Trapani a colonna

Trapani a colonna

Avere tra le mani uno tra i migliori trapani a colonna presenti attualmente in commercio significa avere la possibilità di eseguire un discreto numero di operazioni di bricolage ottenendo risultati professionali. Questo speciale attrezzo infatti consente di praticare con estrema precisione delle forature perpendicolari di dimensioni piccole, medie o grandi oppure ancora dei fori in serie. Tali tipologie di lavoro possono indifferentemente essere eseguite su materiali duri quali i metalli o su svariati legni oppure ancora su supporti di altra natura.

L’oggetto, per poter essere utilizzato in tutta sicurezza, andrebbe ancorato ad un ripiano poggiante sulla superficie di lavoro. Inutile dire che questo utensile, se rapportato ai trapani manuali, si colloca su un livello superiore, non fosse altro che per la precisione senza dubbio maggiore che è in grado di garantire all’utente.

opinioni classifica e prezzo migliori modelli in vendita online

Trapani a colonna: come avviene la trasmissione del movimento

I trapani a colonna, almeno per quanto riguarda la trasmissione del movimento, si dividono essenzialmente in due macro categorie; esistono infatti quelli a cinghia o, in alternativa, ad ingranaggi. Nel primo caso si ha solitamente a che fare con utensili pensati per essere maneggiati operando un avanzamento manuale. Non è raro poi che un trapano a colonna con trasmissione a cinghia monti punte il cui diametro sia uguale o inferiore ai 30 mm. Grazie ad un paio di pulegge di forma conica il movimento viene trasmesso al mandrino che, per mezzo di una cinghia, è a sua volta collegato all’albero motore del dispositivo.

Il trapano a colonna con trasmissione ad ingranaggi ha un funzionamento appena un po’ più complesso che garantisce all’utente la possibilità di portare a termine lavori molto più impegnativi rispetto a quelli generalmente affidati ad un attrezzo dotato di cinghia. I migliori trapani a colonna ad ingranaggi sono infatti in grado di perforare materiali molto duri e agiscono praticando dei fori dal diametro pari o superiore ai 30 mm. In questo caso l’avanzamento dell’attrezzo sarà automatico.

Tale utensile ben si presta infine ad eseguire dei lavori di foratura per i quali è previsto anche un arresto di profondità. Gli ingranaggi che lo compongono, soprattutto se confrontati con il meccanismo di trasmissione del movimento sopra descritto, sono parecchio più complessi: l’attrezzo consta infatti di un mandrino che comunica con un timone che, a sua volta, le case produttrici collocano in corrispondenza di una cassa anima.

Tutte le tipologie in commercio

I trapani a colonna possono appartenere a quattro diverse tipologie. Nello specifico in commercio sarà possibile reperire il semplice strumento in versione basic, il modello stazionario, il radiale ed il magnetico. Nel primo caso si ha a che fare con un utensile particolarmente compatto che, come già accennato in precedenza, deve sempre essere ancorato ad un tavolo da lavoro per poter permettere all’utente di agire in tutta sicurezza. Questa tipologia di trapani a colonna viene di norma consigliata ad artigiani o a chi necessita dell’attrezzo per piccoli lavori di bricolage.

Il trapano stazionario invece è un prodotto già più solido e convincente: esso infatti viene ancorato al pavimento ed è in grado di lavorare esercitando una certa potenza. Non è raro che esso sia destinato alle officine o ai laboratori in cui si è soliti lavorare su pannelli di una certa consistenza o di dimensioni rilevanti. Il trapano radiale invece è molto simile a quello basic, ma consente all’utente di regolare a proprio piacimento la distanza che separa il mandrino dalla colonna seguendo un asse di spostamento orizzontale.

In genere questo attrezzo viene utilizzato quando si ha necessità di eseguire dei fori non troppo vicini al bordo del supporto in lavorazione. Il trapano magnetico infine viene ancorato ad un piano di lavoro metallico mediante l’impiego di un potente elettromagnete. Amplissime sono le possibilità di fresatura oppure ancora di foratura, tanto da garantire a questo utensile un posto d’onore in tutti i cantieri.

