Home guide-casa Come orientare l’antenna

Ultimo aggiornamento: 14.09.22

Come orientare l’antenna

L’avvento del digitale terrestre non ci ha di certo sollevati dalla necessità di orientare correttamente l’antenna: bypassando questa operazione infatti non riusciremmo a vedere nemmeno uno dei nostri programmi TV preferiti. Tutto ciò vale tanto nel caso dei televisori di ultima generazione quanto in quello degli apparecchi un po’ più datati. Ma siamo sicuri che il nuovo modo di vedere la TV abbia davvero aggiunto una tacca ai nostri progressi tecnologici?

I vecchi televisori si vedevano sempre e comunque, anche se a volte il segnale era un po’ disturbato. Gli apparecchi odierni invece finiscono spesso per interrompere del tutto le trasmissioni lasciandoci davanti ad un quadro nero ed impenetrabile. Vero è però che la qualità dell’immagine e del suono al giorno d’oggi è decisamente superiore rispetto al passato. Insomma: forse la verità sta un po’ nel mezzo, ma per migliorare la nostra esperienza qualcosa possiamo fare. Cosa? Beh, per esempio orientare al meglio l’antenna TV.

Informazioni preliminari all’orientamento dell’antenna

Anche il digitale terrestre per funzionare correttamente necessita di captare un segnale audio-video stabile; a questo serve l’antenna. Essa, magari a seguito di condizioni meteo avverse o di un recente trasloco, potrebbe però non essere orientata a dovere impedendoci quindi di guardare tranquillamente la nostra TV.

A volte il problema può essere facilmente risolto senza aiuti esterni, altre volte invece è meglio affidarsi alle sapienti mani di un antennista. Ciò è vero soprattutto quando salire sul tetto della nostra abitazione, per qualsiasi motivo, non ci risulti agevole ed anche quando casa nostra è circondata da generiche barriere che impediscano il libero fluire del segnale.

I ripetitori trasmettono il segnale TV: come individuare la loro posizione

Quando si vuole orientare correttamente l’antenna è innanzitutto necessario capire dove siano collocati i ripetitori. Per farlo basterà connettersi a Google OTG TV. Di cosa si tratta? Semplice: di un sito in cui è possibile inserire il nome della città in cui viviamo e che ci restituirà di conseguenza una mappa dei ripetitori che la sovrastano.

Una volta ottenute queste informazioni, salviamo le coordinate relative alla zona di nostro interesse. Cerchiamo quindi di capire quale sia la distanza che intercorre tra i suddetti ripetitori e la nostra abitazione ed in più procuriamoci informazioni sul loro orientamento. Allo scopo armiamoci di bussola, o magari di apposite app bussola, nonché di Google Maps.

Apriamo perciò la mappa della nostra città e, cliccando sul pulsante blu che fa riferimento alle indicazioni stradali, mettiamo alla voce “destinazione” le coordinate che abbiamo salvato in precedenza. Sotto “posizione iniziale” invece aggiungiamo il nostro indirizzo. In maniera più semplice, per saltare la compilazione di quest’ultimo slot, potremmo anche autorizzare il GPS a rilevare la nostra posizione.

Orientare l’antenna TV: ecco come si fa

Una volta in possesso di tutte le informazioni di cui sopra, prepariamoci a salire sul tetto. Portiamoci dietro il cellulare e cerchiamo, con l’aiuto della bussola e di Google Maps, di capire quale sia il punto cardinale di riferimento del nostro ripetitore. L’antenna dovrà essere orientata nella stessa direzione anche se non è in tal senso necessario avere una precisione millimetrica.

Molto più importante è semmai assicurarsi che tra il ripetitore e l’antenna non ci siano ostacoli o schermature. Fatto ciò, ruotiamo la nostra antenna fino a trovare l’assetto migliore, quindi tiriamo un bel sospiro di sollievo e torniamo dentro casa. Qui non ci resterà altro da fare che avviare la sintonizzazione dei canali.

Sintonizzare correttamente i canali del digitale terrestre: la procedura corretta

Sintonizzare i canali del digitale terrestre è tutto sommato abbastanza semplice e richiede l’uso del solo telecomando. Diciamo che per compiere l’operazione non esiste una procedura universale, ma la differenza dei passaggi tra una marca e l’altra di televisori è sempre minima e tutto sommato intuitiva.

Come usare la scansione automatica

Poniamo il caso di voler concludere le operazioni avvalendoci di una scansione automatica dei canali. Questi sono i passaggi da seguire:

  • accedere al menu TV. Per farlo bisognerà accendere il televisore e, utilizzando le apposite frecce o i pulsanti dedicati, selezionare il percorso “menu-impostazioni avanzate”.
  • eseguire la scansione. Selezioniamo la voce “esegui scansione automatica” (o simile) e quindi inseriamo, se richiesto, il PIN di sblocco facilmente reperibile sul manualetto delle istruzioni ed, in casi estremi, su internet. Tale PIN si ripete inalterato per tutti i televisori di una stessa marca. Selezioniamo adesso la modalità di sintonia DTV e quindi avviamo la scansione. A questo punto il televisore farà tutto in automatico.

Come usare la scansione manuale

La scansione manuale non è molto più difficile di quella automatica. Una volta avuto accesso al menu, ci basterà selezionare la voce “sintonizzazione manuale” (o simile). Inseriremo quindi la frequenza di nostro interesse, reperibile anche stavolta su OTG TV, e quindi avvieremo nuovamente la scansione. Da questo punto in poi il televisore procederà autonomamente.

Possibili problemi

Pur avendo eseguito correttamente tutti i passaggi sopra descritti potrebbe capitare di avere ancora problemi di ricezione. La prima cosa da fare in questi casi è ripetere tutti gli step precedentemente illustrati. Potrebbe servire infatti tracciare nuovamente il percorso che divide la casa dal ripetitore o muovere l’antenna in una direzione più opportuna.

Se il problema persiste, magari è proprio l’antenna ad essere danneggiata. Saliamo allora sul tetto e verifichiamo il suo “stato di salute”. Attenzione anche ad eventuali difetti a carico di TV e digitale terrestre. Se guardare la televisione resta ancora utopia non possiamo far altro che rivolgerci ad un tecnico.