Pentole a pressione

La pentola a pressione è un tipo di stoviglia adatto a cuocere gli alimenti in maniera rapida e sfruttando altissime temperature. La sua comparsa è più datata di quanto comunemente si crede: Denis Papin la inventò infatti sul finire del ‘600, ma l’oggetto non ebbe la fortuna che avrebbe meritato. Bisogna attendere i primi decenni del ‘900, tra gli anni ’30 e gli anni ’50 per essere più precisi, perché la pentola a pressione prenda a diffondersi tra gli utenti.

Ideatori delle due rivisitazioni sul tema proposte in quegli anni furono la Silit e la Seb, rispettivamente un’azienda tedesca ed una francese, attive nel settore. Giunti ai giorni nostri infine non possiamo che constatare la diffusione delle pentole a pressione, diffusione che è ampiamente giustificata visti i risultati che grazie ad esse è possibile ottenere.

Migliori pentole a pressione in commercio

ORA IN OFFERTA#1
Lagostina Irradial Control Lagoeasy'UP Pentola a Pressione 7 L in Acciaio Inox 18/10 Ø 22 cm, Pentola Induzione e Gas,...
  • PENTOLA A PRESSIONE: Le pentole a pressione Lagostina ti permettono di mangiare in modo sano e leggero, risparmiare...
#2
Lagostina Mia Lagoeasy'UP Pentola a Pressione 5 L in Acciaio Inox 18/10 Ø 22 cm, Pentola Induzione e Gas, Coperchio con...
  • PENTOLA A PRESSIONE: Le pentole a pressione Lagostina ti permettono di mangiare in modo sano e leggero, risparmiare...
#5
Pintinox pentola a pressione First in acciaio inox nichel free, adatta all'induzione, con 4 sistemi di sicurezza 3,5 Lt
139 Recensioni
Pintinox pentola a pressione First in acciaio inox nichel free, adatta all'induzione, con 4 sistemi di sicurezza 3,5 Lt
  • CARATTERISTICHE TECNICHE: pentola a pressione in acciaio inox Nichel Free, capienza massima 3,5 L, diametro 20 cm, fondo...
ORA IN OFFERTA#6
Moulinex CE7548 Turbo Cuisine Multicooker Veloce, 5 Litri, Pentola a Pressione Elettrica, Robot da Cucina Multifunzione...
81 Recensioni
Moulinex CE7548 Turbo Cuisine Multicooker Veloce, 5 Litri, Pentola a Pressione Elettrica, Robot da Cucina Multifunzione...
  • MULTICOOKER INTELLIGENTE: Il multicooker Moulinex Turbo Cuisine è la soluzione innovativa per cucinare piatti deliziosi...
#7
Amazon Basics Pentola a Pressione in Acciaio Inox a Induzione - 4 Litri
  • Pentola a pressione in acciaio inox, adatto per cucinare piatti deliziosi e nutrienti in meno tempo
#9
Ninja Foodi MAX 14-in-1 SmartLid Multicooker 7,5 L [OL750EU] Sistema Smart Cook, Sonda di cottura digitale, Pentola a...
  • 3 modalità, 14 funzioni di cottura - Passa tra le modalità Cottura a pressione, Frittura ad aria e Combi-Steam...

Come funziona la pentola a pressione?

Quando si cucina utilizzando una normale casseruola, l’acqua qui contenuta può arrivare all’ebollizione soltanto dopo aver raggiunto i 100°C. A quel punto, ovviamente, il liquido inizia ad evaporare. Quando la stessa pentola viene chiusa da un coperchio, l’ebollizione avviene più velocemente. In nessun caso comunque l’acqua all’interno della casseruola potrà raggiungere temperature superiori rispetto a quella indicata in precedenza.

La storia cambia però se si ha per le mani una pentola a pressione: in questo caso infatti la fuoriuscita di calore, di aria e quindi anche di vapore, viene bloccata. Ciò crea in breve tempo un innalzamento della pressione raggiunta all’interno del marchingegno, pressione che arriva a sfiorare i 2 bar. L’alterazione di questo valore fa sì che l’acqua per iniziare a bollire debba raggiungere almeno i 120° C e che quindi le pietanze cuociano in tempi notevolmente ridotti rispetto al normale.

Attenzione però: questo meccanismo è potenzialmente molto pericoloso. Allo scopo di monitorare i livelli di pressione e le temperature sviluppatesi all’interno della pentola sul coperchio vengono di norma installate due valvoline: una avrà il compito di controllare che non si superino le soglie di guardia ed una di garantire la sicurezza degli utenti.

Se la pressione dovesse in un dato momento risultare eccessiva, la valvola deputata al suo controllo verrà spinta verso l’alto facendo sì che il vapore acqueo defluisca, che la temperatura si abbassi sino ai 100°C e che conseguentemente il suddetto valore si riduca in maniera pressoché istantanea. Quando ciò accade la pentola emette un caratteristico sibilo. Se a sollevarsi è invece la valvola della sicurezza, solitamente contraddistinta dall’altra perché colorata, la pentola non può essere aperta.

Com’è fatta una pentola a pressione?

Una pentola a pressione, almeno nella sua accezione più classica, è composta da un coperchio avvitabile provvisto di manico, di valvole, di travers e di una guarnizione in gomma. Il sistema viene completato da manici e pentola vera e propria. Il tutto si assembla ovviamente in maniera tale da garantire all’utente la possibilità di ottenere una perfetta chiusura ermetica.