Come scegliere un trapano a colonna

Adesso che l’utente ha in qualche modo avuto la possibilità di approfondire la conoscenza di questo attrezzo, è fondamentale che impari a distinguere tra un prodotto dalle scarse pretese ed un oggetto di indiscutibile qualità.
Chiaramente in questo paragrafo non ci si soffermerà più sui meccanismi di trasmissione (sarà di volta in volta l’acquirente a stabilire se, in relazione agli oggetti da lavorare o costruire, sia più adatto un meccanismo piuttosto che l’altro) né tanto meno sulle varie tipologie di attrezzo ad oggi in commercio (vale qui lo stesso identico discorso).

Le caratteristiche generali da tenere comunque presenti quando si acquista un trapano a colonna, a prescindere dai parametri sopra descritti, sono quindi:

  • Profondità della foratura: la profondità è un parametro particolarmente significativo e come tale merita la giusta attenzione. In primo luogo essa dipende in larga parte dalla possibilità di guidare l’utensile mentre il mandrino inizia ad abbassarsi. Per rendersi conto delle distanze che questo sarà quindi in grado di descrivere, basterà misurare la lunghezza della punta maggiormente estesa. Si tenga presente poi che mediamente i centimetri che separano mandrino e colonna sono pari a quelli del laterale del trapano. La capacità di foratura infine può essere rilevata misurando i diametri delle punte. Anche in questo caso non è possibile affermare che un attrezzo sia migliore dell’altro, spetta infatti all’utente stabilire quale utensile si adatti meglio alle sue necessità.
  • Potenza: i migliori trapani a colonna hanno in genere una potenza maggiore o uguale ai 710W. Chiaramente esiste una strettissima connessione tra il wattaggio di questo utensile, il diametro dei fori ed i materiali che si decide di trattare. Qualora l’utente sapesse già a priori di dover utilizzare spesso il trapano, farebbe bene a compiere una scelta nell’ottica del sovradimensionamento dello stesso. Si noti infine che se il dispositivo dovesse essere utilizzato in officina, si farebbe meglio ad optare per uno strumento ad alimentazione elettrica trifase, diversamente è sufficiente orientarsi su un monofase.
  • Velocità: ad essere particolarmente indicative sono in genere le basse velocità. I migliori modelli godono di regolazione meccanica, diversamente ci si dovrà accontentare di effettuare di volta in volta un controllo manuale dell’attrezzo.
  • Precisione: la precisione è fondamentale. I migliori trapani a colonna sono in genere corredati da indicatori millimetrici e guide. Per garantire maggiore stabilità, e quindi precisione, all’attrezzo, gli utensili più evoluti sfruttano anche una morsa. I top di gamma infine sono corredati da lucette e puntatori laser.
  • Dimensioni: quando si acquista un trapano a colonna è bene tenere sempre in considerazione gli spazi orizzontali e le altezze dell’ambiente e del piano di lavoro.
  • Materiali: la parola d’ordine è robustezza. Un buon trapano a colonna è in genere prodotto in ghisa.
  • Punte: il trapano a colonna monta solitamente punte universali in ferro. Esistono poi anche delle punte realizzate in altri materiali adatti a trattare una sostanza piuttosto che un’altra e ad eseguire svariate tipologie di lavorazioni. Se realizzate in metallo, le punte in uso devono periodicamente essere lasciate raffreddare e lubrificate dopo qualche utilizzo.
  • Morsetto: il consiglio è quello di optare sempre per un prodotto industriale che rispetti parametri quali le dimensioni delle ganasce.
  • Mandrino: si consiglia di optare sempre per un mandrino autoserrante in nylon o, ancor meglio, per una più solida versione industriale del prodotto.

