Multigrill

De Longhi CGH1012D Multigrill

Non lascia di certo a desiderare nemmeno la bistecchiera De Longhi CGH1012D Multigrill. Quella che ti propongo è infatti una macchina potente e versatile, capace di svolgere benissimo il suo lavoro e di offrirti molte possibilità di personalizzazione della cottura o, in alternativa, il ricorso ai soliti programmi preimpostati. Per quanto riguarda la funzione grill potrai scegliere se attivarla tenendo le piastre a contatto, completamente aperte o in modalità forno. Tra l’altro potrai anche decidere di riscaldare una sola griglia o entrambe le parti della bistecchiera oppure ancora di impostare per ciascuna di esse temperature differenti.

Con i suoi 2000W di potenza, l’alta qualità dei materiali utilizzati ed il design intelligente De Longhi CGH1012D Multigrill mi sembra un ottimo prodotto. Tra l’altro è una delle pochissime bistecchiere in commercio a poter far riferimento ad una sua specifica app utile a ricavare ricette, suggerimenti culinari e consigli per l’uso.

Pro: potenza, versatilità, ampia possibilità di personalizzazione, buona fattura, design intelligente, presenza di un’app di riferimento

Contro: prezzo

4) Bistecchiera elettrica Imetec Professional Serie GL 3000

Imetec Professional Serie GL 3000

La prima caratteristica di Imetec Professional Serie GL 3000 che balza all’occhio è l’ampiezza delle piastre. Vero è che tanta superficie sfruttabile per la cottura si traduce in un discreto ingombro, ma è altrettanto vero che potrai utilizzare la tua bistecchiera per preparare contemporaneamente più pietanze o per portare in tavola grosse quantità di cibo. Devo dirti però che la cosa che più ho apprezzato di questo prodotto è il rivestimento Stone-look che ha regalato alle mie preparazioni lo stesso sapore degli alimenti cotti su pietra.

La bistecchiera Imetec Professional Serie GL 3000 coi suoi 2000W può raggiungere temperature molto alte (240°C di picco) utili a decongelare, tostare e grigliare. Le sue piastre poi, altro elemento che ho gradito parecchio, sono regolabili in 7 diverse posizioni. Piccolo difetto: il prodotto non è corredato da termostato. Ciò perché le temperature si regolano automaticamente in relazione al programma da te selezionato.

Pro: ampiezza delle piastre, cottura simile a quella su pietra, alte prestazioni, svariati settaggi delle griglie, molteplici funzioni, prezzo

Contro: assenza di termostato, ingombro

5) Bistecchiera elettrica Severin SEV 2392

Severin SEV 2392

Una cosa che ho notato subito testando la mia Severin SEV 2392 è che questa bistecchiera è in grado di riscaldarsi in tempi ultrarapidi. Ciò è vero a prescindere dal tipo di configurazione scelto per l’elettrodomestico: potrai decidere infatti di aprirlo a libro, di chiuderlo parzialmente o di accostare le piastre, ma il risultato sarà sempre lo stesso. Ed a proposito di piastre: interamente realizzate in alluminio antiaderente, queste hanno un’ampiezza notevole, in più possono essere staccate dal corpo macchina e lavate a mano o in lavastoviglie.

Nella confezione del prodotto proposto troverai una coppia di griglie lisce ed una seconda coppia di griglie ondulate. Tale espediente serve a moltiplicare esponenzialmente il numero di preparazioni affidabili all’articolo in esame. La scocca della bistecchiera Severin SEV 2392 è interamente realizzata in acciaio inossidabile; questo significa che il peso dell’oggetto non è indifferente. C’è di buono però che il suo prezzo è davvero vantaggioso.

Pro: reattività, ampia possibilità di personalizzazione, buona fattura, design intelligente, doppia coppia di griglie in dotazione, prezzo

Contro: peso

6) Bistecchiera elettrica Aigostar Hitte 30HFA

Aigostar Hitte 30HFA

La bistecchiera Aigostar Hitte 30HFA ha forse un po’ di fronzoli in meno rispetto ai modelli che ho precedentemente inserito in lista. Questo non significa che non sia una buona macchina, ma soltanto che si avvicina maggiormente alle esigenze di una fetta d’utenza più easy. Il prodotto è stato costruito utilizzando materiali di alta qualità, acciaio inossidabile ed alluminio antiaderente su tutti. Le sue griglie sono, come da tradizione, fisse ed ondulate e la distribuzione del calore è perlopiù regolata in automatico dalla macchina.

Qualora volessi comunque avresti modo di intervenire alzando o abbassando la temperatura secondo le tue esigenze: ti basterà girare la rotellina della bistecchiera. Potrai, scegliendo di acquistare questo elettrodomestico, cuocere e grigliare utilizzando un settaggio open barbecue o chiudendo normalmente le piastre. Aigostar Hitte 30HFA è insomma una soluzione molto economica ma di livello, di facile gestione ma senza troppe pretese.

Pro: buona fattura, regolabilità della temperatura, facilità d’uso e di gestione, prezzo

Contro: assenza di funzioni accessorie, griglie non rimovibili


Ultimo aggiornamento 15-03-2023 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API