Tritacarne elettrici e manuali

Il tritacarne è uno strumento che consente a chiunque abbia una certa predilezione per i cibi fatti in casa di assecondare le sue inclinazioni. Esso però può anche essere utilizzato nelle cucine e nei laboratori delle piccole e medie attività commerciali in qualche modo legate alla somministrazione dei cibi. Grazie a questo elettrodomestico infatti si possono lavorare in tutta autonomia diversi tagli di carne, scelti ovviamente in modo tale da garantirsi una certa qualità della materia prima.

D’altra parte se si considera che purtroppo sempre più spesso il telegiornale o i media in genere portano alla luce scandali legati alla cattiva lavorazione ed alla pessima qualità dei macinati acquistati nei supermercati, l’idea di comprare un tritacarne non deve poi sembrare tanto strana. Diciamoci inoltre la verità: congelati e preconfezionati ci arrivano in tavola senza che nessuno abbia modo di accertarsi fino in fondo della salubrità del processo di preparazione, cosa che in molti casi non depone di certo a nostro favore.

A parte la certezza di una maggiore genuinità della carne ottenuta utilizzando un buon tritacarne, c’è un altro vantaggio legato all’impiego di questo attrezzo da cucina: il risparmio. I preparati, lo sappiamo tutti, costano in genere molto di più rispetto agli ingredienti base. Se quindi si hanno a disposizione un po’ di tempo, la giusta attrezzatura e la capacità manuale richiesta perché non provvedere da sé ai bisogni della famiglia?

Chiaramente l’acquisto di un tritacarne non può essere effettuato a cuor leggero ed è quindi importante che prima di mettere mano al portafogli ci si documenti adeguatamente sulle caratteristiche di questo attrezzo. Siamo qui per questo.

opinioni classifica e prezzo migliori modelli in vendita online

Tritacarne elettrici e manuali

Semplificando un po’ il discorso potremmo dire che sul mercato esistono tendenzialmente due diverse tipologie di tritacarne: quelli manuali e quelli elettrici. Nel primo caso avremo davanti un prodotto molto semplice da utilizzare ed altrettanto economico da acquistare. E’ chiaro che la componentistica impiegata per realizzare tali marchingegni è tutto fuorché tecnologicamente avanzata, ma i risultati sono comunque garantiti.

Questo genere di apparecchio tagliuzza nella maniera più fine possibile i pezzi di carne evitando comunque di lasciare che i succhi qui contenuti fuoriescano: proprio qui sono conservate infatti molte sostanze nutritive tipicamente reperibili in questo alimento. Per usare un simile apparecchio sarà necessario introdurre la carne tagliata a pezzi nell’apposito alloggio presente sulla parte superiore del macchinario ed aspettare che poco alla volta essa finisca sotto tiro del coltello rotante contenuto nel corpo macchina.

Quest’ultimo viene attivato da una manovella. La carne macinata infine verrà fuori da un pertugio sito nella parte inferiore dell’oggetto. Se non si fosse soddisfatti del risultato ottenuto si potrebbe ripetere più volte l’operazione. Certo, questo metodo implica la perdita di un po’ di tempo in più rispetto a quanto non si faccia utilizzando la variante elettrica e richiede anche una certa dose di energie, ma c’è da dire che la carne, lavorata in questa maniera non perde i succhi di cui si compone e conserva inalterata la sua consistenza.

Passiamo adesso ai tritacarne elettrici. Essi possono prevedere o meno tra i vari ingranaggi anche la presenza di una cinghia di distribuzione. Qualora questa componente fosse inclusa nel corpo macchina, la potenza sarebbe meglio gestita dato che verrebbe erogata in maniera molto graduale. La prima categoria di tritacarne consta di norma anche di un motore abbastanza potente, nell’altro caso invece questo pezzo è meno prestazionale, ma i risultati saranno comunque paragonabili.

Per utilizzare un tritacarne elettrico la procedura da seguire è praticamente la stessa di quella già descritta nel caso della variante manuale, l’unica differenza ovviamente sta nell’automazione del processo. Tale macchinario comunque consente di lavorare la stragrande maggioranza dei tagli di carne e persino la frutta secca, alcune tipologie di formaggi ed anche i pomodori.

E’ ovvio che se è vero che l’impiego un tritacarne elettrico risulta in generale più pratico e veloce è anche vero che il consumo energetico legato all’uso del dispositivo potrebbe essere rilevante e che non sempre il prodotto grazie ad esso lavorato manterrà alti standard qualitativi (il calore che la velocità di rotazione delle lame tende a sviluppare all’interno del corpo macchina priva la carne infatti dei succhi che, come abbiamo visto, contengono buona parte delle sostanze nutritive presenti in questo alimento).

Tritacarne: come scegliere quello giusto?