Migliori trapani a colonna economici e professionali da banco e da pavimento

1
Bosch PBD 40 Trapano a Colonna, 710 W, per Acciaio e Legno, 13 mm e 40 mm
121 Recensioni
Bosch PBD 40 Trapano a Colonna, 710 W, per Acciaio e Legno, 13 mm e 40 mm
  • Trapano a colonna PBD 40 per una foratura precisa e un impiego semplice
  • Agevole esecuzione di forature in serie, grazie all'indicatore digitale, che consente di leggere con facilità l'esatta profondità di foratura
  • Con laser integrato per forature precise e minitorcia a LED per una buona illuminazione dell'area di lavoro
  • Preciso posizionamento del pezzo in lavorazione, grazie alla guida parallela e all'ampio piano di lavoro; mediante l'apposito morsetto rapido,...
  • Dotazione PBD 40, guida parallela, morsetti di fissaggio rapido e confezione in cartone
2
Einhell Bt-Bd 501 E, Trapano a Colonna
73 Recensioni
Einhell Bt-Bd 501 E, Trapano a Colonna
  • Tensione di ingresso nominale: 230 V, 50 Hz
  • Potenza: 500 W
  • Modalità di funzionamento: S2 15 min.
  • Velocità di uscita: 280 - 2350 rpm
  • Velocità del motore: 1400 rpm
3
Einhell - Trapano a colonna TC-BD 350 (350 W, 580-2650 giri/min, velocità regolabile...
7 Recensioni
Einhell - Trapano a colonna TC-BD 350 (350 W, 580-2650 giri/min, velocità regolabile...
  • Con la potenza massima di 350 Watt per 15 minuti e la regolazione del numero di giri a 5 livelli di potenza per il materiale da 580 a 2.650 giri...
  • Il mandrino con cuscinetti a sfera garantisce un funzionamento duraturo anche in caso di impieghi duri e duri in officina o in cantiere.
  • Il trapano orientabile e inclinabile offre una vasta gamma di possibilità di foratura. Inoltre, l'altezza del trapano è regolabile in modo...
  • La profondità di arresto regolabile protegge da fori profondi e una quantità eccessiva di materiale di riduzione e offre quindi condizioni...
  • Sul corpo è installato l'interruttore On/Off con attivatore a tensione zero che protegge dall'avvio accidentale.
  • La croce girevole a 3 bracci offre sempre il migliore effetto leva
  • Il trapano è dotato di un sistema di protezione anti-trucioli pieghevole. Questo protegge l'utente da trucioli di seghetto smussati.
4
Einhell Trapano a Colonna BT-BD 401
125 Recensioni
Einhell Trapano a Colonna BT-BD 401
  • Avanzamento a cinghia per regolazione della velocità su puleggia
  • Albero a forare su cuscinetti
  • Mandrino a cremagliera
  • Protezione antitrucioli regolabile
  • Guida di profondità regolabile per fori di precisione
  • Piano a forare inclinabile e ribaltabile
  • Altezza del piano regolabile
5
FERM Trapano a colonna - 350W – 13 mm - Velocità regolabile
3 Recensioni
FERM Trapano a colonna - 350W – 13 mm - Velocità regolabile
  • Numero di velocità regolabili: 5 (500, 890, 1400, 1900, 2500/min-1)
  • Dotato di testa del mandrino dentata per il fissaggio sicuro dei diversi tipi di punte
  • Lavoro sicuro grazie alla custodia di sicurezza trasparente
  • Dimensione del banco di lavoro: 160 x 160mm (inclinabile -45° a 45°)
  • Limitatore di profondità
6
Einhell 4250590 BT-BD 701T Trapano a Colonna, 630 W
100 Recensioni
Einhell 4250590 BT-BD 701T Trapano a Colonna, 630 W
  • Velocità albero di 220 a 2450 rotazioni in 12 posizioni
  • Inclinazione del piano da -45 ° fino a 45 °
  • Attacco mandrino: B16
  • Diametro punte: 3 -16 mm
  • Escursione: 126 mm
  • Profondità massima: 60 mm
7
Proxxon 27110 - Microfresa MF 70
22 Recensioni
Proxxon 27110 - Microfresa MF 70
  • Cover del braccio in alluminio Ghisa A pressione con Motore Speciale di 24 Poli (bilanciato).
  • La fresa LAVORA senza vibrazioni A alte giri.
  • fissaggio di L' Utensile per Mezzo di pinze di fissaggio sistema MICROMOT (Acciaio temperato di 3 slot)...
  • tavolo con 3 slot Continue in T (NORMA MICROMOT 12 x 6 x 5 mm).
  • Tutte le corone manuali con anello di scala regolabile A Zero (1 U = 1 0 mm 1 divisione Parziale = 0 05 mm)., potenza 220 - 240 V 100 W...
Ti è piaciuto l articolo? Dai un voto per favore 🙂