Macchine telecomandate

Chi può dire di non essere mai stato attratto dalle macchine telecomandate? Chi, dopo averne fatto esperienza da bambino, non ci giocherebbe anche da adulto? Le auto radiocomandate, è impossibile negarlo, rappresentano un grande classico dei giochi per l’infanzia e… una passione che resta immutata anche nel corso dell’età matura. Non è quindi un caso che in commercio esistano tanto dei prodotti giocattolo quanto dei veri e propri oggetti da collezione o, addirittura, destinati a professionisti del settore impegnati ciclicamente in corse e competizioni.

Tutto quello che scriveremo nelle prossime righe, tranne qualche rara eccezione, riguarderà essenzialmente il modellismo radiocomandato e quindi le macchinine telecomandate che abbiano qualcosa in più rispetto ai semplici giocattoli destinati alle ore di svago dei più piccoli. Insomma: il nostro target di riferimento sarà quello degli adulti che non hanno problemi ad ammettere di essere rimasti un po’ bambini…

opinioni classifica e prezzo migliori modelli in vendita online

Macchine radiocomandate: quando smettono di essere giocattoli?

Dove sta il confine tra una macchinina telecomandata giocattolo e ed un’auto radiocomandata da collezionista? In molti, soprattutto i poco addentrati nel settore, probabilmente risponderebbero che in fin dei conti poco o nulla differenzia questi due prodotti: in entrambi i casi si avrebbe a che fare infatti, almeno secondo loro, con un giocattolo a forma di automobile che, grazie al controllo da remoto esercitato per mezzo di un apposito telecomando, si sposta qui e là sulle superfici.

Sbagliato! Se consideriamo che già alcuni giocattoli, ovviamente i migliori, non obbediscono più a questa semplice definizione, immaginiamoci quanto questa possa andare stretta ad un cultore del modellismo radiocomandato! Iniziamo quindi col dire che in commercio, soprattutto quando si parla di macchine telecomandate professionali, esistono un gran numero di modelli a loro volta differenti tra loro per caratteristiche tecniche ed estetiche che all’occhio esperto di un collezionista non mancano di avere una certa rilevanza.

In secondo luogo si consideri che, a differenza di quanto di solito accade per i giocattoli, la maggior parte delle macchinine telecomandate destinate agli appassionati del genere vengono assemblate proprio dalle mani esperte e pazienti dei collezionisti. Questo significa che l’appassionato di cui sopra ha diritto di scelta e di veto su un’ampia serie di dettagli che compongono la sua opera d’arte: dal motore ai rapporti di velocità, dalle ruote che resteranno sempre rigorosamente intercambiabili a seconda delle esigenze del momento ai trasmettitori, dai radioricevitori agli ammortizzatori passando ancora per le barre antirollio e per decine e decine di elementi tra cui scegliere.

Il collezionista insomma, grazie alle sue conoscenze tecniche ed alla sua pazienza da assemblatore, mette insieme una vera e propria auto in miniatura che ovviamente poco e niente ha a che fare con un prodotto preconfezionato adatto più che altro al gioco dei più piccoli.

Migliori macchine radiocomandate 2021: per bambini, professionali, a scoppio, elettriche..

