Epilatore a luce pulsata Philips BRI922/00

Quando si valuta la potenza di un epilatore a luce pulsata si tengono in considerazione soprattutto due parametri: la fluenza e lo spettro luminoso. Nel caso di Philips BRI922/00 il primo valore oscilla dai 2,5 ai 5 Joule per centimetro quadrato; molto dipende ovviamente dall’impostazione di intensità selezionata dall’utente. Il secondo parametro invece si muove in un range compreso tra i 530 ed i 1400 nm.

Ora: lo spettro luminoso, in questo caso, è indubbiamente tra i più bassi reperibili in commercio. Tuttavia in tale scelta progettuale bisogna per certi versi vedere un aspetto positivo: tra i raggi emessi dal dispositivo non sono presenti infatti frequenze luminose nocive per la pelle. I tanto temuti raggi UV, del resto, sono quelli la cui ampiezza d’onda è stimata al di sotto dei 400 nm.

Per quanto riguarda la frequenza luminosa invece diciamo che è sufficiente per lavorare su peli contraddistinti da un colore biondo scuro, castano o nero. Niente da fare invece per i peli molto chiari. Il dispositivo si adatta infine al trattamento dei fototipi compresi tra I e IV.


Numero di impulsi: dettagli tecnici

Il numero di impulsi che un Philips BRI922/00 può generare è davvero considerevole. Parliamo infatti di 250 mila unità, quantitativo utile a lasciarci ragionevolmente associare al congegno una lunga aspettativa di vita oltre che prestazioni decisamente valide. Questo parametro inoltre si rivela indicativo di una progettazione pensata anche per un uso condiviso del prodotto, elemento che torna utile tenere in considerazione quando si valuta il prezzo, decisamente alto, del nostro epilatore.

Philips BRI922/00: dati sulla superficie della lampada

L’epilatore a luce pulsata Philips BRI922/00 può dirsi un prodotto intelligente. La superficie della lampada, elemento da cui dipende la funzionalità e la versatilità dell’articolo, è infatti variabile ed adattabile a diverse circostanze. Ciò grazie alla presenza di due diversi riduttori. Uno di questi permette di lavorare su superfici relativamente estese (4 centimetri quadrati).

L’altro invece agisce su porzioni decisamente ridotte di pelle (appena 2 centimetri quadrati). Questo espediente rende l’epilatore adatto ad operare tanto sulle gambe quanto sui baffetti, tanto sul petto quanto su inguine ed ascelle.

Uno sguardo alla sicurezza ed alle funzioni

Le funzioni utili a garantire la sicurezza dell’apparecchio o ad ottenere risultati particolarmente degni di nota sono in questo caso parecchie. Vediamole nel dettaglio:

  • Sensori anti abbaglio: il dispositivo in esame consta innanzitutto di un sistema di sensori anti abbaglio. Questi dispositivi permettono di proteggere gli occhi da un eventuale contatto non desiderato con l’impulso luminoso emesso dall’epilatore. In poche parole il sensore farà sì che il congegno si attivi soltanto una volta entrato a contatto diretto con la pelle.
  • Sensore per la rilevazione del fototipo: è poi presente un sensore integrato utile a rilevare autonomamente il fototipo di appartenenza dell’utente. Qualora la tonalità della pelle risultasse troppo scura per poter adoperare efficacemente l’epilatore, quest’ultimo si bloccherebbe rendendo impossibile proseguire il trattamento.
  • Filtro di protezione dai raggi UV: c’è poi un filtro di protezione dai raggi UV integrato nella mascherina da utilizzare per epilare il viso
  • Regolazione dei livelli di intensità: è possibile regolare l’apparecchio in modo da ottenere 5 diversi livelli di intensità. Ciò allo scopo di trattare opportunamente diverse zone del corpo o di adattare la potenza del congegno a fototipi diversi e differenti colorazioni del pelo. In linea di massima varrà la regola che ad una pelle chiara su cui crescono dei peli scuri sarà bene associare una potenza massima, potenza che andrà diminuendo man mano che la cute raggiungerà gradazioni cromatiche tendenti all’ambrato.
  • Diverse modalità di emissione del flash: l’emissione del flash può avvenire in maniera continua o intermittente. Nel primo caso, sfruttando intervalli di erogazione regolari, si lavorerà velocemente su zone estese del corpo quali, ad esempio, le gambe o il torace. Nel secondo caso invece il fascio di luce verrà emesso dietro comando dell’utente che, allo scopo, pigerà l’apposito pulsante presente sul manico. In questo modo sarà possibile eseguire dei lavori di precisione su piccole porzioni del corpo quali il viso, la zona bikini o le ascelle.

Il design

Philips BRI922/00 è un epilatore a pistola. Ciò ne aumenta la maneggevolezza e l’ergonomia, anche se nel complesso il design è un tantino ingombrante. Il sistema di alimentazione prescelto è in questo caso l’elettricità. Nella confezione sono presenti una custodia, un panno per la pulizia della lampada ed una spazzola utile a pulire ed ammorbidire la cute del viso.