Home » Guide » Forno a microonde o fornetto elettrico?

Forno a microonde o fornetto elettrico?

Fornetto elettrico vs microonde: questa sì che è una bella sfida! Tale competizione nasce dal fatto che le cucine hanno da offrire ormai spazi sempre più ridotti. Capita perciò che ci si ritrovi costretti a comprare soltanto una piccola selezione di elettrodomestici utili. C’è poi un altro elemento da considerare: le famiglie di oggi non sono mai numerose.

Per questo motivo, al forno presente di default tra i mobili della cucina, si è soliti abbinare un fornetto elettrico o un microonde. Tali elettrodomestici infatti possono tranquillamente soddisfare le richieste di un single o di una coppia in tempi rapidi, consumando e sporcando di meno. Vediamo allora chi dei due potrebbe spuntarla o, semplicemente, quale apparecchio potrebbe soddisfare al meglio le tue esigenze.

Fornetto elettrico vs microonde: il funzionamento

Fornetto elettrico vs microonde: la sfida che li oppone deriva in un certo senso dal loro principio di funzionamento.

Fornetto elettrico

Iniziamo dal fornetto elettrico. Esso nasce come sostituito ideale del grande forno da incasso che tutti abbiamo in cucina. Del resto il principio di funzionamento in questo caso è replicato fedelmente soltanto che, trattandosi di un prodotto compatto, i tempi di cottura dei cibi sono genericamente più rapidi. Anche stavolta poi avrai a disposizione diversi programmi tra cui scegliere: potrai grigliare, cuocere a forno statico e/o ventilato e via discorrendo. In genere questa tipologia di forno si avvale di una resistenza superiore e di una resistenza inferiore. Chiaro è quindi che la preparazione dei pasti è  possibile grazie allo sfruttamento del calore prodotto dall’energia elettrica. Leggi anche: guida per scegliere i migliori fornetti elettrici.

Forno a microonde

Il microonde invece si avvale dell’azione di onde elettromagnetiche, di radiazioni insomma. Ciò permette all’apparecchio di cuocere gli alimenti in maniera decisamente più rapida di quanto non faccia un fornetto. Leggi anche: guida per scegliere e acquistare un forno a microonde.

Tipologie di cottura

Conoscere, anche se per sommi capi, il principio di funzionamento del fornetto elettrico e del microonde è importante. Ciò ti permetterà di scegliere tra diversi stili di cottura assicurati ora dall’uno ed ora dall’altro apparecchio. Il fornetto, tanto per fare un esempio, cuoce i pasti lasciando sempre che il calore prodotto sulla superficie dei cibi poco alla volta raggiunga l’interno dell’alimento. In questo modo sarà possibile godere di quelle belle croste croccanti e dorate che nessun microonde al mondo riuscirà mai a replicare.

Quest’ultimo invece lavora facendo sì che le radiazioni si muovano continuamente all’interno del vano di cottura. Tale moto costante porta ad ebollizione le molecole di acqua normalmente contenute nei cibi. Il risultato ultimo sarà una cottura soddisfacente, ma senza quel quid in più dato da pellicole croccanti e dorate.

Il microonde però è capace di riscaldare l’acqua o altre bevande, di scongelare, di cuocere popcorn e zuppe e di agire su alimenti che nessuno mai introdurrebbe in un forno standard. Di contro, se decidessi di riscaldare al suo interno della carne magra, del pane o in genere degli alimenti a basso contenuto di liquidi, il tuo microonde ti restituirebbe un piatto poco appetitoso, in alcuni casi gommoso ed in altri troppo duro da mandar giù.

La velocità di cottura

Per quanto il fornetto elettrico sia decisamente più veloce rispetto ad un forno elettrico normale, non vincerà mai un’ideale competizione con il microonde. Quest’ultimo è infatti senza dubbio più veloce per il semplice motivo che la fase di riscaldamento del vano portavivande coincide con quella di cottura della pietanza. Più sarà potente il wattaggio dell’apparecchio e più tale operazione sarà rapida e veloce.

Il fornetto elettrico è sotto questo punto di vista un po’ meno soddisfacente. L’inghippo sta nel fatto che prima di iniziare la fase di cottura del cibo, il vano di alloggio deve riscaldarsi sino a raggiungere la temperatura desiderata. Possiamo dire perciò che è quasi fisiologico per questo elettrodomestico eseguire i comandi ricevuti in un lasso di tempo più lungo. Lo stesso elettrodomestico però, in virtù di questa sua “lentezza di cottura”, può mantenere in caldo gli alimenti appena preparati. Nessun microonde al mondo è in grado di fare altrettanto.

Fornetto elettrico vs microonde: i consumi

Quando compriamo degli elettrodomestici, immancabilmente, tendiamo a chiederci se il loro utilizzo non finirà per regalarci spiacevoli sorprese in bolletta. Fornetto elettrico e microonde non fanno di certo eccezione, anche perché sono talmente comodi e pratici da usare che si finirà inevitabilmente per accenderli più spesso di quanto non si immagini.

Bene, partiamo da un’informazione che è quasi ovvia: entrambi consumano sicuramente meno rispetto ad un forno da incasso standard. Il fornetto comunque richiede un maggior apporto energetico rispetto al microonde. In funzione delle sue caratteristiche tecniche infatti ha di solito una potenza compresa tra gli 800 ed i 2200 W.

Un microonde invece si colloca in un range decisamente più ridotto, oscillante tra i 700 ed i 1000 W. Tra l’altro il fornetto resterà sempre acceso per più tempo rispetto al “collega”: abbiamo già spiegato come e perché ciò accada. Dal punto di vista dei consumi quindi il microonde è sicuramente l’elettrodomestico più conveniente.

La facilità di manutenzione

Quando si parla di forni la manutenzione passa essenzialmente dalla pulizia. Anche in questo caso a spuntarla è il microonde per il semplice motivo che è dotato di un vassoio interno estraibile che risulta sicuramente più pratico da pulire rispetto a griglie e vani porta briciole. Una volta eliminato questo supporto poi l’interno del forno potrà essere facilmente ripulito con l’aiuto di una pezzuola intrisa di aceto.

Il problema della sicurezza

Fornetto elettrico vs microonde: chi la spunta stavolta? Beh, il forno elettrico in sé e per sé non è un oggetto pericoloso: basta soltanto stare attenti a non toccare le teglie calde direttamente con le mani ed a non introdurre al suo interno niente che sia costruito con materiali infiammabili o  inappropriati in genere.

Il microonde invece, come ben sai, sfrutta delle radiazioni e potrebbe per questo causare qualche problema alla salute umana. Ciò è vero soprattutto in presenza di sportelli danneggiati che permetterebbero alle suddette radiazioni di raggiungere non solo il cibo, ma pure gli ambienti esterni al forno. Anche in questo caso poi bisogna stare attenti ad introdurre teglie ed alimenti ben specifici all’interno dell’elettrodomestico. Insomma: la vittoria stavolta va decisamente al fornetto.

I prezzi

E per quanto riguarda i prezzi? Beh, in generale confrontando degli apparecchi a wattaggio paragonabile l’acquisto di un microonde richiederà sempre un budget più alto, compensato però dai consumi più bassi registrati in bolletta. Ah, sappi anche che in commercio esistono delle soluzioni ibride: i forni microonde combinati ventilati. Potrai condensare così in un unico macchinario i pregi dei suddetti elettrodomestici. Bello, vero? Peccato che i prezzi in questo caso aumenteranno esponenzialmente…