1
ANTAPRCIS Auto Telecomandata, 50 Minuti di Gioco RC Camion Deriva Veloce con 2...
2.143 Recensioni
ANTAPRCIS Auto Telecomandata, 50 Minuti di Gioco RC Camion Deriva Veloce con 2...
  • Macchina Drift Veloce: Alimentata da un motore potente, l'auto RC può...
  • Gioco di Squadra: Riunisci i tuoi amici e gioca con più auto RC senza...
  • 50 Minuti di Gioco: Dotata di due batterie ricaricabili da 6 V 600 mAh che...
  • Giocattolo Testato al 100%: Costruito con materiale ABS e PA di alta...
  • Auto RC per Principianti: Progettata con un telecomando di facile...
2
BEZGAR Macchina telecomandata, 1:14 in Lega di Alluminio Fuoristrada Big Kids High...
474 Recensioni
BEZGAR Macchina telecomandata, 1:14 in Lega di Alluminio Fuoristrada Big Kids High...
  • Auto telecomandata di grandi dimensioni e super velocità: la scala...
  • Prestazioni non inceppanti: L'auto telecomandata ha un sistema di controllo...
  • Conveniente e sicuro: La linea di ricarica USB offre una grande comodità...
  • Materiale durevole: Questo corpo principale dell'auto telecomandata è...
3
YONCHER YC100 Macchina Telecomandata, 1:20 4WD Auto Camion Telecomandato, 30+ Kmh ad...
1 Recensioni
YONCHER YC100 Macchina Telecomandata, 1:20 4WD Auto Camion Telecomandato, 30+ Kmh ad...
  • 【1:20 Macchina telecomandata professionale 4x4】Questo è un auto rc in...
  • 【Potente motore spazzolato】Questo veicolo di controllo remoto 4WD con...
  • 【Tempo di gioco prolungato】 Questa auto rc hobby viene fornito con 2...
  • 【Forte telaio composito】This remote control truck have oil shock...
  • 【Ci prendiamo cura dei clienti】YC100 hobby offroad rc car è progettato...
ORA IN OFFERTA4
Macchina Telecomandata, 4WD RC Auto Telecomando 360° Rotazione Acrobatica RC Stunt...
  • 🚀【 Ad alta velocità & Stabilità 】 Velocità massima 12 km/h,...
  • 🚀【 Gioca con il divertimento 】 Fronte/retro running, avanti,...
  • 🚀【 Materiale Sicurezza & Durevole 】 Anti-crash Tire, shockproof,...
  • 🚀【 Lungo tempo 】 Fino a 20-30 minuti di gioco mentre Non-Stop,...
  • 🚀【 Regalo migliore per bambini 】RC Stunt Car può diventare buoni...
5
VATOS Auto Macchina Telecomandata 4WD 1:10 Professione Fuoristrada ad Alta velocità...
11 Recensioni
VATOS Auto Macchina Telecomandata 4WD 1:10 Professione Fuoristrada ad Alta velocità...
  • 【 auto telecomandata di grandi dimensioni in scala 1:10 (4WD)】 L'auto...
  • 【Auto RC ad alta velocità fino a 46 km/h】 Grazie a potenti motori...
  • 【Facile da guidare e manutenzione】 Il controller radio è molto...
  • 【Avvertenza fuoristrada】La vettura telecomandata VATOS ha un telaio in...
  • 【PIÙ DETTAGLI 】 2 modalità di velocità (piena velocità e mezza...
6
SZJJX Macchina Telecomandata, RC Auto Telecomandata, 20KM/H Alta velocità Auto...
  • [FUORI DALLA SCATOLA PER GIOCARE]: Tutti gli accessori e gli strumenti...
  • [VELOCITÀ SUPERIORE]: la potente batteria ricaricabile rende le nostre...
  • [DESIGN ESTERNO UNICO]: Cool set di gusci verdi con 4 pneumatici...
  • [REAL RACING EXPERIENCE]: ogni batteria ricaricabile completamente carica...
  • [GARANZIA]: è possibile ottenere una nuova sostituzione o un rimborso...
7
ANTAPRCIS 1:14 Auto Telecomandata, 2,4 GHz 4WD RC Auto di Tutto Terreno, con 2...
  • Supera Ostacoli Alti da 10cm: Potente motore, telaio alto e sistema 4WD...
  • 60 Min di Tempo di Gioco: Due batterie ricaricabili da 4.8V 600mAh...
  • Automobile Cingolata All-Terrain: Il sistema 4WD e la forte potenza...
  • Giocare Insieme: Grazie al trasmettitore da 2.4Ghz, i bambini possono...
  • Resistente Alla Collisione: Con corpo in lega di metallo di qualità e...
8
Hosim Auto telecomandata con velocità Veloce di 52 km/h, Auto Fuoristrada RC in...
57 Recensioni
Hosim Auto telecomandata con velocità Veloce di 52 km/h, Auto Fuoristrada RC in...
  • [52 km / h Incredibilmente veloce con 4 ruote motrici]La velocità massima...
  • [1000mAh Strong and powerful Battery]Il camion del Monster di RC con la...
  • [2847 Motore senza spazzole]Spazzole estremeMotore con un design più...
  • [Sistema radio realista a 2,4 Ghz]Questa Truggy Monster Car funziona con il...
  • [IPX4 impermeabile e scala realistica 1/16 con ruota ausiliaria]Con scala...
9
Auto Acrobatica Pytux Macchina Telecomandata Elettrica Per Bambini Professionale,...
45 Recensioni
Auto Acrobatica Pytux Macchina Telecomandata Elettrica Per Bambini Professionale,...
  • 🏎️ ELEVATA DURATA DELLA BATTERIA: Non sai cosa regalare per il...
  • 🏎️ DESIGN ACCATTIVANTE Rossa come una fiamma, la nostra macchinina...
  • 🏎️ ACROBAZIE A NON FINIRE: La nostra macchina per bambini sfida la tua...
  • 🏎️ BASTA CON GLI STEREOTIPI: chi l'ha detto che i gadget tecnologici,...
  • 🏎️ 2 ANNI DI GARANZIA: Questa è la nostra offerta per una macchina...
10
Baztoy Macchina Telecomandata Multi-Terrain Fuoristrada Telecomandato 2.4GHz Veicoli...
  • 【Auto da corsa flessibile ad alta velocità】La nostra macchina da corsa...
  • 【Prestazioni elevate quasi per tutti i terreni】Il buggy fuoristrada con...
  • 【Tempo di guida più lungo e funzione ricaricabile】L'auto acrobatica Rc...
  • 【Corpo robusto e resistenza ai graffi】Telaio della carrozzeria adottato...
  • 【Un regalo imperdibile per gli amanti dell'auto】Questa macchina da...