Fatta quindi questa opportuna distinzione tra tritacarne elettrici e tritacarne manuali, è arrivato il momento di sondare le caratteristiche comuni ad entrambe le tipologie di apparecchi e di porre in risalto quindi quelle che possono fare la differenza tra un prodotto di bassa lega ed uno altamente performante. Ecco allora quali qualità sarà opportuno ricercare nell’oggetto che si intende acquistare:

Materiali

I materiali con cui vengono di solito costruiti i tritacarne appartengono a due grandi categorie, il PVC ed il metallo. Ovviamente questa affermazione si adatta soltanto al corpo macchina perché le lame ed i dischi, per resistere nel tempo e per garantire prestazioni ottimali, possono essere fabbricati soltanto in acciaio inossidabile. Torniamo quindi ai tritacarne nella loro interezza.

Quando essi sono costruiti in plastica risultano in genere molto leggeri e nella maggior parte dei casi anche compatti. Questa variante di solito non contempla la presenza di un motore ed è quindi necessario azionare la manovella perché il sistema lavori. I tritacarne di plastica, sebbene abbiano i loro pregi, non consentono di macinare molti tipi di carne e sono spesso sprovvisti di accessori utili che invece non mancano in altre varianti del prodotto.

Inoltre non si caratterizzano certo per la facilità con cui l’utente può pulirli. Per quanto riguarda i tritacarne in metallo invece bisogna dire che in commercio possiamo trovare articoli realizzati interamente in acciaio inox o varianti costruite in alluminio pressofuso. Ciascuno dei due casi garantisce una certa solidità strutturale.

Questi modelli inoltre sono spesso predisposti per ospitare un motore (non è raro che sia presente anche la manovella) ed hanno in genere dimensioni variabili. Essi meglio si adattano ad un uso frequente e prolungato.

Dimensioni

Valutare le dimensioni del tritacarne può rappresentare un utilissimo criterio di selezione. Chiaramente in tal senso molto dipende dall’uso che si intende fare del macchinario, ma anche dal tipo di carne che si suole macellare.

Preparare, magari per una scorta annuale, dei salumi oppure ancora degli insaccati sfruttando carne suina o bovina significa avere la necessità di lavorare con una macchina dalle dimensioni abbastanza grandi, realizzata grazie all’impiego di buoni materiali e perfettamente in grado di rimanere in funzione anche per quattro ore filate. Dimensioni più contenute si adattano invece a chi utilizza il macchinario più raramente e comunque per lavorare piccole porzioni di carne.

Accessori

Anche per quanto riguarda il tritacarne, un po’ come succede per molti altri elettrodomestici, è utile se non necessario badare agli accessori inclusi nel package. Chiaramente il più delle volte un modello iperaccessoriato ha un costo meno contenuto, ma spesso il gioco vale la candela. Tra gli allegati più utili ricordiamo innanzitutto i dischi che, in relazione alle loro caratteristiche, possono dare modo all’utente di lavorare un ventaglio più o meno ampio di carni o di ottenere dei triti aventi consistenze differenti.

Questa caratteristica è molto importante: si pensi alla necessità di rendere il più fine possibile la carne da utilizzare magari per preparare un ripieno nei ravioli o nei tortellini ed alla diversa consistenza che serve invece per della carne da ragù. Attenzione quindi che i dischi inclusi nella confezione siano almeno tre e che ovviamente siano facilmente intercambiabili.

Utile è anche l’accessorio in genere utilizzato per preparare le salsicce e che consta di un cono dalle dimensioni differenti in cui viene sistemato il budello che servirà a contenere il trito di carne. Non guasta poi la presenza dell’accessorio comunemente impiegato per la preparazione dei paté. Chiuso l’argomento carne, si tenga presente che nelle confezioni dei migliori prodotti sono spesso reperibili anche degli accessori che consentono di lavorare i pomodori, magari per realizzare un’ottima passata home made, o i formaggi.

In questo caso si tratterà di dischi aventi una trama particolare, di supporti per coni e di aggeggi che consentano di trattare il formaggio in modo da ottenere una pasta a grana fine o grossa. Se questa possibilità alletta l’utente è bene orientarsi a priori su macchine molto accessoriate: con un un’unica spesa, anche se più sostanziosa, ci si porterà a casa un oggetto in grado di assolvere a diverse funzioni e si risparmierà spazio sugli scaffali della cucina.

Spesso inclusi nella confezione sono anche un pressino, utile a pigiare la carne dentro il corpo macchina dell’oggetto qui in esame, una ciotola in cui raccogliere il prodotto finito ed un vassoio su cui disporre la materia prima quando ancora si è alla fase iniziale della lavorazione.

