Home Pulizia L’aspirapolvere non si accende o non funziona

L’aspirapolvere non si accende o non funziona

Quando l’aspirapolvere dà forfait anche noi andiamo in tilt. In presenza di un guasto infatti ci troviamo costretti non soltanto a far fronte nell’immediato ad un piccolo grande disagio domestico, ma anche a porci un bel po’ di domande. Vorremmo capire, ad esempio, perché l’apparecchio abbia smesso di funzionare, se può essere riparato a fronte di una spesa non eccessiva, se dovremo comprarne uno nuovo e così via.

Prima di darci risposte affrettate è sempre bene cercare di capire quale sia l’inghippo. Molte volte infatti basta davvero poco per poter risolvere il problema nel giro di qualche minuto, senza dover chiedere l’aiuto di un tecnico e senza sborsare cifre da capogiro. Insomma: prima di dire che il nostro aspirapolvere è passato a miglior vita, proviamo a capire cosa sia successo ed a porre eventuale rimedio.

Cosa fare quando l’aspirapolvere non si accende

Ci siamo: la primavera è alle porte ed abbiamo deciso, come ogni anno, di fare le grandi pulizie. Si tratta di un lavoraccio lungo e noioso, ma grazie al nostro fedele alleato, l’aspirapolvere, sentiremo meno il peso della fatica. Sì, se decidesse di accendersi però.

Capita infatti che senza alcuna avvisaglia l’aspirapolvere utilizzato sino a qualche giorno addietro non voglia proprio saperne di avviarsi. In questi casi, anche se il suggerimento potrà sembrare banale, la prima cosa da fare è accertarsi che in casa non manchi la corrente e che la spina sia ben inserita. In ultima analisi dovremmo anche provare a cambiare presa, non si sa mai…

L’aspirapolvere si accende, si surriscalda e poi si spegne

Quando l’aspirapolvere si avvia per poi spegnersi improvvisamente, potrebbe essersi verificato un surriscaldamento interno. Le macchine di più moderna concezione sono pensate per darci subito eventuale riscontro in tal senso mediante l’accensione di un’apposita spia. Se il motore dell’aspirapolvere, vecchio o nuovo che sia, si surriscalda non resta altro da fare che spegnere tutto e pazientare almeno una trentina di minuti prima di rimettere in funzione l’apparecchio.

Anche cinghia e rullo possono causare problemi all’accensione dell’aspirapolvere

Il nostro aspirapolvere, nonostante tutto, potrebbe proprio non riuscire a rimettersi in moto. In questo caso il problema è sicuramente più serio rispetto alle ipotesi precedentemente vagliate. Il malfunzionamento infatti dipende forse da un’avaria al rullo o alla cinghia, disguidi scaturiti quasi sicuramente dalla cattiva manutenzione.

Quando è la cinghia a rompersi non si può fare altro che comprarne una nuova che rimpiazzi la precedente. Fortunatamente si tratta di un’operazione abbastanza semplice da portare a termine e che quindi non richiede l’aiuto di un tecnico. Un po’ più complicata è invece la questione rullo. Se fosse quest’ultima la parte non funzionante dovremo intervenire smontandola.

In tale frangente evitiamo ogni possibile contatto con il rullo in rotazione; toccarlo mentre si muove significherebbe farsi davvero molto male. Una volta tolto dal suo alloggio, il nostro rullo andrà pulito a puntino e quindi lubrificato. In certi casi basta questo per restituire nuova vita all’aspirapolvere.

Un ultimo suggerimento: armiamoci di tester di continuità e cerchiamo di capire se il problema dell’apparecchio non risieda invece nei circuiti. Se così fosse mettiamoci l’anima in pace, impacchettiamo tutto e rechiamoci in un centro assistenza convenzionato con la consapevolezza che il tecnico potrebbe anche consigliarci di comprare un nuovo aspirapolvere.

Che fare quando l’aspirapolvere non aspira?

L’aspirapolvere potrebbe mostrare una potenza di risucchio limitata o addirittura nulla. In questi casi l’inghippo è imputabile alle prese d’aria probabilmente otturate. Un’altra possibilità è che il guasto si verifichi a seguito di un’ostruzione del tubo. In ciascuna eventualità non dovremo far altro che pulire le parti interessate. Attenzione però alla comparsa di eventuali fori sul tubo: in loro presenza sarà necessario sostituire la parte.

Rumore o puzza di bruciato: cosa succede all’aspirapolvere?

Da un momento all’altro può capitare che l’aspirapolvere cominci a fare rumore o ad emanare una sgradevole puzza di bruciato. La nostra prima reazione, in entrambi i casi, dovrà essere quella di togliere il sacchetto, magari troppo pieno o forse montato malamente. Se, inserendo un nuovo sacchetto, non osservassimo alcun miglioramento tentiamo con la pulizia o la sostituzione dei filtri.

Ancora qualche dritta

Tutti gli approcci suggeriti vanno eseguiti a macchina spenta e scollegata dalla presa. Ricordiamoci inoltre di equipaggiare l’aspirapolvere solo con sacchetti prodotti dalla casa madre. Per quanto noioso poi eseguiamo una regolare manutenzione dell’apparecchio il cui dispositivo di scarico andrà pulito almeno una volta in tre mesi.

Mai mettere a contatto diretto inoltre i nostri detersivi con i circuiti. Infine per guasti palesemente importanti rivolgiamoci direttamente ad un addetto ai lavori.