Auto radiocomandate: i modelli

Iniziamo col puntualizzare un aspetto abbastanza importante della questione: i modellini radiocomandati non necessariamente rimandano all’aspetto di vetture realmente esistenti: alcuni prodotti in effetti sono riproduzioni in scala di auto che tutti conosciamo, altri invece lasciano molto alla fantasia. Questa informazione, relativamente importante, risponde già ad una delle domande che più spesso si pongono i neofiti: “Una buona macchina telecomandata deve necessariamente essere uguale a quelle che vediamo in città o a quelle da gara riprese dai cameraman televisivi”? Evidentemente no.

Passiamo adesso all’aspetto tecnico della questione, quello che sicuramente interessa di più gli appassionati di macchinine telecomandate: la tipologia di controller. Ad essere semplici e coincisi diremo che essenzialmente esistono due modi di controllare da remoto il proprio modellino: il radiocomando elettrico o i radiocomandi per varianti dotate di motore a scoppio.

A prescindere dal tipo di controller adottato per le proprie macchine telecomandate, bisogna dire inoltre che esistono delle categorie diverse di prodotti. Essi possono infatti appartenere alla grande famiglia delle on the road ed a quella delle off road. Nel primo gruppo troviamo i modellini da pista, da formula uno ed infine da touring, nel secondo invece i cosiddetti buggy, i truggy ed ultimi, ma non meno gettonati, i monster truck.