Manutenzione

Eccoci arrivati finalmente all’ultimo aspetto da tenere in considerazione quando ci si accinge ad acquistare un tritacarne; la facilità di manutenzione. Una corretta pulizia del macchinario dopo ogni utilizzo è a dir poco fondamentale tanto per garantire quegli alti standard igienici a cui in genere ambiscono i sostenitori dell’home made, tanto per mantenere sempre efficiente questo utile elettrodomestico.

I tritacarne elettrici constano in genere di parti smontabili da lavare in lavastoviglie oppure manualmente. Chiaramente la parte dell’oggetto in cui trova alloggio il motore non andrà mai messa sotto il getto d’acqua, ma verrà pulita al massimo con una pezzuola inumidita. Diverso è il discorso per i tritacarne in plastica che non avendo parti elettriche possono essere lavati per intero. Anche in questo caso comunque esistono dei modelli che prevedono lo smontaggio di alcune parti, ma non sempre rimontare queste ultime risulterà agevole come sperato.

Un suggerimento utile per semplificare le operazioni di manutenzione? Beh, una volta macinata tutta la carne che si ha a disposizione, ci si procuri un po’ di pane raffermo e lo si introduca nell’apparecchio come se lo si volesse lavorare. Sulla mollica si saranno attaccati molti residui di grasso, ma anche dei pezzetti di carne.

Ciò non significa che il macchinario non debba comunque essere pulito in tutte le sue parti, ma l’operazione sarà di sicuro più semplice e veloce. In ogni caso il consiglio è quello di prediligere sempre dei modelli che possano essere smontati in tutte le loro parti in maniera tutto sommato abbastanza immediata.

Migliori tritacarne elettrici e manuali 2021

1
【Upgraded】Aobosi Tritacarne Elettrico 3-IN-1...
1.614 Recensioni
【Upgraded】Aobosi Tritacarne Elettrico 3-IN-1...
  • 🥩【Motore potente, veloce e conveniente】🎀...
  • 🍖【Sano e nutriente】Con questo potente...
  • 🍣【3-in-1 tritacarne elettrico】Lavorare come...
2
Tritacarne, 3 Piastre di Macinazione & 2 Lame in...
  • 🥩【Motore potente, veloce e...
  • 🍣【3-in-1 tritacarne elettrico】Lavorare come...
  • 🍖【Sano e nutriente】Con questo potente...
ORA IN OFFERTA3
RIGAMONTI Tritacarne
205 Recensioni
RIGAMONTI Tritacarne
  • Pratico strumento per preparare e cucinare i tuoi...
  • Dimensioni: 14 x 20 x 11 cm
  • Composizione principale: acciaio inox
ORA IN OFFERTA4
Tritacarne OSTBA 2000W Max, 5-IN-1 Tritacarne Elettrico...
  • Motore professionale potente e veloce Tritacarne -...
  • 5-IN-1 Multi-Use Tritacarne - Funziona come...
  • Tecnologia di macinazione perfetta - Velocità...
ORA IN OFFERTA5
Tritacarne Elettrico 1500W (Bianco) - Per Carne e...
  • POTENZA, EFFICACIA ED ELEGANZA - Il tritacarne...
  • ACCESSORI MULTIPLI - Il tritacarne elettrico è...
  • FACILITÀ DI UTILIZZO E PULIZIA - Il suo ampio...
6
Bakaji Tritacarne Elettrico Potenza 1200W per Carne...
23 Recensioni
Bakaji Tritacarne Elettrico Potenza 1200W per Carne...
  • Trita carne, pesce, frutta e verdura con il...
  • Il tritacarne elettrico Bakaji è fornito di lama...
  • Dotato infine di doppio interruttore di sicurezza....
7
Bosch MFW68660 ProPower Tritacarne, 800 W, Nero /...
1.895 Recensioni
Bosch MFW68660 ProPower Tritacarne, 800 W, Nero /...
  • Potenza blocco motore di 2200 W
  • Diametro dischi tritacarne 8 cm
  • Puntale per salsicce e insaccati
8
GSW Fleischwolf Tritacarne in Alluminio, Misura n. 8,...
  • Tritacarne misura n. 8 in alluminio con inserto...
  • Tritacarne misura n. 8 / accessorio per...
  • Ideale anche per cucinare
ORA IN OFFERTA9
Metaltex 25.17.21 Jack - Tritacarne 3 in 1 in lega di...
  • Con manovella in legno
  • Con trafila per biscotti, imbuto per salsicce e...
  • Con dispositivo a vite incl. protezione in...
ORA IN OFFERTA10
BLACK+DECKER BXMMA1000E Tritacarne + Passapomodoro1000...
  • FUNZIONI MULTIPLE: Ha tre dischi da taglio di...
  • PRESTAZIONI di ALTA QUALITÀ: con un motore...
  • UTILIZZO FACILE: due posizioni uniche per attivare...