Home » Guide » Friggitrice ad aria vs friggitrice ad olio

Friggitrice ad aria vs friggitrice ad olio

Friggitrice ad aria vs friggitrice ad olio: questa piccola competizione tra elettrodomestici non manca di scaldare gli animi di professionisti, addetti ai lavori, casalinghe e semplici appassionati di cucina. Tanto interesse per la questione è più che giustificato: ponendo a confronto tali robot ci stiamo in effetti chiedendo se sia possibile mangiare con gusto ed evitare di ingrassare, gratificare il palato e mantenere libere le arterie. Insomma: scegliendo una friggitrice ad aria preserveremo la nostra salute ma rinunceremo al gusto? Una friggitrice ad olio ci aiuterà a mangiare con soddisfazione ma ci trascinerà nella spirale del declino fisico? Scopriamolo insieme.

Cos’è la frittura?

Sì, vi abbiamo promesso che avremmo risposto alle vostre domande in merito alla questione friggitrice ad aria vs friggitrice ad olio. Verissimo: prima di farlo però ci serve definire un po’ meglio il concetto di frittura. Iniziamo col dire perciò che per friggere un alimento è sempre necessario cuocerlo ad altissime temperature.

Il calore viene in questo caso trasmesso alla pietanza in divenire dall’olio bollente. Ciò almeno quando si frigge qualcosa in padella o quando si sfrutta una friggitrice tradizionale. Nel caso delle macchine di più moderna concezione invece il ruolo dell’olio bollente viene recitato, per così dire, proprio dall’aria calda.

Friggitrice ad aria vs friggitrice ad olio: descrizione e funzionamento

Ma, volendo scendere un po’ più nei particolari, come funzionano e come sono fatte le friggitrici? Beh, nel caso degli elettrodomestici tradizionali, sarete sempre liberi di scegliere tra prodotti che differiscano tra loro per design, colore, dimensioni e forme. Ciò che accomunerà tutti questi “esemplari” però sarà la necessità di un’alimentazione elettrica. Questo almeno per quanto riguarda le friggitrici ad olio ad uso domestico: quelle pensate per lavorare in un’industria alimentare vengono attivate, a seconda dei casi, anche dal gas e possono avere ovviamente un ingombro decisamente superiore.

Friggitrici ad olio

Le friggitrici ad olio si caratterizzano per la loro capacità di cuocere i cibi in maniera da garantire una frittura croccante al punto giusto ed un cuore morbido per ciascun alimento trattato. Esse inoltre impediscano all’olio di raggiungere il punto di fumo, sono facili da pulire e da utilizzare e risolvono o limitano a monte il problema degli odori ed il pericolo di essere raggiunti da schizzi di olio incandescenti. Tutto bellissimo, peccato però che in fin dei conti, per quanto esaltante per il palato, una frittura così ottenuta non è sana e fa ingrassare. Qui trovi le migliori friggitrici elettriche ad olio

Friggitrice ad aria

La friggitrice ad aria, come sappiamo già, non richiede l’uso di olio o, nella peggiore delle ipotesi, ne richiede l’impiego di quantitativi molto ridotti. Ne viene fuori uno stile di cottura decisamente più sano tanto per le coronarie quanto per il girovita. Tra l’altro questo genere di elettrodomestico, all’occorrenza, vi permetterà anche di cuocere i vostri piatti esattamente come fareste in forno. C’è quindi l’opzione grill, la possibilità di arrosto o di cottura al vapore. Attenzione però: per quanto anche in questo caso si possa spaziare parecchio in termini di design, le friggitrici ad aria sono tendenzialmente meno capienti rispetto alle loro “ave”. Qui trovi le migliori friggitrici ad aria senza olio

Pro e contro

Per decretare una vincitrice della sfida friggitrice ad aria vs friggitrice ad olio dobbiamo ovviamente conoscere i vantaggi e gli svantaggi che ciascuna delle due macchine può assicurare ai suoi legittimi proprietari. Iniziamo dalle brutte notizie e dal nuovo che avanza. Le friggitrici ad aria, checché se ne dica in giro, non vi restituiranno mai delle patatine fritte croccanti e profumate come quelle che preparava la mamma armata di macchina per friggere e tanto, tantissimo olio. Intendiamoci: il risultato è ottimo ed in molti casi davvero molto simile all’originale, ma non è proprio uguale. Una macchina ad olio però è sicuramente meno indicata per un consumo frequente di alimenti fritti e ne conosciamo bene i motivi.

Passiamo quindi alle belle notizie: una friggitrice ad aria riduce di un buon 80% il quantitativo di grassi normalmente prodotto ed ingerito quando si decide di friggere un qualsiasi alimento. Questo aggeggio poi è decisamente multifunzionale, quasi un piccolo forno dotato di un programma extra per la frittura. Il fatto di non dover per forza utilizzare l’olio per cuocere gli alimenti inoltre rende tale macchina più semplice da usare e, soprattutto, da pulire. In più questa tecnologia vi permetterà di risparmiare sull’acquisto dell’olio. Sia le moderne friggitrici che gli apparecchi più datati sono comunque pensati per non sporcare la cucina e per evitare ustioni e spiacevoli incidenti tra i fornelli.

Prezzi

Friggitrice ad aria vs friggitrice ad olio: questa sfida si vince badando anche al fattore prezzo. Vi informiamo perciò che gli apparecchi ad olio hanno in genere costi più bassi e comunque discretamente variabili. In ogni caso, sborsando appena una trentina di euro, ci si può aspettare di portare a casa un buon prodotto.

Lo stesso discorso purtroppo non vale per le friggitrici ad aria. Innanzitutto perché state acquistando un articolo di recente invenzione; il progresso tecnologico, si sa, si fa sempre pagare. In secondo luogo perché si tratta comunque di dispositivi più complessi rispetto ad una friggitrice standard. Questo significa che un prodotto di fascia medio/bassa avrà un costo pari a circa una cinquantina di euro. Articoli di qualità superiore, capaci di garantire più funzioni o di sfruttare tecnologie più innovative, avranno ovviamente un prezzo via via crescente.

Friggitrice ad aria o friggitrice ad olio: quale comprare?

Friggitrice ad aria vs friggitrice ad olio: chi ha vinto? In linea di massima fareste meglio a propendere per il nuovo che avanza. Anche se i sapori non sono proprio gli stessi, alla fine il palato non ci metterà molto ad adattarsi a questo cambio di abitudini. Il dietologo sarà contento di voi e le coronarie altrettanto. Questo non significa comunque che potrete darvi alla pazza gioia: la frittura fa male per via dell’olio utilizzato e qui questo problema non si pone a priori. Chiaro è però che contano anche gli ingredienti in sé e per sé: mangiare di continuo patate, ad esempio, non sarà certo la scelta ideale…