Ci rendiamo conto che un lettore meno addentrato in questo fantastico mondo al punto in cui siamo potrebbe avere qualche problema e perdere quindi il filo. Fermiamoci allora un attimo per meglio identificare le varie categorie di macchinine telecomandate sin qui citate, almeno quelle che necessitano di qualche riga di definizione ed approfondimento in più rispetto alle altre:

On the road

Bene o male sappiamo tutti cosa sia la formula uno e quali siano le vetture da pista. Senza quindi soffermarsi troppo sulle varie sottocategorie che compongono la famiglia delle on the road definiamo direttamente questa macroarea di modellini. In generale rientrano nella categoria tutte quelle auto radiocomandate pensate per poter essere pilotate sull’asfalto.

Esse rappresentano senza dubbio la famiglia di macchine telecomandate più diffuse tra appassionati e neofiti e molto in tal senso si deve anche al fatto che esse riproducano, più o meno fedelmente a seconda della loro qualità, dei modelli di vetture realmente esistenti. Della famiglia dei modellini on the road fanno parte tanto le vetture da corsa quanto quelle di città. Solitamente esse vengono riprodotte con una scala pari ad 1/10 e sono sviluppate in maniera tale da esaltare la potenza e la velocità del mezzo.

Questo significa che tra le componenti meccaniche qui presenti di solito non mancano dei buoni ammortizzatori in alluminio, una cinghia a trasmissione corredata da cuscinetti ed un generale assetto della componentistica studiato per dare sprint alla piccola vettura. I modellini on the road meglio si adattano alle esigenze dei neofiti, di chi necessita di prendere un po’ di confidenza con i radiocomandi in genere, di chi voglia sperimentare dei percorsi un po’ sui generis ed a chi cerca così di prepararsi al salto di qualità sognando di guidare presto un off the road.

Truck

I truck ed i monster truck, come abbiamo visto, appartengono alla famiglia delle off the road. Si tratta di fuoristrada di norma utilizzati dai professionisti per dar vita a veri e propri spettacoli capaci di tenere banco soprattutto in occasione di certe competizioni tipicamente americane.

Queste vetture si contraddistinguono per le loro caratteristiche ruote molto alte e dotate di diametri considerevoli. In genere tale tipologia di macchine telecomandate, pensate per riproporre scale comprese tra 1/8 ed 1/10, vengono utilizzate per dar vita a degli scontri particolarmente scenografici. I monster truck possono tra l’altro essere impiegati per competere su terreni accidentati o semplicemente per allenarsi a pilotare una macchinina radiocomandata anche in condizioni abbastanza proibitive.

Altri invece sono progettati solo ed esclusivamente per gli scontri di cui sopra o per essere governate su piste ricche di ostacoli ricreati ad arte. E’ chiaro che questo genere di prodotti non è di certo destinato ad un utente ancora alle prime armi, né tanto meno ad un bambino: ogni modellino costa infatti almeno un paio di centoni ed alcuni truck hanno caratteristiche talmente particolari da richiedere un esborso pari anche ad 800 euro per unità. Insomma: si tratta di oggetti che non vanno consegnati nelle mani di chicchessia…

Buggy e truggy

Le ultime tipologie di macchinine telecomandate che vorremmo analizzare nel dettaglio sono i buggy ed i truggy. Ancora una volta siamo davanti a due rappresentanti della categoria delle off the road ed ancora una volta siamo davanti a dei modellini pensati per rispettare una scala compresa tra 1/8 ed 1/10.

Queste vetture radiocomandate possono affrontare sentieri particolarmente complessi ed accidentati in quanto non soltanto molto potenti, ma soprattutto dotate di un assetto capace di garantire una certa stabilità oltre che una pronta risposta ai comandi ed una buona versatilità in genere. I buggy ed i truggy sono tra l’altro riconoscibili per un assemblaggio particolarmente accurato e per l’impiego di materiali dotati di una certa resistenza (uno su tutti la fibra di vetro).