Pro e contro

La pentola a pressione, come già accennato, consente a chi la usa di accelerare notevolmente i tempi di cottura degli alimenti, risparmio di tempo che indirettamente comporta anche un ridotto consumo di gas. Questo sistema di cottura è adatto soprattutto nei luoghi in cui l’altezza dal livello del mare comincia a diventare considerevole: qui infatti, si pensi ad esempio alla montagna, la pressione si riduce notevolmente e l’acqua può iniziare a bollire anche prima di raggiungere la fatidica soglia dei 100°C.

Certo, utilizzare questa stoviglia mette l’utente anche davanti a qualche svantaggio, primo tra tutti l’ambito di utilizzo abbastanza ristretto: non tutti gli alimenti infatti possono essere cotti grazie all’azione di una pentola a pressione.

Altro piccolo particolare: si è sempre ritenuto che la pentola a pressione potesse essere davvero molto pericolosa, paragonabile quasi ad una bomba che possa scoppiare da un momento all’altro. In realtà tale convinzione ha quasi del superstizioso, almeno in certi casi: ogni pentola a pressione prodotta e commercializzata all’interno dei confini dell’Unione Europea deve infatti rispettare la normativa UNI EN 12778, garante di alti livelli di sicurezza.

Certo, l’impiego di questo oggetto inizia a diventare più pericoloso se si decide di acquistare un prodotto non costruito seguendo il protocollo indicato nella norma appena citata o realizzato in paesi stranieri non facenti parte dell’U.E. oppure ancora nel caso in cui la propria pentola a pressione sia davvero molto datata e perdipiù venga utilizzata in maniera inappropriata.

Come scegliere la pentola a pressione migliore

Ed ora, ottenute tutte le informazioni preliminari utili a familiarizzare con le pentole a pressione, vediamo come sceglierne una che abbia tutte le carte in regola per rivelarsi un ottimo prodotto:

  • Materiali: solitamente le pentole a pressione vengono realizzate in alluminio o in acciaio. Il primo materiale, leggero e spesso anche molto economico, è meno resistente e sicuramente soggetto ad ossidazione, l’altro invece non ha di questi problemi. Meglio quindi optare a priori per un più costoso ma sicuramente migliore prodotto costruito in acciaio.
  • Dimensioni: prima di acquistare una pentola a pressione ci si dovrebbe un attimo soffermare ad analizzare le proprie esigenze ed a considerare il numero di persone per cui si cucina abitualmente. Se in casa si è in due basta una pentola dalla capienza massima di 5 litri, per le famiglie numerose o per chi ha spesso ospiti a tavola meglio propendere per una 12 litri.
  • Accessori: le pentole a pressione, soprattutto quelle più moderne, sono spesso dotate di un display sul quale sarà possibile leggere tutte le informazioni utili relative alla cottura degli alimenti ed al sistema o persino scegliere dei programmi più o meno adatti alla lavorazione delle pietanze introdotte all’interno della pentola. Un altro utile accessorio potrebbe essere il cestello, perfetto per cuocere i cibi in maniera più sana e naturale.
  • Adattabilità al gas ad induzione: su questo punto c’è poco da dire. Alcuni modelli sono adatti per essere utilizzati sul gas tradizionale, altri per lavorare anche sui fornelli ad induzione. Basta verificare all’atto dell’acquisto se la pentola risponde alle proprie esigenze.

Come usare la pentola a pressione?

Una volta acquistata la propria pentola bisognerà anche imparare ad utilizzarla. Niente paura: non si tratta di qualcosa di complicato o di pericoloso, anzi.

Prima di tutto bisognerà introdurre nella casseruola gli ingredienti che compongono il piatto che si intende cuocere, compresi quindi aromi e spezie. Successivamente si procederà versando nella pentola tanta acqua quanta ne serve per coprire interamente gli ingredienti (c’è comunque un livello massimo consentito in genere indicato da una tacca incisa all’interno della marmitta).

A questo punto non bisogna far altro che chiudere ermeticamente la pentola ed accendere il gas (da tenere inizialmente a fiamma alta per poi ridurne la potenza una volta che si sente fischiare la valvola). Quando la cottura sarà pressoché ultimata, sarà bene far sì che tanto la pentola quanto il suo stesso contenuto si raffreddino un po’ e che la pressione all’interno del sistema diminuisca. Per far ciò basta porre l’oggetto per qualche minuto sotto un getto di acqua fredda.

Attenzione alle operazioni di pulizia e manutenzione: sono fondamentali per garantire il corretto funzionamento della pentola e la sicurezza di chi la usa. Come si potrebbe diversamente bollire, cuocere al vapore, al cartoccio, brasare, arrostire oppure ancora stufare tutte le pietanze che più amiamo?

Marco Scioni

marco responsabile sito prezzoerecensione.it content manager

Sono Marco Scioni, titolare e responsabile del sito prezzoerecensione.it. Sono un editore e autore specializzato in recensioni di prodotti di largo consumo con oltre 15 anni di esperienza. Scrivo guide consigliando gli utenti a scegliere i migliori prodotti in commercio. Testo personalmente numerosi articoli per la casa, cucina, giardino, infanzia, hobby, bricolage e realizzo recensioni obiettive, specificando i pro e contro di ogni prodotto.