Cyclette Ultrasport F-Bike

Quando si compra una cyclette si è spesso costretti a fare i conti con gli spazi angusti di casa o ad accettare dei compromessi tra ordine domestico ed effettiva efficienza dell’attrezzo. Ultrasport F-Bike è una bici da camera capace di salvare capre e cavoli, valida dal punto di vista ginnico (entro certi limiti come vedremo), ma pensata anche per poter essere ripiegata e riposta in un angolo dopo ogni sessione di allenamento. Un punto perciò per la praticità.


Cyclette Ultrasport F-Bike: oltre la praticità di un attrezzo fitness

Ultrasport F-Bike non è soltanto una cyclette pratica e rispettosa degli spazi domestici. Questo prodotto è pensato infatti per garantire a chiunque lo utilizzi la possibilità di rimettersi in forma o di mantenersi in salute. Sicuramente utili alla causa sono i sensori nascosti nel manubrio, sensori grazie ai quali la bici da camera può monitorare costantemente i parametri vitali di chi si allena.

L’atleta in questione poi può dal canto suo verificare che tutto stia procedendo per il verso giusto gettando una rapida occhiata al display LCD posto sul corpo macchina. Proprio qui appariranno utili informazioni relative a:

  • numero di calorie bruciate
  • curva di sforzo del cuore
  • frequenza del battito cardiaco
  • distanze virtualmente percorse
  • tempo impiegato ad allenarsi
  • velocità di marcia mantenuta

Questo significa che, soprattutto chi non fa dell’allenamento un mero passatempo da giornata uggiosa, potrà anche tenere un vero e proprio diario dei risultati via via ottenuti, compiacendosi dei suoi progressi o studiando, di volta in volta, un programma fitness mirato al raggiungimento di un risultato ben preciso.

Il design

Diciamocela tutta però: Ultrasport F-Bike non è un attrezzo fitness professionale e prova ne è anche il suo prezzo di vendita decisamente esiguo. Il prodotto qui in esame, utile ma senza grosse pretese, si adatta perlopiù a sessioni di allenamento aerobico, comunque base per il raggiungimento di una buona forma fisica o di un certo tipo di preparazione atletica.

Il suo telaio ha tutto sommato un design abbastanza minimalista, pensato per poter essere agevolmente collocato in tutti gli spazi domestici e per poter rendere facilmente ripiegabile l’attrezzo quando non è più in uso. La seduta, così come il manubrio, è regolabile soltanto nel senso dell’altezza, mentre la bici è dotata di un volano particolarmente leggero.

Questo significa che la stabilità del prodotto non è poi delle migliori, soprattutto quando ad utilizzarlo è un utente il cui peso superi i 100 chili. I pedali sono invece dotati di cinghiette di sicurezza. A bordo della bici da camera infine manca anche la minima traccia di piccole comodità quali portaborracce, gancetti o alloggi per smartphone et similia.

Le caratteristiche tecniche del display LCD

Come accennavamo in precedenza, la cyclette Ultrasport F-Bike mette a disposizione dell’utente un pratico display LCD. Certo, lo schermo non è enorme, ma basta comunque a fornire delle utili informazioni sull’andamento della sessione di allenamento e sulle condizioni fisiche generali dell’atleta. Ma tutto questo lo sappiamo già. Quello che non abbiamo ancora specificato è che le informazioni in questione verranno visualizzate singolarmente sul monitor per selezione digitale o, tramite funzione scan, in maniera ciclica alternandosi agli altri dati ricavati dai sensori.

I livelli di resistenza di Ultrasport F-Bike

La cyclette Ultrasport F-Bike offre all’utente la possibilità di scegliere tra 8 diversi livelli di resistenza. Ciò allo scopo di venire incontro sia alle esigenze degli atleti fuori forma e poco allenati che a quelle dei clienti con fisico scolpito ed abituati a sgambettare ogni giorno su attrezzi da fitness o biciclette vere e proprie.

Certo, come abbiamo già detto altrove, quella qui in esame è comunque una cyclette senza grosse pretese e per regolare il livello di resistenza opposto alla pedalata sarà necessario avvalersi di un’apposita rotellina, agire insomma per via meccanica. A bordo di Ultrasport F-Bike non sono presenti infatti sofisticati congegni elettronici che permettano di personalizzare la sessione di allenamento.

Nell’insieme perciò possiamo dire che quella qui recensita è una buona bici da camera, valida comunque soprattutto per chi non ha particolari esigenze atletiche ma ha invece molti problemi di spazio, una cyclette di fortuna o una entry-level, un prodotto caratterizzato insomma da un buon rapporto qualità-prezzo.