I modelli più economici, quelli pensati insomma per poter dar modo agli utenti di allenarsi alla guida, hanno in genere un prezzo che si aggira sulle 150 euro. Una variante professionale invece richiede esborsi un po’ più sostanziosi: bisogna stanziare dalle 700 euro in su per poter provare l’ebbrezza di guidare un buggy o un truggy di tutto rispetto…

ma poco prima abbiamo anche accennato di un’altra discriminante utile a distinguere tra i vari modelli di macchine telecomandate: la tipologia del controller. Abbiamo infatti distinto tra i radiocomandi elettrici e radiocomandi per automobiline dotate di motore a scoppio, ma non abbiamo dato molte spiegazioni circa le differenze che intercorrono tra queste due tipologie di controller. Facciamolo adesso:

Radiocomandi elettrici

In genere soltanto i modelli più economici di macchine radiocomandate constano di un dispositivo di pilotaggio ad alimentazione elettrica. Del resto a questa categoria appartengono anche tutti quei prodotti utilizzabili con estrema facilità anche da parte dei meno competenti nel settore.

Le macchine a radiocomando elettrico sono spesso dotate di una pila ricaricabile il cui funzionamento somiglia un po’ a quello delle batterie usate per i cellulari: il dispositivo va ricaricato non appena l’alimentazione inizia a dare segni di cedimento e, trascorsa qualche ora, l’intero sistema può essere riutilizzato senza problemi di sorta.

Radiocomandi per automobiline dotate di motore a scoppio

I radiocomandi appartenenti a questa categoria servono a pilotare vetture dotate per l’appunto di un motore a scoppio in cui il propulsore agisce in due tempi ed il cui motore viene periodicamente alimentato sfruttando un composto a base di alcol metilico, di cosiddetto nitrometano e niente meno che olio di ricino. Questa particolare miscela permette agli utenti di poter contare su un vettura radiocomandata in grado di sfruttare una potenza di circa una quindicina di cavalli e di raggiungere quindi velocità pari a circa 90 chilometri orari.

In alternativa, e con risultati pressoché paragonabili, alcune macchine telecomandate dotate di motore a scoppio vengono alimentate con la benzina vera e propria. Ovviamente, è forse superfluo specificarlo, nella categoria trovano spazio tutti i modellini capaci di garantire prestazioni più efficienti e quindi largamente impiegati in occasione di gare e competizioni.

Macchinine telecomandate: come sceglierle

Adesso che abbiamo fatto un minimo di chiarezza sul mondo delle macchine radiocomandate è sicuramente arrivato il momento di capire come in effetti sia costruito un prodotto degno di nota. Quali sono le caratteristiche che bisogna esaminare con attenzione prima di acquistare la propria macchinina radiocomandata? Eccole nel dettaglio:

La scala

Una delle prime caratteristiche che bisogna tenere in considerazione quando si acquista un’auto radiocomandata è la scala di fabbricazione. Se è vero infatti che esistono molti modellini la cui scocca sia frutto dell’inventiva dei designer o addirittura degli appassionati, è anche vero che alcuni di essi riproducono fedelmente, ovviamente utilizzando delle scale di riferimento, l’aspetto di auto realmente circolanti o quanto meno esistenti.

Anche qui è necessario operare un distinguo tra i modelli ad alimentazione elettrica e quelli dotati di motore a scoppio. Nel primo caso infatti le scale utilizzate vanno da 1/36 ad 1/8. E’ quindi chiaro che nell’eventualità in cui si optasse per l’acquisto di una di queste vetture si potrebbe avere a che fare anche con modellini dalle dimensioni alquanto ridotte. L’altra tipologia di prodotto, quella dotata di motore a scoppio, sfrutta invece delle scale più grandi che vanno in media da 1/18 ad 1/4.

Chiaramente in quest’ultimo caso la vettura è generalmente contraddistinta dalla presenza di un motore abbastanza potente che sappia essere in grado di spostare un oggetto che, in virtù delle sue considerevoli proporzioni, sia anche abbastanza pesante. Scegliere la scala giusta significa quindi in qualche modo valutare anche la potenza del dispositivo, l’alimentazione grazie alla quale esso sarà in grado di funzionare e la destinazione d’uso del marchingegno che potrà rimanere in bella mostra su una mensola di una stanza dedicata o prendere parte a tornei e competizioni.

