Cosa fare quando il ferro da stiro perde acqua

Il ferro da stiro è uno degli elettrodomestici più utilizzati in casa. Il ricorso frequente all’apparecchio può però contribuire ad un rapido deterioramento dello stesso. Potrebbe allora verificarsi una fastidiosa fuoriuscita di acqua sporca da una o più parti della piastra. Potrebbe capitare anche che la biancheria da stirare si bagni o addirittura si macchi e puzzi. Ecco allora cosa fare quando il ferro da stiro perde acqua dalla piastra.

Il ferro da stiro perde acqua dalla piastra perché lo stiamo usando male

Probabilmente il ferro da stiro perde acqua dalla piastra perché lo stiamo utilizzando male. Per capire se il suo malfunzionamento sia o meno imputabile al nostro “modus operandi”, cerchiamo innanzitutto di individuare il punto esatto in cui si origina la perdita d’acqua. Nella maggior parte dei casi la parte incriminata è il tappo del serbatoio. Altrettanto frequente è però l’opzione buchi della piastra. In ogni caso, se la fuoriuscita è notevole, per riparare l’elettrodomestico potrebbe essere necessario ricorrere ai servigi di tecnici esperti.

Sicuramente più risolvibile tra le mura domestiche è invece l’eventualità in cui la perdita d’acqua non sia poi così copiosa o si registri a seguito dell’impiego di un apparecchio nuovo, magari ancora in fase di rodaggio. Probabilmente infatti le perdite d’acqua sono da attribuire in queste circostanze ad un cattivo impiego del ferro da stiro. Un primo tentativo per risolvere il problema potrebbe essere quello di utilizzare alcuni semplici accorgimenti quali:

  • evitare di adoperare il ferro senza aver prima raggiunto la temperatura ottimale di riscaldamento. In questo modo si impedirà a priori alla macchina di creare condensa e bagnare i panni (attenzione quindi alla regolazione della caldaia o agli indicatori termici della stessa)
  • regolare la temperatura del termostato seguendo con attenzione le indicazioni riportate sul libretto delle istruzioni, ricordando anche che ogni casa produttrice potrebbe fornirci indicazioni proprie. Non è detto quindi che tutti i ferri da stiro funzionino esattamente alla stessa maniera

Attenzione alle guarnizioni, potrebbero essere usurate!

Un altro elemento che tendiamo spesso a sottovalutare è lo stato di salute delle guarnizioni. Partiamo dal presupposto che, nel caso in cui le fuoriuscite d’acqua siano abbondanti e si verifichino su un elettrodomestico ormai vecchiotto o parecchio utilizzato, spesso il malfunzionamento è imputabile a cause decisamente più tecniche rispetto a quelle su descritte.

Se la perdita ha origine dal tappo della caldaia è molto probabile, per esempio, che il problema risieda nelle guarnizioni.  Per poter nuovamente usufruire del ferro da stiro sarà quindi necessario sostituire le parti compromesse. Se, nonostante tutto, il difetto persiste è segno che l’elettrodomestico ha bisogno dell’aiuto di un tecnico: il guasto potrebbe infatti risiedere nella caldaia o comunque nelle parti interne della macchina. Insomma: niente che una mano poco esperta possa provvedere a riparare in autonomia.

Se il ferro perde acqua dalla piastra potrebbe dipendere dal calcare

Molti utenti per riempire la caldaia del loro ferro da stiro ricorrono a comunissima acqua del rubinetto. Si tratta di una soluzione sicuramente pratica e veloce, che magari permette di adoperare l’elettrodomestico anche quando in casa manca l’acqua demineralizzata. Il problema però è che l’acqua proveniente dai nostri rubinetti è spesso molto calcarea. Ciò significa che il ferro, a lungo andare, perderà acqua sporca dai fori della piastra, macchiando inevitabilmente il bucato.

Qualora ciò accadesse bisognerebbe procedere disincrostando il ferro da stiro e quindi eliminando dalla piastra tutti i residui di calcare bruciato che ne ostruiscono i fori. Un rimedio semplice ed economico all’inghippo è quello di provvedere al lavaggio della parte utilizzando una soluzione home made di acqua distillata (50%) ed aceto (50%). Attenzione però: la suddetta soluzione andrà versata direttamente nel serbatoio della macchina, la quale verrà poi accesa in modo da scaricare il vapore alla massima potenza.

Ricordiamoci poi che i ferri da stiro di più recente concezione vantano delle funzionalità “preimpacchettate” per la pulizia. La casa produttrice infatti propone in questi casi all’utente dei programmi settati a monte, utili ad assicurare la corretta manutenzione della macchina. Un consiglio: dopo aver eseguito il lavaggio dell’elettrodomestico sarà bene ripetere nuovamente la procedura. Stavolta però utilizzeremo dell’acqua distillata in cui siano presenti soltanto piccolissime quantità di aceto. In questo modo saremo certi che sulla biancheria stirata non restino cattivi odori.

Il problema non è stato risolto

Tutte le soluzioni sopra suggerite, nella maggior parte dei casi almeno, possono dirsi risolutive. Può capitare però che, pur applicandole fedelmente, il ferro continui a perdere acqua dalla piastra. Perché ciò accade? Beh, potremmo avere a che fare con cause scatenanti che, rispetto a quelle sin qui elencate, siano un po’ più serie ed impegnative da risolvere. Nel dettaglio:

  • cavo di alimentazione danneggiato: questa parte, se usurata, non permette al ferro da stiro di riscaldarsi correttamente. Ne deriva una fastidiosa formazione di condensa sulla piastra
  • incrostazioni sulla resistenza: potrebbe accadere anche che il circuito dell’acqua calda si sia incrostato o addirittura ostruito, magari per via di un utilizzo costante di acqua calcarea. Nei casi peggiori potrebbe essersi verificata addirittura la rottura del serbatoio. Anche stavolta sarà possibile tentare la carta del lavaggio con aceto, soluzione che però servirà a poco nel caso in cui la caldaia abbia riportato crepe e spaccature
  • termostato malfunzionante: se il termostato fosse danneggiato, pur regolandolo secondo quanto scritto sul libretto delle istruzioni, potremmo avere comunque delle fuoriuscite d’acqua dalla piastra. Per verificare che questa parte funzioni correttamente sarà necessario impostarla alla massima temperatura. La mancata formazione di vapore sarà segno di un guasto al termostato
  • elettrovalvola danneggiata: un altro elemento che può determinare la costante ed ininterrotta fuoriuscita di acqua dai fori della piastra del ferro da stiro è la rottura dell’elettrovalvola. In questo caso non sarà possibile far altro che richiedere l’intervento di un tecnico

Ancora qualche consiglio

Cosa fare per mantenere sempre in salute il nostro ferro da stiro? Beh, innanzitutto optare per una corretta manutenzione. Sì quindi all’uso di acqua distillata ed alla frequente pulizia di piastra e circuito mediante lavaggi. In più sarebbe sempre il caso di conservare l’apparecchio in posti adeguati, al riparo dalla polvere e dall’umidità.


Silvia Avallone

silvia avallone copywriter esperta

Sono Silvia Avallone, un articolista freelance laureata in tecnologia ed economica aziendale. Da 15 anni scrivo recensioni di prodotti per la casa,  Cucina,  pulizia, elettrodomestici articoli per l'infanzia, salute, bellezza, makeup, ecc.  Testo personalmente i prodotti per la casa e cerco di individuare pro e contro, in modo da consigliare i miei utenti su quale siamo i migliori articoli in commercio. Ho un profilo su alverde con numerosi feedback positivi ricevuti per le mie collaborazioni.