Per maggior chiarezza diremo quindi che le scale utilizzate nel settore sono: 1/8 (lunghezza pari a circa una sessantina di centimetri), 1/10 (49 centimetri), 1/16 (30 centimetri), 1/18 (26 centimetri), 1/24 (20 centimetri) ed 1/36 (13 centimetri). La scelta tra le varie opzioni riguardanti le dimensioni del prodotto, sulla base di quanto sinora affermato, resta a questo punto all’utente.

Rapporto qualità-prezzo

Valutare il rapporto qualità-prezzo, in questo come in altri settori, può fare la differenza tra concludere un affare e prendere una solenne cantonata. E’ chiaro che questo tipo di valutazione non è esattamente semplicissimo da effettuare e che in generale bisognerà tenere conto di molte caratteristiche tecniche connaturate al modellino primo di poter effettivamente capire se il suo prezzo sia equo o meno.

Normalmente, in via del tutto indicativa, diremo che un prodotto on the road realizzato in scala 1/10, capace di riprodurre determinati effetti sonori e luminosi, corredato da un motore e quindi da un controller ad alimentazione elettrica, ha un valore di mercato pari a circa 150 euro, soprattutto se offre scarsi spunti di personalizzazione e se non supera la soglia dei 40 chilometri orari.

E’ chiaro che lo stesso modellino dotato di qualche funzione supplementare, più curato nei dettagli e capace di raggiungere maggiori velocità, costerà via via di più sino a raggiungere un prezzo di circa 400 euro. Immaginiamo adesso di avere a che fare con una off the road, magari un buggy oppure ancora un truggy.

Partendo ancora da una scala 1/10 ma acquistando un prodotto scarsamente curato nei dettagli e capaci di offrire soltanto prestazioni standard sarà richiesto un budget pari a circa 350 euro, diversamente, i prezzi saliranno sino a raggiungere il limite delle 700 euro e più. In media poi i modellini dotati di motore a scoppio costano sempre di più rispetto ad un pari scala alimentato elettricamente.

I puristi, i collezionisti e gli amanti del genere che abbiano anche facoltà di investire parecchio denaro nella loro passione potrebbero invece acquistare un prodotto top di gamma: un modellino alimentato da motore a scoppio la cui scala sia pari ad 1/5 ed il cui costo, udite udite, raggiunge i 1300 euro…

Distanza di ricezione ottimale

Sino a quale distanza telecomando e modellino riescono ad interagire? Quando la frequenza inizia ad essere disturbata? Questo parametro andrebbe testato sia in presenza che in assenza di ostacoli. E’ ovvio che maggiore sarà la distanza coperta dal segnale e migliore sarà la resa dell’articolo. I prodotti meno prestazionali garantiscono una comunicazione efficiente entro qualche metro di distanza, gli altri, quelli che per intenderci sono destinati ai collezionisti, sono invece capaci di garantire un’autonomia di qualche centinaio di metri.

Aderenza

Dato che queste macchinine, come già detto altrove, rappresentano qualcosa di più di un semplice giocattolo e dato che possono addirittura competere tra loro in tornei di professionisti, è necessario che su qualsiasi tipo di terreno le si voglia utilizzare abbiano una buona tenuta di strada.

Questo parametro va valutato tenendo contemporaneamente in considerazione non soltanto la qualità dell’aderenza sull’asfalto (o sulle superfici in genere), ma anche le velocità raggiungibili e il grado di accelerazione che è possibile imprimere al sistema senza per questo rischiare che la vettura si ribalti.

Design

Anche il design ha una sua certa importanza nell’economia della valutazione di una macchina radiocomandata. L’aspetto di questo oggetto infatti colpisce immediatamente l’utente e può, a parità di caratteristiche tecniche, diventare la discriminante per l’acquisto di un prodotto anziché di un altro.

Ma con il termine “design” in questo caso non si fa riferimento soltanto a caratteristiche meramente estetiche dell’articolo: le linee del modellino possono infatti influenzare l’aerodinamicità della macchina telecomandata inficiando magari le nostre prestazioni in sede di gare e competizioni.

Velocità

Le macchine telecomandate devono ovviamente essere sempre veloci e scattanti. Questo parametro però può essere valutato soltanto se messo in relazione con le altre caratteristiche del modellino: un oggetto veloce ma dotato di scarsa aderenza serve a poco così come un prodotto che da questo punto di vista offra ottime prestazioni ma le cui caratteristiche di aerodinamicità lascino a desiderare non è poi il massimo.

Materiali e resistenza

Importantissimi sono poi gli standard di resistenza dei materiali e della componentistica. E’ ovvio infatti che essi devono essere in grado di sopportare scossoni, urti, sollecitazioni prolungate e quant’altro. Tale parametro andrebbe verificato tanto su percorsi poco impegnativi quanto su tracciati che presentano caratteristiche quasi proibitive.

Batterie

Ovviamente questo aspetto della questione va valutato solamente nel caso in cui si decidesse di acquistare un modellino ad alimentazione elettrica dato che, come abbiamo visto, essi funzionano un po’ come i cellulari dotati di batterie all’occorrenza ricaricabili. Bisogna quindi in questa evenienza prendere in considerazione tanto la durata quanto la qualità della pila così come ovviamente l’autonomia del dispositivo.

Un altro elemento in qualche modo connesso alla valutazione delle batterie è poi il numero di anni di funzionamento che la casa produttrice ci garantisce: non tutte le pile, a parità di utilizzo, durano lo stesso quantitativo di tempo. In ogni caso esse possono essere acquistate in separata sede e quindi sostituite a quelle eventualmente esauste senza grossi problemi.

Praticità di manutenzione

E’ ovvio che dopo aver speso cifre discretamente importanti si cercherà di tenere al meglio il proprio modellino, cosa che sicuramente richiede un certo grado di manutenzione. Ora, quando questo processo richiede un dispendio di tempo, energie e denaro eccessivi, sicuramente il gioco non vale la candela. Per questo motivo, ancor prima di mettere mano al portafogli, sarebbe il caso di valutare la praticità di manutenzione delle macchine telecomandate che ci si accinge ad acquistare.

In tal senso diventa fondamentale capire in che misura si sia in grado di provvedere da sé alla riparazione o alla sostituzione della componentistica. Utile è poi tentare di capire con quale facilità si possa assemblare o smontare la nostra macchinina telecomandata, cercare di capire se un dato modello presenti difetti di fabbrica e così via.

Le macchine telecomandate giocattolo

Abbiamo tanto parlato delle macchine telecomandate destinate ad un pubblico di adulti ed appassionati, ma a ben vedere dovremmo dedicare un paragrafo anche ai bambini che, come tutti sanno, amano questi oggetti a prescindere da questioni di collezionismo.

E’ chiaro che, per quanto attento ai suoi giocattoli (eh sì, perché stavolta si tratta proprio di giocattoli) il bimbo in questione non dovrebbe maneggiare un’auto telecomandata di eccessivo valore. Non a caso infatti i modelli destinati ai più piccoli sono sempre depotenziati: presentano trazione posteriore, la velocità non può essere modificata rielaborando la componentistica, i materiali per quanto di qualità sono comunque più scadenti e le possibilità di personalizzazione sono praticamente nulle.

Ciò a cui bisogna comunque fare attenzione quando si acquista un prodotto destinato ai più piccoli è che i materiali di realizzo siano in ogni caso resistenti e sicuri e che l’assemblaggio sia fatto in modo che il prodotto possa resistere a tutte le sollecitazioni provenienti da un uso esclusivamente ludico del prodotto.